Home Il bambino Notizie di cronaca

Padri divorziati: il 25% si riduce in miseria

di Redazione PianetaMamma - 04.12.2009 Scrivici

Negli ultimi dieci anni nel nostro Paese si è sviluppata una nuova ed irresistibile piaga sociale causata dall'aumento esponenziale di separati e divorziati, alcuni dei quali finiscono con il ridursi in miseria

E' di oggi una tristissima notizia che denuncia la situazione post separazione e divorzio che stanno vivendo molti uomini nel nostro paese, addirittura il 25%. E' una notizia che non dovrebbe far piacere nemmeno alla più agguerrita delle ex mogli, e non dimentichiamo che anche loro, nella maggior parte dei casi non se la passano certo bene!

Negli ultimi dieci anni nel nostro Paese si è sviluppata una nuova ed irresistibile piaga sociale causata dall'aumento esponenziale di separati e divorziati,

alcuni dei quali finiscono con il ridursi in miseria

.

E' quanto denuncia l'avvocato Gian Ettore Gassani, presidente nazionale dell'

Ami (Associazione matrimonialisti italiani).

Ogni anno, ricorda l'Ami, in Italia si separano circa 160 mila persone e 100 mila sono i nuovi divorziati. "E' un fenomeno che riguarda per lo più

operai, impiegati ed insegnant

i.

Le separazioni e i divorzi, dati gli obblighi economici e le spese che determinano

- aggiunge Gassani - trasformano questi lavoratori in veri e propri 'clochard'. "Il 25% degli ospiti delle mense dei poveri sono separati e divorziati". E nell'80% dei casi, rileva il presidente dell'Ami,

"si tratta di padri separati, obbligati a mantenere moglie e figli e a non avere più risorse per sopravvivere. Molti di questi dormono in auto e i più fortunati (circa 500 mila) sono tornati ad essere ospiti delle loro famiglie d'origine. Sono numeri che fanno rabbrividire".

Per Gassani,

"urge una nuova politica sociale che restituisca dignità a quanti sono stati sfortunati nel loro matrimonio, che hanno perso tutto e che vivono da emarginati. Occorrono misure atte a garantire alloggi a questo popolo di nuovi poveri nonché aiuti economici. Anche costoro hanno diritto ad avere pari opportunità. Quando si perde la dignità si rischia di non essere nemmeno buoni genitori"

.(ANSA)

gpt inread-altre-0