Home Il bambino Pianto e sonno

Cosleeping: bambini che dormono nel lettone

di Redazione PianetaMamma - 09.04.2013 Scrivici

dormire-con-qualcuno-accanto
In molti Paesi è diffusa l’abitudine di dormire con il neonato nel proprio letto. Questa pratica, nota con il nome di cosleeping o bedsharing è in alcuni casi protratta fino al secondo anno di vita

Dott.ssa Isabella Ricci
Psicologa

In molti Paesi è diffusa l’abitudine di dormire con il neonato nel proprio letto. Questa pratica, nota con il nome di

cosleeping o bedsharing

è in alcuni casi protratta fino al secondo anno di vita.

In realtà i dati provenienti dalla letteratura sono discordanti circa questo tipo di abitudine, in quando secondo alcuni studi essa sarebbe

foriera di determinati vantaggi.

Altre ricerche invece hanno considerato quest’abitudine

dannosa e pericolosa

, a meno che non si attuino determinate linee guida.

LEGGI ANCHE: Cosleeping, una scelta consapevole

I sostenitori del cosleeping asseriscono che esso è molto positivo in quanto assicura una maggiore nutrizione del bambino, meno risvegli, e quindi anche un aumento della produzione dell’ormone della crescita, che viene secreto durante il sonno.

Questa pratica

facilita l’addormentamento del bambino

ed è considerata benefica in quanto favorisce l’allattamento al seno (

LEGGI

) e cementa la relazione madre-bambino, soprattutto nelle situazioni in cui le madri sono costrette a trascorrere gran parte della giornata fuori casa per lavorare e si sentono in colpa per aver trascurato il proprio bambino.

Sembrerebbero infine essere stati rilevati dei

vantaggi omeostatici

: i parametri fisiologici di alcuni bambini che praticano il bedsharing, come la temperatura corporea o il battito cardiaco sembrano essere risultati più regolari nei bambini cosleeping rispetto a quelli che dormono soli.


LEGGI ANCHE: Sids, morte improvvisa del lattante

Altri studi invece sembrano aver evidenziato che questa pratica comporta un maggiore rischio di SIDS, la Sindrome della morte precoce del bambino (

LEGGI

). In questo caso la morte non avverrebbe nella culla, ma sarebbe direttamente provocata dal

soffocamento/strangolamento o dallo schiacciamento del bambino

. E’ pertanto necessario ricordare che sussistono delle precauzioni da prendere se si desidera praticare il bedsharing: anzitutto è necessario evitare di compiere questa pratica se si dorme su materassi ad acqua o divani, con cuscini, materiali di plastica, animali di pelouche.

E’ inoltre

sconsigliabile praticare il cosleeping se

uno dei membri della coppia è obeso, se fuma nella stanza, o se ha assunto sostanze psicotrope, come alcolici, sostanze stupefacenti o medicinali che inducono sonnolenza o anche se si è molto stanchi. Per ridurre il rischio SIDS inoltre è necessario far addormentare il bambino di schiena e non coprire mai la sua testa mentre dorme,

nè lasciarlo da solo nel letto di un adulto

.

Altri studi invece hanno portato risultati ancora diversi: addirittura il bedsharing, se praticato in sicurezza, rappresenterebbe un fattore protettivo rispetto al rischio di SIDS poichè  i genitori, avendo consapevolezza della presenza del bambino al loro fianco, si sveglierebbero più frequentemente per monitorare il suo stato.

Alcuni studi invece hanno evidenziato che il cosleeping, soprattutto se protratto nel corso del tempo, ha effetti a lungo termine negativi (

LEGGI

): questi bambini infatti svilupperebbero successivamente disturbi del sonno poichè non imparano mai ad auto-regolare il proprio stato. Dormire da soli quindi potrebbe rappresentare un problema per questi bambini, che, a causa di insonnia e risvegi molto frequenti, rischiano di protrarre la loro permanenza nel lettone molto più a lungo del previsto, con immaginabili conseguenze anche per ciò che concerne il rapporto di coppia. Soffrire di disturbi del sonno inoltre rappresenta un consistente fattore di rischio di sviluppare disturbi psichiatrici in età successive

gpt inread-altre-0

articoli correlati