Home Il bambino Nido, asilo e scuola

Niente libri digitali a scuola

di Monica De Chirico - 22.07.2013 Scrivici

Niente libri digitali obbligatori nel settembre 2014. Per il ministro dell'istruzione in carica, Anna Maria Carrozza, l’accelerazione impressa all’introduzione dei libri digitali è stata eccessiva

Niente libri digitali obbligatori nel settembre 2014

. ll ministro dell’Istruzione in carica,

Anna Maria Carrozza

ha incontrato gli editori, e avrebbe comunicato loro: "Fermiamo tutto, l’accelerazione impressa all’introduzione dei libri digitali è stata eccessiva, voglio prendere in mano la questione ed esaminarla a fondo. Deponete le armi".


LEGGI ANCHE: In Olanda si va a scuola con il tablet

È probabile che l’obbligo di libri scolastici digitali (o misti)

slitti alla stagione scolastica 2015-2016.

Il Miur non ha ancora precisato se alla frenata sui testi digitali corrisponderà lo sblocco del tetto sui costi imposti da Profumo alle aziende (con risparmi per le famiglie dal 20 al 30 per cento).

Il ministro Carrozza ha scelto di congelare i libri digitali anche perché avrebbe compreso il

ritardo infrastrutturale tecnologico della scuola italiana

: mancanza o non adeguato funzionamento della banda larga o del wifi. Gli editori sono naturalmente soddisfatti di questa decisione e commentano affermando che diversamente avrebbero dovuto macerare interi magazzini di testi, e che l'introduzione dei libri digitali non poggia su alcuna seria e documentata validazione di carattere pedagogico e culturale

gpt inread-altre-0

articoli correlati