Home Il bambino Nido, asilo e scuola

La scuola perde autorità: come intervenire?

di Francesca Capriati - 08.10.2013 Scrivici

bambino-problemi-scuola
Insegnanti allo sbando e studenti indisciplinati: la scuola sta perdendo autorità. L'esperto Jeremy Collot fotografa la situazione

SCUOLA SENZA AUTORITA'-

Studenti indisciplinati, insegnanti lasciati soli,

genitori che si intromettono

: come si può ripristinare una qualche forma di

autorità

in classe?

TI PUO' INTERESSARE ANCHE:

Scuola: i benefici della ricreazione senza regole


Magicmaman lo ha chiesto a Jeremy Collot, autore di un saggio sul tema, che spiega che è proprio il concetto di autorità ad essere cambiato radicalmente negli ultimi anni: la gioventù si è evoluta parallelamente con l'evoluzione del potere, che è diventato sempre più democratico.

Secondo Collot non si tratta necessariamente di un cambiamento in negativo: il fatto che la relazione tra insegnante e studente sia cambiata è una buona cosa e il cambiamento dell'autorità è una reale opportunità: "i ruoli non bastano a condizionare il rapporto tra studente e insegnante, vince l'ascolto, vince la negoziazione e bisogna uscire dai ruoli sociali predefiniti e inventare un nuovo modo di rapportarsi".

LEGGI ANCHE: I voti alla scuola elementare: pro e contro


Ma gli insegnanti sono pronti per questa mutazione?
Collot è certo che non lo siano e che sia necessario formarli adeguatamente per prendersi cura dell'altro: "si chiama Care, prendersi cura dei propri studenti che non è un segnale di debolezza, ma uno strumento per una maggiore flessibilità nel rapporto tra docenti e studenti".

Insomma, bisognerebbe studiare nuovi modi per lavorare a scuola, insieme, abbandonando l'idea che la scuola sia degli insegnanti e lasciando il posto all'intelligenza collettiva nella quale ognuno si assume la responsabilità della sua fragilità e dei suoi limiti. 


Collot auspica che gli insegnanti siano in grado di condividere esperienze e invenzioni del passato, per aiutare lo studente a diventare un "inventore intelligente", facendo appello alla loro innata curiosità e ai loro talenti. 

Questo perchè con la crisi economica e i problemi legati alla disoccupazione i giovani devono essere guidati con fiducia verso il futuro. Un futuro che devono essere in grado di costruirsi con le proprie mani e le proprie capacità.

SCOPRI ANCHE: La scuola è faticosa anche per le mamme: ecco perchè

Innegabile il ruolo dei genitori.
Perchè non c'è speranza, curiosità ed educazione che non parta dai propri genitori. E sono proprio loro che devono fornire ai figli gli strumenti giusti per trovare se stessi e per costruire con i loro insegnanti e i loro compagni un'intelligenza relazionale capace di creare e reagire.

gpt inread-altre-0