Home Il bambino Nido, asilo e scuola

Che cos’è l’educazione digitale e a cosa serve

di Elena Berti - 23.12.2021 Scrivici

educazione-digitale
Fonte: shutterstock
Si sente spesso parlare di educazione digitale, ma di cosa si tratta e come funziona? A chi è rivolta? Facciamo chiarezza

Educazione digitale, cos'è e a cosa serve

Insegnare ai bambini di oggi a usare la tecnologia sembra scontato: ormai anche i piccolissimi sono capaci di "smanettare" e compiere molte azioni su telefoni e tablet che noi adulti nemmeno ci immaginiamo. Ma educazione digitale non significa saper usare un dispositivo: si tratta di sfruttarne al meglio le potenzialità conoscendone anche i rischi.

In questo articolo

Che cosa si intende per educazione digitale

Educare digitalmente significa fornire gli strumenti ai bambini e ai ragazzi - ma perché no, anche agli adulti - per capire come utilizzare al meglio la tecnologia nella vita di tutti i giorni, sia essa scolastica, professionale o personale. 

La piattaforma Educazione Digitale

Per raggiungere obiettivi comuni, è stata creata una piattaforma che si chiama proprio Educazione Digitale e ha lo scopo di fornire gratuitamente, a tutti gli insegnanti, materiali e risorse multimediali per la scuola. Possono iscriversi docenti, dirigenti scolastici ed educatori operanti in un sistema scolastico. La piattaforma è riconosciuta dal Ministero dell'Istruzione ed è un'idea del team di CivicaMente, una casa editrice con 30 anni di esperienza nell'educational.

Cosa possono fare gli insegnanti con Educazione Digitale

L'importanza di educare alle tecnologie in maniera responsabile oltreché competente le nuove generazioni ha portato a sviluppare una serie di strumenti didattici, contenuti e risorse pedagogiche da usare in classe. I docenti potranno quindi utilizzarli per condividere coi propri studenti approfondimenti di ogni tipo, in modo non soltanto da arricchire il valore delle lezioni, ma anche di valorizzare lo strumento digitale come parte integrante del processo di apprendimento e crescita di ognuno di noi. 

Educazione digitale attraverso i libri di testo

Molti libri di testo contengono ormai contenuti digitali gratuiti di cui gli studenti di ogni grado possono usufruire, spesso semplicemente scansionando un QR Code oppure cercando le informazioni sulle app o sui siti di riferimento. Ma non solo: molti esperti, in particolare educatori e neuropsichiatri, consigliano l'uso di testi digitali per i ragazzi e le ragazze neurodivergenti.

Per esempio, al momento di studiare storia per un DSA, ADHD, autistico o addirittura plusdotato potrebbe essere molto più semplice ascoltare la lezione che leggerla per assimilare le informazioni. 

Come educare i figli al digitale

Se non siete insegnanti, dovete comunque far entrare la tecnologia nella vita dei vostri figli nel modo giusto. Non significa, come dicevamo all'inizio, lasciare che usino il cellulare a due anni e congratularsi perché sanno passare da un'app all'altra cercando video, ma piuttosto spiegare come la tecnologia e i contenuti digitali possano essere validi alleati nel quotidiano, a scuola, sul lavoro e nella vita di tutti i giorni, e quali siano invece i rischi. 

Consigli per educare alla tecnologia

Se volete che i vostri figli crescano sviluppando un rapporto sano con la tecnologia, ecco alcuni consigli che potete mettere in pratica: 

  • "smanettare" non significa conoscere: non lasciate i vostri figli piccoli con un telefono o un tablet in mano
  • fate buon uso della tecnologia in casa: evitate di stare sempre col cellulare in mano
  • non demonizzate i supporti digitali: incentivate i vostri figli a fare ricerche su internet, a riconoscere le fonti attendibili, a integrare carta e digitale
  • fate dei corsi: se voi per primi non conoscete potenziali e rischi del digitale, fate dei corsi online, spesso sono gratuiti, e fateli fare anche ai vostri figli
  • non sottovalutate mai: un ragazzino di 11-12 anni non è pronto per girare libero nella rete, ma oltre a mettere dei controlli (come il Family Link) dovete informarli delle regole dei social e delle app di messaggistica, per evitare di commettere errori di cui potrebbero pentirsi (e di cui voi sareste poi responsabili).

L'educazione digitale è una parte importante dello sviluppo dei bambini e dei ragazzi di oggi, ma è utile anche per docenti e genitori, che hanno bisogno di integrare nel loro percorso di insegnamento gli strumenti che la tecnologia mette a disposizione.

gpt inread-altre-0

articoli correlati