Home Il bambino Prime pappe

Come migliorare la ristorazione scolastica: le proposte degli esperti

di Francesca Capriati - 18.11.2021 Scrivici

come-migliorare-la-ristorazione-scolastica
Fonte: shutterstock
Come migliorare la ristorazione scolastica: le famiglie approvano la mensa in quanto momento di educazione alimentare, ma come cambiarla in meglio?

Come migliorare la ristorazione scolastica

La mensa scolastica rappresenta un momento di importante condivisione per i bambini, ma anche un'occasione per promuovere una corretta educazione alimentare e i genitori ne sono consapevoli. E' quanto emerge da un recente studio presentato in occasione della giornata mondiale degli studenti che è stato un volano per parlare di come migliorare la refezione scolastica.

Cosa pensano i genitori della ristorazione scolastica

Nella ricerca "La qualità del servizio di ristorazione scolastica nella percezione dei genitori" - condotta da Elior, , azienda leader della ristorazione, in collaborazione con SWG - emerge che oltre il 40% delle famiglie ritiene cruciale il valore educativo della scuola dal punto di vista alimentare. Il 70% degli intervistati mostra particolare attenzione alla qualità del cibo consumato, ma al tempo stesso quasi un genitore su cinque ammette di non riuscire a gestire correttamente l'alimentazione dei figli a casa e quasi uno su quattro evidenzia abitudini scorrette.

La refezione, quindi rappresenta un nodo cruciale per le famiglie, soprattutto perché la considerano un momento di importantissima educazione alimentare e, per una famiglia su tre, è stato anche un fattore determinante nella scelta della scuola da far frequentare ai figli.

Ma cosa ne pensano della qualità?

Secondo lo studio la maggioranza delle famiglie si ritiene soddisfatta del servizio mensa e addirittura la totalità del campione ritiene che, a fronte di quanto erogato, il pasto dovrebbe avere un costo di almeno un terzo in più rispetto ai valori attuali.

Le proposte per il futuro

Partendo dall'importanza che la ristorazione scolastica riveste per le famiglie, è fondamentale cominciare ad impegnarsi per ripensare alla natura stessa della refezione, al suo ruolo nella scuola. Sarebbe il momento, spiegano gli esperti, per far evolvere il ruolo della ristorazione scolastica in chiave strategica per il benessere delle nuove generazioni, la sostenibilità del pianeta e l'inclusione alimentare con il coinvolgimento di scuole, istituzioni e famiglie.

E, in occasione della Giornata mondiale degli Studenti, Elior e The European House – Ambrosetti, hanno presentato il paper "Il contributo della ristorazione collettiva al benessere e alla sostenibilità delle generazioni future" che evidenzia 8 policy proposal finalizzate al miglioramento del servizio, in un'ottica di maggiore qualità e contributo alla diffusione di corrette abitudini alimentari.

Le sfide del futuro vedono la ristorazione scolastica al centro delle nuove politiche di educazione alimentare per trasformarla in un vero e proprio laboratorio di nutrizione fondato soprattutto su qualità e investimenti. Sappiamo che un bambino su 2 non ha accesso alla mensa scolastica e persiste ancora un profondo gap tra le regioni. Lavorare attivamente per colmare questo divario significherebbe, spiegano gli esperti, garantire almeno un pasto basato su una dieta equilibrata il che si tradurrebbe in un miglioramento della salute del bambino e in un alleato nella lotta contro l'obesità infantile.

Tra le proposte contenute nel paper trovano spazio anche innovazioni strutturali (come nuovi criteri di assegnazione degli appalti, prediligendo aziende che puntino su standard di qualità più elevati), l'introduzione dell'educazione alimentare a scuola, progetti di formazione per docenti e famiglie.

Il tutto nell'ottica di far evolvere il mondo della ristorazione scolastica da semplice fornitore di servizi a promotore di una nuova cultura alimentare che coinvolga i più piccoli.

gpt inread-altre-0

articoli correlati