Home Il bambino Pianto e sonno

Come gestire la regressione del sonno dei 4 mesi: consigli e suggerimenti

di Elena Cioppi - 24.12.2020 Scrivici

bambino-sonno
Fonte: shutterstock
Come gestire la regressione del sonno dei 4 mesi del neonato, perché accade e e come ritornare a ritmi più sereni, sia per i genitori che per il bebè?

Il sonno del bambino è un nodo cruciale della sua crescita ma anche delle evoluzioni come genitori della sua mamma e del suo papà. E questo perché, se il sonno è sereno e costante, senza scossoni, tutta la famiglia ne beneficia e il neonato, che nei primi mesi di vita deve dormire il più possibile, cresce sano, forte e soprattutto è più tranquillo nelle fasi di veglia. Ma come comportarsi quando si presenta la fase della regressione del sonno dei 4 mesi? Il ciclo delle regressioni nei bambini è naturale e nelle fasi della crescita sono spesso legate a momenti di apprendimento anche e soprattutto attraverso gli scatti di crescita.

La regressione del sonno a 4 mesi però può essere abbastanza dura. Vediamo perché accade e come tornare a ritmi più sereni.

In questo articolo

Regressione del sonno dei 4 mesi: perché succede?

Il bebè è irrequieto, fa fatica ad addormentarsi e a conquistare una notte di sonno il più possibile stabile (al netto delle poppate notturne che ancora fa)? Se il neonato ha 4 mesi è possibile che si tratti di quella che gli esperti chiamano sleep regression: una delle prime, almeno, perché il bambino ne vivrà eventualmente anche altre, nelle fasi più importanti dello sviluppo del suo cervello. Altri momenti di regressione del sonno potrebbero presentarsi infatti a 6 mesi, 10 mesi e 12 mesi del bambino.

A tenerlo così attivo infatti è proprio la crescita del suo apparato cerebrale. Quindi non è un "dispetto" o una mancanza di routine che i genitori non hanno saputo dare al proprio figlio, è un fenomeno fisiologico importantissimo, che spesso si presenta con questi segnali:

  • malessere 
  • tanti risvegli notturni
  • meno nanne durante il giorno
  • aumento o diminuzione dell'appetito

Sono regressioni che corrispondono spesso a momenti di crescita e apprendimento del bambino, che proprio a 4 mesi impara a rotolare e ad afferrare, quindi il suo cervello si sforza molto per coordinare le manine.

Quanto dura la regressione del sonno dei 4 mesi?

Non c'è, ovviamente, una durata soggettiva: dipende da bambino a bambino e anche dalle abitudini della sua famiglia. Proprio la routine del sonno aiuterà il bambino a tornare ai suoi ritmi pre-regressione: seguirne una o ripristinarla permetterà al piccolo di rilassarsi più facilmente e di entrare nel mondo dei sogni con più facilità. In media però la regressione dura circa due settimane, prima di ritornare alla normalità.

Come gestire la regressione del sonno del neonato di 4 mesi

Ecco alcuni consigli per gestire al meglio la regressione del sonno dei 4 mesi.

Impostare una routine della nanna

Questo è un passaggio fondamentale non solo nei momenti di regressione, ma anche in quelli precedenti e successivi! La routine aiuta il piccolo a capire che è ora di dormire (e di fare la "nanna lunga" o, almeno, quella un po' più lunga dei riposini che fa durante il giorno). Se la routine era già stata stabilita dai genitori prima della regressione, va riabilita con le stesse modalità: messa a letto sempre allo stesso orario, gestione delle poppate così da non interrompere il sonno del neonato quando sta beatamente riposando.

Aiutare il neonato a dormire bene

Questo vale anche durante il giorno: stimolarlo troppo, usare luci e suoni di giocattoli alla sera prima di andare a dormire, non lo aiuta a quietare il suo cervello che, come abbiamo visto, già lavora parecchio in questo periodo. I neonati così piccoli hanno di solito bisogno di 12 ore piene di sonno, arrivando anche a 17 ore di nanne notturne e riposini diurni: aiutarlo a trovare il modo per prendere sonno e riposare è compito della mamma o del papà, che dovranno creare le condizioni di un buon sonno tutte le sere (grazie alla routine consolidata).

Non innervosirsi

Questa è la parte più difficile! I risvegli notturni, soprattutto quando si moltiplicano per la regressione, non sono però un dispetto che il piccolo fa ai suoi genitori. Se fa capricci o si lamenta nella notte, innervosirsi è quanto di più sbagliato si possa fare: non è pensabile che un neonato che si è svegliato possa riaddormentarsi di botto senza essersi sfogato piangendo, magari prendendo il seno della mamma per calmarsi oppure il ciuccio. Essere comprensivi in questo senso lo aiuta a rientrare nel suo stato di sonno, senza creare inutili rotture dell'equilibrio.

La poppata è necessaria?

Non sempre, anche perché il neonato che si sveglia a causa della regressione non lo fa, la maggior parte delle volte, perché ha fame. Quindi preparare il biberon per farlo mangiare e riaddormentare così a pancia piena potrebbe in realtà provocare l'effetto contrario e spingere il bambino a sentirsi più agitato la notte stessa o il giorno dopo. 

Fonti per l'articolo: "What to Expect the First Year"; Healthline, "Your Guide to Managing the 4-Month Sleep Regression"

gpt inread-altre-0

articoli correlati