Home Il bambino Malattie

Ossiuri o vermi dei bambini, sintomi e rimedi

di Daniela Poggi - 25.06.2020 Scrivici

ossiuri-o-vermi-dei-bambini-sintomi-e-rimedi
Gli ossiuri sono parassiti intestinali che i nostri nonni chiamavano "vermi delle feci". Si tratta di un'infezione frequente nei bambini:cco come riconoscerla e curarla

Ossiuri e vermi nei bambini

Nei giorni scorsi l’asilo che frequenta mio figlio ha esposto un nuovo avviso in bacheca per segnalare un caso di “ossiuri”. Si tratta di quei parassiti intestinali che i nostri nonni chiamavano “vermi delle feci”. Non sapendo come riconoscerli e come prevenirli ho fatto una ricerca in rete. La prima notizia che ho scoperto su Farmacoecura è si tratta di un' infezione abbastanza frequente nei bambini piccoli, soprattutto quando inizia la stagione primaverile in cui li si porta al parco, ragion per cui credo che questo breve prontuario sarà utile anche alle altre mamme di bambini piccoli.

Cosa sono gli ossiuri

Gli ossiuri sono parassiti intestinali che si insediano nel corpo umano deponendo le uova nella nostra zona terminale dell’intestino. Sono di dimensioni molto piccole, poco più di un centimetro, di colore bianco. Non provocano danni e la loro presenza causa soltanto un po’ di prurito. Non è motivo di allarmismi: ci si libera dagli ossiuri facilmente e in breve tempo.

Come avviene il contagio degli ossiuri

Gli ossiuri arrivano dalla terra in cui depongono le uova. Vivono all’interno del corpo umano diverse settimane. Il contagio può avvenire tramite il cibo: consumo di carne non molto cotta o verdura non correttamente lavata, oppure tramite il contatto: oggetti in bagno che siano stati toccati da una persona infetta, o giocando con la terra in cui sono state depositate uova di ossiuri. I bambini piccoli si portano facilmente le mani al naso o alla bocca dando inizio al contagio.

I sintomi degli ossiuri

Il primo segnale è proprio il riconoscimento degli ossiuri nelle feci, oppure un prurito del sederino, soprattutto durante la notte quando gli ossiuri depongono le uova in zona anale. Altri sintomi possono essere comuni a diverse forme virali o altre malattie infantili, come inappetenza, calo di peso, sonno molto disturbato.

Come si curano gli ossiuri

Dopo aver accertato che si tratta di un caso di ossiuri, il pediatra prescriverà un vermicida e un lassativo per eliminare definitivamente questi parassiti. La cura è solitamente veloce, anche se qualche fastidio potrebbe durare nei giorni successivi.

Come prevenire gli ossiuri

L’igiene è la prima regola: lavare accuratamente le mani dei bambini dopo aver giocato con terra o sabbia e dopo aver utilizzato i bagni condivisi dell’asilo o di locali pubblici. Tenere le unghie delle mani sempre molto corte. Insegnare ai bambini a non grattarsi il sederino e a segnalare subito un eventuale prurito. A livello alimentare, compatibilmente con i gusti dei bambini, potrebbe essere utile consumare più frequentemente aglio, porri e cipolle come vermicidi naturali.

Protocollo Asl per gli ossiuri

Secondo le indicazioni delle Asl:

  • va attuato l'isolamento enterico,
  • va prestata particolare attenzione, soprattutto nei bambini più piccoli, dell'igiene personale e del lavaggio ripetuto delle mani;
  • non è previsto l'allontanamento;
  • nei familiari o conviventi è opportuna la ricerca delle uova, tramite scotch test.

Ossiuri, dopo quanto muoiono?

Come si legge su My Personal Trainer Le uova vengono ingerite e percorrono l'apparato digerente fino all'intestino tenute dove si schiudono e diventano larve. Lì le larve si sviluppano e si nutrono diventando dei vermi adulti. Le femmine sopravvivono dalle 7 alle 13 settimane, i maschi invece sopravvivono circa 7 settimane. Le femmine si muovono, poi, verso la direzione dell'apertura anale per deporre le uova nelle pieghe cutanee dell'ano. Dopo aver deposto le uova le femmine muoiono in meno di mezz'ora e le uova diventano infestanti entro 4-6 ore.

Domande e risposte

Quanto tempo ci vuole per guarire dagli ossiuri?

Assumendo i farmaci prescritti dal medico, i parassiti muoiono entro 24 ore e vengono espulsi nel giro di qualche giorno. E' importante seguire attentamente le prescrizioni relative al farmaco che vengono date dal medico, che in genere consistono in una dose iniziale e una di richiamo dopo qualche settimana.

Quali possono essere le cause degli ossiuri?

La trasmissione avviene dopo l’ingestione delle uova, quindi la via è quella feci-mani-bocca. Siccome le uova possono aderire alle unghie e diffondersi su oggetti e superfici, i bambini sono più esposti al rischio perché a scuola condividono oggetti e bagni.

Come eliminare i vermi nelle feci?

I farmaci prescritti sono il Mebendazolo, l’Albendazolo e Pirantel Pamoato. Va assunta una dose per via orale e un'altra a distanza di circa due settimane per eliminare anche le uova. Per precauzione può essere prescritta la stessa terapia anche agli altri membri della famiglia.

Quando tornare a scuola dopo gli ossiuri?

Non è necessario l’allontanamento dell’alunno dalla scuola o dalla comunità durante il periodo  di trattamento. Un certificato del medico potrà comunque attestare che il bambino ha seguito la terapia.

Che succede se gli ossiuri vengono trascurati?

Le complicanze sono rare dal momento che gli ossiuri sono visibili a occhio nudo e i sintomi sono piuttosto chiari, tuttavia se ignorata l'ossiuriasi  possono essere perdita dell'appetito, enuresi, irritabilità e prurito, calo di peso. Nelle donne gli ossiuri possono spostarsi a livello vaginale e causare prurito e infiammazione.

gpt inread-altre-0

articoli correlati