Home Il bambino Nido, asilo e scuola

Autocertificazione rientro a scuola, quando serve?

di Elena Berti - 01.10.2021 Scrivici

autocertificazione-covid-scuola
Fonte: shutterstock
Autocertificazione rientro a scuola: in quali casi va esibita? La dichiarazione sostitutiva è valida per motivi di salute o solo per altre assenze?

Autocertificazione rientro a scuola, quando serve?

In questo periodo di grande incertezza è sempre complesso capire come comportarsi in caso di malattie, malanni o anche soltanto semplici assenze da scuola. Se ovviamente in caso di tampone bisogna aspettare l'esito, cosa succede se ci si assenta per altri motivi? Vediamo insieme se l'autocertificazione rientro a scuola è obbligatoria e quando serve.

In questo articolo

Assentarsi dal scuola durante la pandemia

Una questione che preoccupa molto i genitori, in particolare quelli di bambini più piccoli, è il possibile allontanamento dei figli dalla scuola per motivi di salute. Ma possiamo stare piuttosto tranquilli: mentre questa è stata una pratica diffusa nei primi mesi della ripresa scolastica, durante l'anno 2020/2021, col tempo è stato chiarito che non basta un solo raffreddore per obbligare i bambini a restare a casa

Posto che è responsabilità di ogni genitore verificare lo stato di salute dei figli, senza sintomi riconducibili al Covid non è necessario farli assentare da scuola. Se i bambini hanno la febbre, oppure più di un sintomo che potrebbe far pensare al Covid - raffreddore, tosse secca, mal di testa, perdita di gusto e olfatto, problemi gastrointestinali - allora devono restare a casa e si dovrà contattare subito il pediatra, che eventualmente prescriverà un tampone.

Quando serve l’autocertificazione per tornare a scuola

Se avete deciso di tenere vostro figlio a casa perché aveva mal di testa, era stanco, non aveva dormito, insomma, nel caso in cui la decisione sia stata presa all'ultimo momento, oltre a informare la scuola dell'assenza dovrete compilare l'autocertificazione in cui dichiarate che vostro figlio non ha il Covid e rientra sotto la vostra responsabilità.

Qualora avesse manifestato più sintomi, invece, tanto da avervi fatto sospettare un'eventuale infezione da Coronavirus, dovrete prima parlare col pediatra: sarà lui, infatti, a decidere se il bambino dovrà sottoporsi al tampone. Nel caso in cui vi dicesse che non ce n'è bisogno perché si tratta di un normale disturbo stagionale, allora sarà sufficiente l'autocertificazione. 

Assentarsi per motivi non di salute

Capita però che i bambini si assentino da scuola per motivi che non hanno a che fare con la salute. Se avete già in previsione un'assenza, per un viaggio o per altri motivi, informate preventivamente gli insegnanti e la dirigenza scolastica. In alcuni casi potrebbero comunque richiedere l'autocertificazione, ma si tratta di casi più rari, dato che l'assenza da scuola era già stata prevista. 

L’autocertificazione ha valore legale?

In Italia si fa un largo uso dell'autocertificazione, che sostituisce in molti casi un documento ufficiale: è un atto sulla fiducia, ma non meno importante di un atto legale e amministrativo vero e proprio. Per questo qualora mentiste nella "dichiarazione sostitutiva" potreste essere perseguibili per legge, non solo con una multa, ma anche penalmente, per esempio se dichiaraste che vostro figlio non presenta sintomi da Covid e poi si scoprisse che è positivo e mettesse a rischio contagio il resto della classe. 

Cosa fare se un bambino presenta sintomi da Covid

Per non rischiare di dichiarare il falso, quindi, è meglio seguire la procedura giusta per far rientrare vostro figlio a scuola. Prima di tutto, chiamate il pediatra e insistete che veda vostro figlio, non fatevi fare una diagnosi al telefono. Dopodiché, fatevi rilasciare un certificato in cui si attesti che il bambino sta bene: non è obbligatorio presentarlo alla scuola, ma può essere utile. E se proprio volete stanare ogni dubbio, sottoponete vostro figlio a un tampone, in modo che possa rientrare a scuola in serenità. Quelli antigenici sono attendibili e il risultato arriva in pochi minuti. 

L'autocertificazione per rientrare a scuola è richiesta qualora il bambino si assenti per poco tempo dalle lezioni, in caso di malanni o per altri motivi non riconducibili alla salute. Ma non prendete rischi, né per voi né per la comunità: se vostro figlio presenta sintomi riconducibili al Covid, consultate il medico.

gpt inread-altre-0

articoli correlati