Home Il bambino Notizie di cronaca

Bimba sottratta alla madre, accusata di non voler lavorare

di Monica De Chirico - 09.01.2014 Scrivici

mano-nella-mano_1
Maria è una bambina di 4 anni, sottratta alla mamma dalla polizia e dai servizi sociali mentre si trovava all'asilo. La piccola sarebbe stata affidata temporaneamente ad una casa famiglia

Sui diversi quotidiani leggiamo la notizia della piccola Maria, sottratta alla mamma dalla polizia e dai servizi sociali mentre si trovava all'asilo. La bambina di quattri anni sarebbe stata affidata temporaneamente ad una casa famiglia, come stabilito dal Tribunale dei minori. Secondo l'ordinanza la bambina sarebbe stata allontanata dalla madre, perchè la stessa "pone grossi limiti alla sua disponibilità lavorativa rimanendo a carico delle associazioni di volontariato territoriali".


Bambina di 3 anni affidata a una coppia omosessuale


E sulla Repubblica di oggi sarebbero spuntate dieci relazioni contrarie redatte dai servizi sociali prima dell'accaduto.
La mamma della piccola risiede a Santa Margherita Ligure e sarebbe assistita dai servizi sociali. Secondo il provvedimento il suo stile di vita sarebbe instabile, precario e parassitario nei cofronti degli aiuti ottenuti. Dalle indagini esce però anche una storia di lavoro in nero. Secondo il Secolo XIX, la donna, ragazza madre, lavorerebbe come badante, e perciperebbe 200 euro ufficialmente e gli altri soldi in nero. Ma anche con questa attività non riuscirebbe a garantire il sostentamento e la crescita sana della piccola Maria, che secondo l'ordinanza del tribunale genovese si troverebbe in condizioni di indigenza ed emarginazione.


Affidamento familiare: la soluzione migliore per il benessere del bambino


Su Irina, la mamma di 38 anni, peserebbe anche un'altra accusa: secondo i servizi sociali la mamma avrebbe strumentalizzato la bambina per ottenere aiuti dal Comune. Inoltre sempre leggendo su Giornalettismo e le altre testate che riportano la notizia, la donna avrebbe dimostrato grave inadeguatezza e irresponsabilità genitoriale. Decisioni che sembrano aver lasciato nello sconcerto la direttrice dell'asilo che all'Ansa avrebbe manifestato la sua sorpresa davanti al provvedimento, affermando che la piccola sta bene, è socievole e ben integrata

gpt inread-altre-0