gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-bambino-0
1 5

Quanto costa un bambino? I consigli per risparmiare

/pictures/2018/04/05/quanto-costa-un-bambino-cinque-consigli-per-risparmiare-768148165[1238]x[516]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-bambino

Come risparmiare sulle spese per un bambino? Non è detto che quando nasce un bebè si debba spendere una fortuna. La pedagogista ci offre 5 consigli per risparmiare

Come risparmiare sulle spese per un bambino

Ho sentito, per caso, in una trasmissione televisiva, un dettagliato resoconto delle spese affrontate dalle famiglie con un bimbo piccolo nel primo anno di vita e ho subito pensato: ”ma io non ho speso così tanto”…perché? Come ho fatto a risparmiare? E allora ecco i miei consigli su come risparmiare sulle spese per un bambino, dai pannolini al passeggino, fino ai vestitini, per non spendere una fortuna nell'acquisto di un corredino per neonato extralusso che alla fine potrebbe rivelarsi del tutto inutile.

gpt native-middle-foglia-bambino

  1. Vestitini: cosa serve per il corredino del neonato? Davvero poco, in realtà basta fare scorta di body (a manica lunga o corta a seconda della stagione) e di tute in cotone o ciniglia. Purtroppo Matteo non ha cuginetti più grandi che ci hanno forniti l’occorrente. Ho dovuto comprare tutto. Le prime cosine del corredino le ho acquistate in saldo, anche al 70% a luglio, poi, una volta nato lui a settembre, ho preferito comprare l’occorrente su E-bay dove ho cominciato anche a vendere, a mano a mano, gli abitini che non andavano più al mio ometto. Alcuni li ho ovviamente conservati in prospettiva del secondo figlio, con gli altri sono riuscita a ricavare i “fondi” per comprare il necessario a Matteo per i mesi successivi. E-bay è un mercato virtuale in cui si trova di tutto, nuovo e usato, dagli abiti premaman ai ricambi per l’aspirapolvere. Ci sono poi anche altri tipi di negozi virtuali per bambini, basta digitare ciò che serve sul motore di ricerca.
  2. Pannolini: anche qui sono riuscita a risparmiare parecchio, utilizzando i pannolini lavabili in casa e gli usa e getta quando si usciva per una passeggiata. Ci sono diversi tipi di pannolini usa e getta: i classici “”sorrisi e triangoli” e anche le mutandine con l’inserto assorbente. Ho scelto la seconda soluzione, per me più pratica perché l’inserto assorbente si sfila dalla mutandine e si lava in lavatrice. Quando Matteo è andato all’asilo ho optato per pannolini di marca sconosciuta che ho trovato all’outlet del pannolino. Si chiamano PILLO, vengono dalla Germania e sono in vendita anche online sul loro shop. Ho provato anche quelli dei supermercati LIDL (si chiamano LUPILU) e mi sono trovata benissimo nonostante la delicatezza cutanea di Matteo.
  3. Carrozzine, passeggini & co.: consiglio sempre di andare a vedere il modello che più ci piace in un negozio per provarlo con mano, sentirne il peso, verificarne la praticità, e poi comprarlo su Ebay o nei negozi virtuali, nuovo o usato, con un risparmio che varia dal 20% al 60% sul prezzo di negozio
  4. Omogeneizzati: io li ho sempre fatti in casa, ho comprato solo l’omogeneizzatore, all’inizio dello svezzamento ho comprato i liofilizzati nelle parafarmacie o nei negozi specializzati. Su e-bay e nei negozi virtuali si trovano anche farmacie e parafarmacie, bisogna stare attenti solo al costo delle spese di spedizione
  5. Mercato rionale e mercatini: anche andando a fare una passeggiata nei classici mercatini si può aiutare il portafogli!!! Io compro le scarpe di Matteo sulla bancarella di un mercatino romano e, se sono fortunata, ho tempo di rovistare e trovo il numero giusto, e non sto parlando di scarpine qualsiasi ma di Chicco, Adidas, Replay&sons NUOVE anche 10 euro!!!

A questi consigli di ordine pratico noi vorremmo aggiungere anche:

  • fate una ricca ed efficace lista nascita all'interno della quale inserire solo oggetti davvero utili;
  • andate a fare shopping con una mamma più esperta, che saprà certamente frenare la smania di acquistare di tutto, anche le cose che si riveleranno inutili e giaceranno abbandonate nell'armadio;
  • accettate in prestito i vestiti, ma anche il seggiolone, il passeggino, e tutto ciò che è stato conservato in buono stato: sono oggetti che spesso sono stati usati per poco tempo e costano un bel po' di soldi;
  • fate ginnastica in casa invece che spendere soldi per un abbonamento in palestra che difficilmente si riuscirà a sfruttare davvero;
  • organizzatevi con un'amica o una vicina che ha figli piccoli per condividere la baby sitter.
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0