Home Il bambino Malattie

Risarcimento per una bambina morta dopo un vaccino

di Monica De Chirico - 31.07.2013 Scrivici

Un giudice del tribunale civile di Pesaro avrebbe riconosciuto colpevole il Ministero della Salute e stabilito un maxi risarcimento alla famiglia di una bambina pesarese di neanche 6 mesi morta in culla nel febbraio del 2003

Un giudice del tribunale civile di Pesaro avrebbe riconosciuto colpevole il Ministero della Salute e stabilito un risarcimento di 200.000 euro più un vitalizio di circa 700 euro al mese, più un ulteriore indennizzo ancora da quantificare alla famiglia di una bambina pesarese di neanche 6 mesi morta in culla nel febbraio del 2003.



LEGGI ANCHE: Come i vaccini hanno cambiato il mondo



Il giudice avrebbe riconosciuto in una vaccinazione esavalente la causa della morte.  Una serie di medici luminari consulenti della famigla e poi lo stesso consulente del giudice avrebbero stabilito un legame tra la vaccinazione avvenuta poco dopo la nascita, al settembre del 2002 e la morte a febbraio.


La bambina, come avrebbe detto l'avvocato Ventaloro esperto in diritto sanitario minorile, avrebbe accusato molto presto una serie di sintomi collegati alla vaccinazione: dolori articolari continui, totale inappetenza, sovvertimento del ritmo sonno veglia, etc

LEGGI ANCHE: Mai vaccinato, rischia di morire di polmonite a 9 mesi

LEGGI ANCHE: Bambino muore all'asilo nido, e si riapre la questione dei vaccini

LEGGI ANCHE: Io non vaccino mio figlio: ecco perché


LEGGI ANCHE: Vaccini obbligatori e facoltativi: ecco cosa cambia

LEGGI ANCHE: Vaccini si o no, il dibattito continua

LEGGI ANCHE: Mamme italiane non conoscono e fanno poco uso delle vaccinazioni

LEGGI ANCHE: L'identikit dei genitori contrari ai vaccini

LEGGI ANCHE: Calendario vaccinazioni: ecco le scadenze

TUTTO SUI VACCINI QUI

gpt inread-altre-0