Home Il bambino

"Me contro te": un’ondata di successo!

di Chiara Mancarella - 17.02.2020 Scrivici

me-contro-te-un-ondata-di-successo
Fonte: Shutterstock
Partiti dalla cameretta del loro paese in Sicilia in poco tempo hanno raggiunto un successo strepitoso da far tremare anche un campione di incassi cinematografici come Checco Zalone

Me contro te, il successo

Alle spalle contano libri, disco, figurine, slime, gadget di ogni tipo, patatine, felpe e tanto tanto altro. Qualcuno avrà già capito di chi sto parlando, ma mi sembra doveroso presentarli e lo farò alla loro maniera: “Ciao a tutti! Lui è Luì” “E lei è Sofì” “E insieme siamo i…Me contro te!” Ogni video inizia sempre con queste battute che hanno conquistato milioni di bambini e ragazzini.

Partito tutto come un far divertire parenti e amici a tanto successo non credevano nemmeno loro, perché mille iscritti al loro canale YouTube sono tanti, ma più di quattro milioni è davvero una cifra da capogiro. A sentire le loro interviste si percepisce subito la genuinità di due ragazzi “puliti” come direbbero i tanti genitori che seguono insieme ai figli, soprattutto quelli di un pubblico molto baby, i loro video fatti di esperimenti e divertenti sfide a suon di slime.

Il loro linguaggio semplice, allegro e mai volgare ha fatto sì che il MOIGE, il Movimento Italiano Genitori, li abbia premiati alla Camera dei Deputati nel 2018 con la seguente motivazione “per aver stimolato la creatività dei ragazzi, invitando con allegria a interessarsi ai fenomeni della fisica attraverso piccoli esperimenti che possono essere riprodotti in casa senza difficoltà, presentando tanti modi di divertirsi in compagnia della famiglia.”

Non c’è che dire i ragazzi hanno le idee chiare e tanta voglia di entrare nel cuore delle nuovissime generazioni, ma se dietro a tanto successo c’è anche una buona dose di fortuna, Luì e Sofì s’impegnano davvero tanto e lo fanno studiando serie tv, leggendo libri di programmi che hanno fatto la storia della televisione dei ragazzi per carpire ogni segreto di questo mestiere. Restare però con i piedi per terra non è affatto semplice soprattutto se i critici più severi sono proprio i bambini e chi come me ci lavora da molti anni lo può confermare.

Sono attenti osservatori, notano ogni minimo cambiamento dal look all’umore quindi i due protagonisti del film di successo dovranno avere sempre gli occhi ben aperti e non sbagliare nemmeno una mossa! Già il film, da mamma di una bambina di quattro anni ho accompagnato anch’io Ginevra a vederlo.

Opinioni di una mamma sul film "Me contro te"

Allora, devo essere sincera, ho preferito i loro video al film da nove milioni di incassi nelle prime settimane di programmazione. Da una grande casa di produzione mi aspettavo qualcosa in più, invece storia banale per lo più girata nel laboratorio del Signor S a ciò si è aggiunto uno scambio di battute semplicissime (va bene che il loro pubblico va dai quattro ai dieci anni, ma si presume che ogni bambino sia stato accompagnato da minimo un adulto), ma ciò che mi ha sorpreso è stata la durata, ben sessantaquattro minuti!

Sensazioni ed emozioni condivise dai tanti genitori che erano presenti in sala. Per carità è stato sicuramente un bel momento famiglia anche perché la gioia di mia figlia era la stessa degli altri bambini che entusiasti guardavano i loro beniamini e da pedagogista e insegnante non posso non essere felice per loro.

Molto carina anche la canzone finale del film, “Insieme”, a distanza di ore se la canticchio qualcosa sarà rimasto no? Da un punto di vista invece pedagogico credo che quei video della durata di appena cinque minuti siano un momento di condivisione e divertimento per tutte quelle famiglie che si sintonizzano sul canale, meglio ancora se accedete tramite la tv…sempre per lo stesso motivo di cui si parla tanto: evitiamo smartphone e tablet ai giovanissimi!

Attenzione però, non facciamo che diventi un obbligo quotidiano, ok sono ragazzi simpatici, colorati, allegri e presentano il tutto con grande ironia e divertimento, ma la realtà è tutt’altra cosa. Sta a voi, cari genitori, fare in modo che le giornate dei vostri bambini siano speciali, prendete pure spunto dai video perché no, create la vostra sfida della giornata o lo slime più strano e viscido, ma sempre con la voglia di fare qualcosa insieme ai vostri figli, non resteranno piccoli per sempre, ricordiamolo tutte le volte che chiedono un abbraccio in più, quella carezza prima di addormentarsi, il bacio della buonanotte.

Tutti noi abbiamo avuti i nostri idoli da bambini, adesso è il momento dei Me contro te, ma non dimenticate che i primi supereroi, i loro miti siete voi che con fatica correte da una parte all’altra tutto il giorno, che nonostante l’ora tarda siete lì a mettere insieme qualche notizia per rendere presentabile una ricerca da consegnare il giorno dopo alla maestra, che preparate con amore e impegno il loro piatto preferito.

Magari nessuno metterà un like al vostro impegno, ma sarete sempre i numeri uno per i vostri figli. Fare le scelte giuste per loro non è semplice, essere sempre presente è molto complicato. È vostro dovere educarli alla curiosità verso la conoscenza, utilizzare un linguaggio adeguato in loro presenza, mettere il colore e l’allegria nella vita, non avrete mai un riconoscimento dal MOIGE ma che importa, basterà guardare gli occhi felici del vostro bambino e questo vi deve bastare. E allora auguriamo tanta felicità e fortuna a Luì e Sofì e…“ye-ye ninini” a tutti! 

gpt inread-altre-0

articoli correlati