Home Il bambino Notizie di cronaca

Il 40% dei genitori non usa il seggiolino quando viaggia con bambini

di Redazione PianetaMamma - 26.03.2009 Scrivici

Sono 5.000 i bambini che ogni anno perdono la vita sulle strade. L'uso scorretto o il mancato utilizzo dei seggiolini protettivi é una delle cause principali

32-seggiolino-2Essere genitori comporta molte responsabilità e, purtroppo, non di rado i papà e le mamme sottovalutano i pericoli che le piccole trascuratezze di ogni giorno possono rappresentare. Sono 5.000 i bambini che ogni anno perdono la vita negli incidenti automobilistici e la ragione é spessissimo il pressappochismo e la noncuranza con cui i genitori agiscono nel trasporto dei figli piccoli in auto.

Il quadro delineato da una imponente ricerca europea, condotta grazia alla collaborazione di tutti gli 'Automobile Club' d'Europa, é sconvolgente. I bambini sono esposti ad enormi rischi, soprattutto negli

urti laterali

(che oltretutto sono i tipi di urto più frequenti sulle strade urbane). Inoltre

molti dei seggiolini usati (quando vengono usati) si sono rivelati inutili o quasi.

I test, i cui esiti sono stati a dir poco disarmanti, sono stati condotti su 53 modelli di seggiolino in commercio.

Dei 53 modelli di seggiolino presi in esame, tutti rigorosamente omologati ed alcuni 'firmati' da note griffe, 7 sono stati valutati di qualità "scarsa", 1 ha ottenuto il voto di "appena sufficiente", 15 sono stati ritenuti "soddisfacenti", 28 hanno ottenuto il bollino di "buono" ed, infine, soltanto 2 hanno raggiunto un "ottimo" livello di qualità e sicurezza.

"Sebbene tutti i dispositivi provati soddisfino i requisiti di omologazione

- hanno avvertito i ricercatori responsabili dello studio europeo -

molti offrono una protezione inadeguata negli impatti laterali, frequenti sulle strade urbane".

La cosa ancora più grave é che in Europa

ben il 40 per cento dei bambini viene ancora trasportato in auto senza seggiolino

mentre più del 50 per cento dei piccoli viaggia in modo inadeguato, con dispositivi non omologati, di dimensioni non idonee oppure montati in maniera errata.


"Troppi automobilisti

- rimprovera il Presidente dell'ACI (Automobile Club Italiano), Enrico Gelpi -

dimostrano una scarsa cultura della sicurezza, anche a scapito dei propri figli. Per viaggiare sicuri i bambini devono essere allacciati a un seggiolino conforme al loro peso, dotato di schienale e protezioni laterali, installato correttamente secondo le istruzioni di montaggio. Difatti cinture di sicurezza ed airbag, pensati e progettati per gli adulti, non soltanto non offrono una protezione efficace ai bambini, ma risultano addirittura pericolosi in caso di incidente".

Ma come giustificano, i genitori,  queste condotte scorrette e pericolose per l'incolumità dei propri bambini? Secondo i dati forniti dall'Aci un genitore su 4 spiega il mancato utilizzo del seggiolino con la

scarsa attitudine del bambino a stare seduto nel apparato protettivo.

Il 22,7 per cento ritiene superfluo il seggiolino mentre il 18 per cento

"non lo giudica necessario perché lo spostamento è di breve durata".

"I test

- continua Gelpi -

evidenziano che istruzioni poco chiare non facilitano il montaggio e l'uso corretto dei seggiolini, compromettendone l'efficacia. Bisogna inoltre innalzare gli standard di protezione, rendendo obbligatoria la prova di impatto laterale per l'omologazione".

Va ricordato a tutti i genitori (e soprattutto a quel 40 per cento di padri e madri irresponsabili che non usato affatto il seggiolino) che gli incidenti stradali rappresentano la prima causa di morte in Europa tra i bambini ed i  ragazzi della fascia d'età che va dai 5 ai 13 anni. Ogni anno perdono la vita per questi incidenti 12.000 minorenni, dei quali 5.000 sono bambini piccoli. L'uso di un seggiolino adeguato per i viaggiatori più piccoli e delle cinture di sicurezza per i ragazzi e gli adulti possono fare la differenza tra la vita e la morte

Lucia D’Addezio

gpt inread-altre-0