Home Il bambino Nido, asilo e scuola

Maria Montessori: il suo Metodo e la sua visione pedagogica

di Francesca Capriati - 12.12.2023 Scrivici

maria-montessori
Fonte: shutterstock
Maria Montessori: cosa sosteneva con il suo Metodo, la storia della sua vita privata, come spiegare Maria Montessori ai bambini

In questo articolo

Maria Montessori

Maria Montessori, una figura pionieristica nell'ambito dell'educazione, ha lasciato un'impronta indelebile nella storia della pedagogia. Attraverso la sua filosofia e il suo metodo unico, ha influenzato generazioni di educatori e ha rivoluzionato il modo in cui il mondo considera l'apprendimento dei bambini. Ma chi era, qual è la sua storia e quali sono i suoi principi?

Maria Montessori, la vita privata

Nata il 31 agosto 1870 a Chiaravalle, Maria Montessori ha superato molte sfide per perseguire la sua passione nell'aiutare i bambini. Dopo aver ottenuto la laurea in medicina nel 1896, è diventata la prima donna medico in Italia, non senza parecchie difficoltà: al tempo la facoltà di Medicina era appannaggio soprattutto degli uomini e alle donne erano applicate diverse restrizioni. Ad esempio fu costretta a studiare anatomia solo di notte perché era considerato poco inopportuno che una donna lavorasse su un cadavere maschile davanti a tutti.

Tuttavia, il suo vero interesse risiedeva nell'educazione dei bambini. Si specializzò in neuropsichiatria e, nel 1907, Maria Montessori aprì la sua prima "Casa dei Bambini" a Roma, un ambiente sperimentale che divenne il punto di partenza del suo famoso metodo. La sua dedizione all'educazione dei bambini la portò a viaggiare in tutto il mondo per diffondere il Metodo Montessori e formare insegnanti.

Tre nomine al Premio Nobel per la Pace, quattro francobolli emessi da Poste Italiane, India, Pakistan e Sri Lanka, e una banconota da 1.000 lire che ha percorso il suo cammino fino all'adozione dell'euro: questi sono solo alcuni dei modi in cui Maria Montessori è stata onorata e riconosciuta a livello mondiale.

Maria Montessori, figlio

L'unico figlio di Maria Montessori è Mario, nato dalla relazione tra Maria e il celebre psichiatra Giuseppe Ferruccio Montesano. 

All'epoca riconoscere un figlio illegittimo sarebbe stato motivo di grande scandalo. Per questo la madre decise di affidarlo alle cure di un'altra famiglia e di farlo crescere lontano dai riflettori, in un ambiente tranquillo.

Montesano, poi, sposò un'altra donna e ciò causò profondo dolore in Maria che da quel giorno indossò sempre il colore nero, come segno di lutto.

Maria andava a trovare regolarmente suo figlio, che la conosceva come una zia, e solo nel testamento, dopo la sua morte, venne indicato ufficialmente come "suo figlio".

Fu proprio Mario Montessori a fondare, insieme a sua madre, nel 1929 l'Associazione Internazionale Montessori, un'organizzazione non governativa dedicata all'educazione Montessori.

Il Metodo Montessori si basa su principi chiave che favoriscono lo sviluppo armonico del bambino. Uno di questi principi è l'importanza dell'ambiente. Le aule Montessori sono progettate con cura per favorire l'indipendenza e l'autonomia, con materiali educativi che sono accessibili e attraenti per i bambini.

Un altro elemento cruciale del metodo è la libertà di scelta. I bambini Montessori hanno il potere di selezionare le attività che desiderano svolgere, promuovendo l'autodisciplina e l'interesse intrinseco per l'apprendimento. Gli insegnanti Montessori agiscono più come guide che forniscono supporto quando necessario, permettendo ai bambini di esplorare e apprendere attraverso la scoperta personale.

Il metodo stimola i bambini a fare da soli, a riconoscere l'errore e a correggerlo da soli, ad imitare le attività degli adulti entrando appieno nella vita quotidiana anche attraverso gli esercizi di vita pratica.

I benefici di questo approccio educativo sono evidenti:

  • il bambino impara a fare da solo, ad auto correggersi in caos di errore, ad essere autonomo e indipendente;
  • il bambino impara molto presto a fare attività di vita quotidiana come tagliare i cibi o allacciarsi le scarpe;
  • il bambino diventa responsabile del suo ambiente al momento che deve prendere un oggetto e poi rimetterlo a posto e alla fine della giornata tutti vengono invitati ad aiutare a mettere in ordine l'ambiente;
  • il bambino apprende in modo naturale secondo i suoi tempi.

Alcune frasi celebri di Maria Montessori:

  • Il più grande segno di successo per un insegnante… è poter dire: i bambini stanno lavorando come se io non esistessi.
  • La scuola è quell'esilio in cui l'adulto tiene il bambino fin quando è capace di vivere nel mondo degli adulti senza dar fastidio.
  • Mai aiutare un bambino mentre sta svolgendo un compito nel quale sente di poter avere successo.
  • Aiutiamoli a fare da soli.
  • Questo è il nostro dovere nei confronti del bambino: gettare un raggio di luce e proseguire il nostro cammino.
  • I genitori non sono i costruttori del bambino, ma i suoi custodi.
  • Chi tenta di correggere il bambino con la forza e con il peso della propria autorità si accorgerà ben presto di aver fallito nel suo intento. Il bambino risponderà in modo forte, esplicito perfino violento.

Maria Montessori spiegata ai bambini

Come spiegare il metodo montessoriano ai bambini?

Immagina di essere un bambino in una classe Montessori. La tua giornata inizia con la libertà di esplorare l'ambiente educativo a tua disposizione. Hai a portata di mano una varietà di materiali che ti permettono di imparare attraverso l'esperienza diretta. Se sei interessato a qualcosa, hai il potere di concentrarti su di essa, imparare a tuo proprio ritmo e con il supporto dell'insegnante quando ne hai bisogno.

La Montessori credeva che i bambini dovessero essere rispettati come individui e che dovessero essere liberi di sviluppare le proprie abilità e interessi. Questo significa che i bambini Montessori non sono solo studenti, ma anche esploratori e creatori del loro percorso educativo. Immagina di poter scegliere le attività che ami di più, di lavorare con i tuoi amici e di scoprire il piacere dell'apprendimento senza pressioni esterne.

Bello no? Ed è proprio per questo che ancora oggi il metodo montessoriano affascina migliaia di educatori e nascono scuole montessoriane in diverse parti del mondo. Sorprendentemente il metodo è meno apprezzato in Italia e di più in altri Paesi, soprattutto negli Stati Uniti.

Sul sito Opera Nazionale Montessori è possibile trovare un elenco delle scuole Montessori in Italia.

gpt inread-altre-0

Articoli correlati

Ultimi articoli