Home Il bambino Nido, asilo e scuola

Primo giorno di scuola 2020: un augurio a studenti, insegnanti e genitori

di Francesca Capriati - 14.09.2020 Scrivici

primo-giorno-di-scuola-2020
Fonte: shutterstock
Primo giorno di scuola 2020: auguri alle famiglie, agli insegnanti e ai nostri bambini. Il 14 settembre in molte regioni inizia un anno scolastico davvero particolare

Primo giorno di scuola 2020

Oggi sono tornati in classe moltissimi studenti italiani, dopo circa sei mesi di lontananza dai banchi. Questo primo giorno di scuola 2020 è una giornata importantissima, attesa dai genitori, dagli insegnanti e dai bambini che soffrivano parecchio l'assenza della scuola. Il 14 settembre, quindi, è una data chiave per quella che dovrebbe essere la ripartenza non solo della scuola, ma per certi versi dell'Italia intera dopo la quarantena, le vacanze estive e le difficoltà di questi mesi.

Il premier Giuseppe Conte ieri sera ha fatto un augurio a tutti.

Questo rientro in classe è davvero importante, ci saranno difficoltà e disagi soprattutto all'inizio ma dovrete fare la vostra parte e rispettare le regole di tutela. Prima di tutto viene il rispetto della persona

E proprio agli insegnanti è andato un augurio speciale, oltre che un ringraziamento:

Avete fatto uno sforzo straordinario in questi mesi di lockdown continuando a fare lezione con la didattica a distanza, non era affatto facile eppure avete svolto un grandissimo lavoro e per questo vi siamo grati. Ringrazio anche le famiglie, le mamme, i papà che hanno fatto molti sacrifici. Grazie anche ai dirigenti e tutto il personale della scuola: in questi mesi estivi non vi siete fermati un attimo, avete lavorato tantissimo per essere pronti per la riapertura. Saremo con tutti voi, saremo al vostro fianco e continueremo a esserlo nei prossimi giorni e mesi

Un augurio diretto anche ai genitori e agli studenti che mai come ora devono farsi carico del rispetto verso la propria salute e quella degli altri, rispettando le regole in materia di prevenzione dell'infezione da COVID-19.

E anche la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha mandato un messaggio di augurio e di speranza:

Lo so che stiamo chiedendo alle famiglie di fare piccoli sacrifici ma dobbiamo trovare l'equilibrio tra il ritornare a scuola minimizzando i rischi e chiedere sacrifici alle famiglie. L'importante è tornare a scuola sapendo che è un anno straordinario

Il nostro augurio

Un pensiero particolare va ai bambini e ai ragazzi che cambiano ciclo: ad esempio i piccolissimi che frequentavano l'ultimo anno della scuola materna e che hanno visto interrotte le loro giornate e il loro contatto con la scuola all'improvviso a marzo. Per loro il primo giorno di scuola elementare dovrebbe essere un'occasione per far festa e non bisogna appesantirli o caricare su di loro le nostre paure. I bambini sono molto più flessibili, entusiasti e pronti al cambiamento di quanto possiamo credere.

E un augurio speciale agli insegnanti e ai dirigenti scolastici, soprattutto quelli che non si sono mai fermati: chiamati in prima linea con la Didattica a Distanza la scorsa primavera, hanno lavorato tutta l'estate per poter mettere in sicurezza le scuole. Hanno fatto buttare giù muri, hanno misurato con il metro al centimetro le distanze, hanno cambiato spazi e allestimenti non senza emozione, nostalgia e preoccupazione. Tutto con un unico obiettivo: essere pronti proprio oggi a riaprire i battenti per accogliere i bambini e i ragazzi con un sorriso, con la consapevolezza che non sarà un anno scolastico come gli altri, che non è detto che andrà tutto bene e che, in fondo, per certe cose si naviga un po' a vista. Ma a questo punto il pensiero di quasi tutti noi genitori è "basta ricamarci sopra, viviamo la scuola rispettando le regole e solo giorno per giorno capiremo cosa ci aspetta".

In quali regioni è iniziata la scuola il 14 settembre?

La campanella è suonata oggi in 12 regioni: Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Molise, Marche, Toscana, Liguria, Piemonte, Sicilia, Umbria. Valle d'Aosta, Veneto e provincia di Trento.

Sono sette invece le regioni in cui l'avvio dell'anno scolastico avviene in data diversa: in Abruzzo, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia gli alunni torneranno in classe il 24 settembre e in Sardegna il 22 settembre.

Infine il Friuli Venezia Giulia riaprirà le scuole il 16 settembre, mentre in Alto Adige le lezioni sono già ricominciate il 7 settembre.

gpt inread-altre-0

articoli correlati