Home Il bambino Malattie

Cosa fare quando i bambini hanno le placche in gola

di Redazione PianetaMamma - 14.10.2022 Scrivici

pediatra-mal-di-gola
Fonte: shutterstock
Come si riconoscono le placche alla gola nei bambini, cosa fare se fa male la gola, quando prendere l'antibiotico e quando preoccuparsi

Placche alla gola nei bambini

Capita spesso che i bambini lamentino mal di gola: con la stagione autunnale e quella invernale e la scuola, le influenze e i malanni sono sempre dietro l'angolo. Ma come fare se oltre al dolore, si trovano anche le placche alla gola nei bambini?

In questo articolo

Che cosa sono le placche in gola

Le placche alla gola nei bambini non sono altro che delle lesioni, solitamente di origine infettiva, che appaiono sulla mucosa interna della bocca, nella sua parte terminale. Hanno un colore bianco o giallastro e solitamente si individuano in gola, sulle tonsille, sull'ugola o sul palato molle. La loro quantità può variare e sono solitamente molto dolorose: più placche alla gola si hanno, più intenso sarà il dolore. 

Riconosce le placche in gola, i sintomi

Per riconoscere le placche alla gola nei bambini è necessario verificare i sintomi e, ovviamente, lo stato della gola. 

In genere il primo sintomo è il dolore: i bambini faticano a deglutire e lamentale male quando lo fanno. A questo, si aggiunge un arrossamento della mucosa, le tonsille possono gonfiarsi, possono apparire tosse e febbre, ingrossamento dei linfonodi, scialorrea, mal d'orecchio e alitosi. 

Guardando in gola, quindi, si potranno vede le tipiche lesioni dal colore giallastro o bianco. Raramente sono in punti non visibili. 

Cause della placche in gola

A causare le placche in gola nei bambini sono solitamente infezioni di tipo batterico o virale, che danno via a faringiti e tonsilliti. Tra i batteri più comuni che possono causare le placche in gola ci sono lo streptococco del gruppo A e lo stafilococco. Tra le cause virali c'è il rhinovirus, il virus che causa più frequentemente raffreddore, l'adenovirus, anche il coronavirus, il virus respiratorio sinciziale e altri virus influenzali. 

Nei bambini molto piccoli, anche i funghi possono essere causa di placche alla gola, come per esempio la candida albicans, che provoca il cosiddetto mughetto.

È evidente, quindi, che le placche alla gola nei bambini possono essere assai frequenti e causate dai virus e batteri più comuni che girano abitualmente tra i bambini, specialmente nei primi anni di vita. 

Come si curano le placche in gola

Ma che fare se si accorge che un bambino ha le placche in gola? In alcuni casi, potrebbe essere necessario l'antibiotico. Ma è importante rivolgersi al medico e richiedere una vista per effettuare un eventuale tampone e antibiogramma: l'antibiotico, infatti, è utile solo in caso di infezione batterica, inutile in caso di virus. C'è invece la credenza diffusa che placche in gola significhino terapia antibiotica, ma non è così, dipende dalla causa scatenante. 

Se la causa è virale, non si può fare altro che aspettare che passi, magari assumendo degli antinfiammatori per il mal di gola, sempre sotto consiglio medico. Se si tratta invece del mughetto o di un'infezione fungina è necessario trattare con un antimicotico. 

È importante, in caso di placche alla gola nei bambini, recarsi dal medico perché possa fare una diagnosi più chiara e decidere la terapia. Le placche possono essere molto fastidiose e creare molto disagio. Il consiglio è di offrire cibi freddi, liquidi (il gelato andrà benissimo!) e acqua fresca, oppure pezzetti di ghiaccio, che offrono sollievo. Dopo la fase acuta, dovrebbe andare meglio! 

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

articoli correlati