Home Il bambino Malattie

Torcicollo nei neonati e nei bambini, cosa fare

di Redazione PianetaMamma - 30.05.2014 Scrivici

bambino_capriccioso1
Torcicollo muscolare o congenito, quali le differenze e quali rimedi usare per aiutare i bambini

TORCICOLLO NEI BAMBINI

- Il

torcicollo

è una contrattura più o meno dolorosa del collo. Ci sono diversi tipi di torcicollo, due in particolare, che possono interessare il bambino: il t

orcicollo muscolare e torcicollo congenito

. Vediamo le differenze e come aiutare i bambini quando hanno dolore al collo.

LEGGI ANCHE

Il bebè ha la testa piata, come comportarsi

TORCICOLLO MUSCOLARE NEI BAMBINI -

il più classico è il

torcicollo muscolare

o Benin: la contrazione muscolare interessa i muscoli del collo e provoca dolore. Una mossa sbagliata, una cattiva postura durante il sonno, la stanchezza, il freddo:  queste sono le cause più frequenti del torcicollo.

TORCICOLLO CONGENITO

- Può colpire i neonati sin dalla nascita. Il torcicollo congenito è causato da vari fattori: posizione del feto in utero che provoca un conseguente scarso sviluppo del muscolo del collo, uno spasmo muscolare o un ematoma causato da un trauma al momento dell'

espulsione

(l'uso di

forcipe

o ventose, per esempio).

LEGGI ANCHE

Plagiocefalia posturale, come prevenirla

Come riconoscere se il bambino ha il torcicollo congenito? Se il vostro bambino è a testa in giù e non riesce a fare piccoli movimenti con il collo è meglio chiedere al

pediatra

. Se si tratta di un torcicollo "classico" il bambino starà meglio nel giro di due o tre giorni, mentre in caso di torcicollo congenito si dovranno fare alcuni esercizi per risolvere la situazione o, in alternativa, un piccolo intervento chirurgico.

TORCICOLLO NEI BAMBINI, RIMEDI ED ESERCIZ

I - Il

torcicollo

muscolare dura al massimo 2-3 giorni. Nel frattempo il bambino deve stare al caldo. Un analgesico potrà alleviare il dolore, e sono utili anche un massaggio sul collo e un po' di idromassaggio.

E' bene far visitare il bambino da un medico se ci sono sintomi come febbre, vomito, mal di testa o vertigini, se il bambino ha il torcicollo ripetutamente, se il dolore che si diffonde alla spalla, schiena, braccia fino al gomito e se il dolore persiste oltre i 2-3 giorni.

In caso di

torcicollo congenito

lo specialista valuterà la situazione e cercherà di capire le cause del problema e poi indicherà il trattamento più efficace. La

fisioterapia

è il rimedio più rapido e immediato di solito 3 o 4 sedute sono sufficienti e l'esperto insegnerà poi degli esercizi da far fare a casa dai genitori.

In caso di ematoma bisognerà fare un piccolo intervento chirurgico sul muscolo.

LEGGI ANCHE

Tappe miliari, la crescita corretta del neonato nel primo anno

I RISCHI DEL TORCICOLLO CONGENITO

- Quali sono i rischi di torcicollo congenito per il bambino? Il cranio del bambino è molto morbido e flessibile. Se ha l'abitudine ad appoggiare la testa sempre sullo stesso lato questa parte della testa potrebbe appiattirsi e causare una

plagiocefalia posizionale

. Per prevenire la

plagiocefalia posizionale

bisogna assicurarsi che il bambino non dorma sempre sullo stesso lato della testa e metterlo supino quando sta sveglio.

BAMBINI CAPRICCIOSI

gpt inread-altre-0

articoli correlati