Home Il bambino Nido, asilo e scuola

Dall'asilo alla prima elementare

di Redazione PianetaMamma - 12.06.2014 Scrivici

bambini-che-giocano
L'asilo è finito, a settembre si va alla scuola primaria. Riflessioni e pensieri di una mamma

DALL'ASILO ALLE ELEMENTARI

- Tre anni fa erano

scriccioli

. Piccolissimi

nanetti

che improvvisamente, uscivano di casa ogni mattina alle 9 e non rientrare prima delle tre  e mezzo. In una lunga sessione di giochi, creatività, manipolazione, pranzo, regole.

LEGGI ANCHE

Asili nido e scuola materna, novità in arrivo

Una serie di

attività

che negli anni successivi sono diventate sempre più impegnative e si sono trasformate in disegni, lavoretti, tabelle, recite e poesie da imparare a memoria, canzoni, testi in inglese, fino alla scrittura, al dettato, alla lettura, ai numeri.

Sono i

tre anni di asilo

, o meglio della “

scuola dell’infanzia

” , di mio figlio. Oggi quasi seienne ha partecipato con entusiasmo, ma anche con grande impegno e serietà, alla recita di

fine anno

e di “fine tutto” con i suoi compagni di classe.

LEGGI ANCHE

Cambio di scuola, come affrontarlo con serenità

Oggi è stato un momento importante, e non solo per i bambini che da mesi ormai sanno bene che a

settembre

tutto cambierà. Ritroveranno alcuni compagni di asilo anche in prima elementare, ma da adesso in poi il momento del gioco lascerà il passo all’impegno di apprendere cose nuove, di dover imparare, di dover fare i compiti.

Oggi è stato un momento importante, un rito di passaggio anche per i

genitori

che hanno salutato quei piccoli bimbi che tre anni fa hanno dovuto accompagnare nel famoso inserimento per ritrovarsi sul palco el teatro della scuola dei bimbetti vispi, intelligenti, indipendenti e desiderosi di scoprrie il futuro.

LEGGI ANCHE

Tanti regali fai da te pensati per le maestre

Il momento della

recita finale

è stato, come ci aspettavamo, strappalacrime: le maestre hanno scritto una lettera ad ogni singolo bambino, che ha ricevuto anche un vero e proprio attestato di merito della scuola dell’infanzia.

E  mi sono ricordata di quando, tre anni fa, le maestre ci tennero a specificare che quella che stava per iniziare non era l’asilo o la

scuola materna,

se per asilo intendevamo un posto dove i bambini avrebbero solo giocato e socializzato, ma era una vera e propria “

scuola dell’infanzia

”, nella quale i bambini sarebbero cresciuti tantissimo, avrebbero dovuto seguire regole precise, avrebbero imparato, si sarebbero impegnati. Insomma una

scuola

vera.

Alla resa dei conti

dopo tre anni

mio figlio, che ancora non ha sei anni, sa leggere, scrive, fa le somme, ma soprattutto.

SOPRATTUTTO.

Conosce il rispetto delle regole e dell’altro, l'importanza di saper convivere con gli altri, riesce a mantenere l’attenzione, ha un’ottima proprietà di linguaggio, è

autonomo

, è curioso e desideroso di imparare cose nuove.

Ed è indubbiamente

pronto per la scuola primaria

.

Auguri

a tutti i bambini che in questi giorni stanno salutando la scuola dell'infanzia per fare il grande salto. E alle loro mamme.

BAMBINI ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA

gpt inread-altre-0

articoli correlati