Home Il bambino Malattie

Rupofobia: quando il desiderio di pulito diventa un'ossessione

di Francesca Capriati - 29.01.2024 Scrivici

rupofobia
Fonte: shutterstock
Rupofobia: cause e sintomi, come aiutare chi soffre di rupofobia, la paura dello sporco. Differenza tra rupofobia e misofobia, la rupofobia nei bambini

In questo articolo

Rupofobia

La rupofobia è un tipo di fobia specifica che rientra nella categoria dei disturbi d'ansia nel DSM-V, un vero e proprio disturbo psicologico che si manifesta come la paura e l'avversione nei confronti dello sporco.

Rupofobia, etimologia

La parola deriva dalle parole greche "rupo" che significa sporcizia e "phobos" che significa paura.

Rupofobia: sintomi

I sintomi della rupofobia possono variare da individuo a individuo, ma spesso includono:

  • ansia intensa,
  • panico e disgusto di fronte a situazioni considerate "sporche".
  • evitare attività quotidiane come toccare oggetti non perfettamente puliti, utilizzare bagni pubblici o manipolare rifiuti.

Chi ha questo tipo di fobia soffre di ansia estrema quando viene esposto allo sporco o alla sporcizia o anche semplicemente al pensiero dello sporco e questa ansia può portare a soffrire di attacchi di panico in piena regola. Questi sintomi possono influenzare negativamente la qualità della vita e portare a un isolamento sociale.

Il risultato è che il soggetto comincia ad evitare sempre più frequentemente di uscire e andare in luoghi dove potrebbe entrare a contatto con la sporcizia: dai giardini all'ufficio, fino ai mezzi pubblici o ai bar.

La semplice idea di contatto con la sporcizia può scatenare un livello di ansia tale da far evitare qualsiasi luogo potenzialmente non impeccabile.

In queste circostanze, la casa diventa un rifugio sicuro. Chi vive con la rupofobia si ritira nelle proprie mura, cercando in ogni modo di proteggersi dai temuti stimoli legati allo sporco. Le pareti domestiche diventano non solo fisiche, ma anche emotive, poiché rappresentano il luogo in cui ci si sente al sicuro dalla minaccia percepita si trasformano in una prigione autoimposta.

Rupofobia: cause

Le origini della rupofobia possono essere molteplici e spesso coinvolgono una combinazione di fattori genetici, ambientali e personali.

Perché viene la rupofobia? Secondo gli esperti tra le possibili cause ci sono:

  • l'esperienza di eventi traumatici legati allo sporco durante l'infanzia
  • l'esposizione a un ambiente in cui la pulizia è stata enfatizzata in modo eccessivo,
  • la predisposizione genetica a sviluppare disturbi d'ansia.

Rupofobia e sessualità

La relazione tra rupofobia e sessualità è un aspetto complesso e spesso trascurato.

Le persone che soffrono di questa fobia potrebbero sperimentare difficoltà nelle relazioni intime, poiché la paura dello sporco può estendersi anche al contatto fisico.

Quindi non solo difficoltà ad avere un'interazione sessuale, ma anche una ossessione per l'igiene post-sessuale può causare tensioni e incomprensioni.

Rupofobia nei bambini

Giocare con gli amici nei giardini o partecipare alle gite scolastiche potrebbe diventare uan sfida impossibile per i bambini con rupofobia: ma anche andare a fare sport, prendere lo scuolabus, andare a giocare a casa di un amichetto.

La paura dello sporco può diventare un muro invalicabile tra chi soffre di questa condizione e il mondo esterno.

I segnali precoci della rupofobia non andrebbero evitati: se ci accorgiamo che il bambino inizia ad evitare l'attività all'aperto o manifesta reticenza a toccare determinati oggetti è bene affrontare questo problema precocemente e rivolgersi ad uno psicologo infantile.

Come aiutare chi soffre di rupofobia?

Affrontare la rupofobia richiede un approccio personalizzato e la consulenza di un esperto.

Viene spesso raccomandata la terapia cognitivo-comportamentale (TCC) come trattamento efficace per affrontare le paure irrazionali. Attraverso la TCC, gli individui imparano a riconoscere e a modificare i pensieri distorti legati allo sporco, affrontando gradualmente le situazioni temute.

Accanto alla terapia, rimedi come la meditazione, la mindfulness e la terapia espressiva, possono essere integrati nel percorso di cura per favorire il rilassamento e la consapevolezza.

Rupofobia e misofobia: differenza

La rupofobia ha una stretta connessione con la misofobia (paura dei germi). Questo perché in entrambe le fobie la paura è di essere contaminati da agenti patogeni o germi che la sporcizia o altri oggetti potrebbero contenere. 

Pertanto, è possibile sviluppare la rupofobia come risultato della misofobia.

Fonti

gpt inread-altre-0

Articoli correlati

Ultimi articoli