gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
Nostrofiglio.it
gpt skin_web-bambino-0
1 5

Meno compiti per le vacanze di Natale

/pictures/2018/12/11/meno-compiti-per-le-vacanze-di-natale-4113754028[1996]x[833]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-bambino

Il Ministro dell'Istruzione Marco Bussetti invita gli insegnanti ad assegnare meno compiti per le vacanze di Natale, per permettere a bambini e ragazzi di godersi le vacanze insieme alle famiglie

Meno compiti per le vacanze di Natale

Il Ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha dichiarato quello che molti genitori chiedono (e sperano) da tempo: meno compiti per le vacanze di Natale. Il ministro, infatti, ha invitato gli insegnanti di tutte le scuole ad assegnare meno compiti a casa, per permettere alle famiglie di trascorrere più tempo insieme e di godersi le vacanze, senza il pensiero dei compiti da finire prima della Befana.

Sono molti infatti i genitori che ritengono che i bambini ed i ragazzi abbiano bisogno di riposarsi dopo le tante ore di scuola. Soprattutto se vanno a scuola a tempo pieno. E sono tanti i genitori che pensano che i compiti assegnati siano eccessivi, non solo durante le vacanze, ma anche durante la settimana ed il weekend. A tutti questi genitori le parole del ministro non possono che far piacere.

I pro e i contro dei compiti a casa

Il Ministro ha parlato dei compiti intervenendo al programma radiofonico di Radio 1 "Un giorno da pecora". Ed ha dichiarato di voler diffondere una circolare rivolta agli insegnanti per sensibilizzarli su questo tema e per chiedere a tutti di ridurre i compiti.

Queste le parole del ministro: 

"Vorrei sensibilizzare il corpo docente e le scuole a un momento di riposo degli studenti e delle famiglie affinché vengano diminuiti i compiti durante le vacanze. Vorrei dare un segnale, perché questi giorni di festa siano un momento di riposo per gli studenti e le famiglie. Un momento per ritrovare i piaceri della vita familiare e degli amici. Spero che durante le feste possano stare più insieme e fare altro".

E cosa si potrebbe fare tutti insieme durante le vacanze al posto dei compiti? Il ministro ha anche dato qualche suggerimento: "potrebbero dedicarsi alla lettura ma anche fare movimento, dedicarsi ai propri hobby e andare a vedere delle mostre".

Contrarie le reazioni alla dichiarazione del ministro. Secondo Angela Nava Mambretti, presidente del coordinamento Genitori democratici:

"E' un regalo da scartare sotto l'albero, ringraziamo il ministro. Ma di altro ha bisogno la scuola che di questi paternalisti, che abbiamo già visto in altre circostanze e in ministri all'istruzione precedenti".

Favorevole invece il Moige, come dichiara la vice presidente Elisabetta Scala:

"I compiti a casa e per le vacanze estive hanno un valore. Nel caso della pausa natalizia si può invece fare un'eccezione. E' un periodo così breve che non c'è il rischio che gli alunni dimentichino. Inoltre è nella nostra tradizione che il periodo natalizio sia dedicato alla famiglia".

Voi che ne pensate? Siete favorevoli all'idea che vengano assegnati meno compiti o pensate che i compiti assegnati siano giusti così?

gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0