Home Il bambino Shopping

Come fanno la spesa le mamme italiane?

di Redazione PianetaMamma - 08.05.2014 Scrivici

fasciatoio
Le mamme italiane cambiano il modo di fare la spesa: spazio a pannolini, flessione nell'acquisto di generi alimentari

CRISI ECONOMICA, SPESA DELLE FAMIGLIE

- Come cambia la

spesa

delle famiglie italiane in tempo di crisi economica? E cosa preferiscono comprare le mamme del Belpaese, con un occhio a ciò che serve alla famiglia ed uno al

portafoglio

?

Il 2° rapporto annuale sui comportamenti di acquisto nella maternità ("Panel MaterCom" - composto da 2000 mamme in tutta Italia con figli da 0 a 36 mesi o in stato interessante) realizzato da Marketing Management, prova a rispondere a questa domanda.

LEGGI ANCHE

10 regole veloci per risparmiare

Scopriamo che nel 2013 le mamme italiane hanno speso 1,93 miliardi di euro in

prodotti alimentari e per l'igiene

e la pulizia dei propri figli (con un incremento rispetto all'anno precedente del 2,1%), ma sono aumentati gli acquisti per i prodotti per la pulizia a scapito di quelli alimentari: la spesa alimentare copre il 55% degli acquisti di valore, mentre è comunque aumentata la

spesa

destinata ai prodotti per l'igiene e la cura della persona. Tra questi i pannolini che coprono addirittura il 30,1% della spesa totale per le famiglie con bambini piccoli.

Ma il dato interessante è che non è aumentato nè il prezzo nè le mamme hanno optato sempre più verso prodotti di

più alto prezzo

: l'incremento nella spesa dei pannolini è legato essenzialmente - spiegano dall'istituto di ricerche statistiche e sondaggi di opinione - ad un aumento della quantità di prodotti, motivato probabilmente con l'aumento del numero medio di cambi giornalieri e con l'innalzamento dell'età media dello "

spannolinamento

". Insomma, prima si spendeva meno in pannolini perchè si toglieva il pannolino ben prima di quanto non si faccia oggi.

E dall'indagine emerge anche come la figura dei

nonni

sia sempre preminente nell'economia domestica delle famiglie  italiane. Il canale di vendita maggiormente cresciuto nel 2013 è quello relativo ai "prodotti ricevuti in regalo", cioè a quei prodotti il cui acquisto le mamme delegano ai nonni.

LEGGI ANCHE

10 consigli per crescere i figli risparmiando

Un altro dato che emerge chiaramente è che viene anticipata l'età in cui i bambini cominciano ad utilizzare non più prodotti di brand baby e passano a

prodotti per adulti,

con il chiaro obiettivo di risparmiare il più possibile e il prima possibile.

Abbandonando lo scaffale espressamente dedicato ai prodotti per l'infanzia il

risparmio

è notevole, anche se proprio recentemente i pediatri si sono allarmati di fronte al precoce utilizzo di prodotti alimentari destinati agli adulti su bambini ancora troppo piccoli, con preoccupanti effetti sullo stato di

salute dei bambini

nel corso del tempo (il latte

vaccino

ne è un esempio).

Fonte

Repubblica

BEBE' QUANTO MI COSTI

gpt inread-altre-0

articoli correlati