Home Il bambino Malattie

Miopia nei bambini: come si cura e quali sono i campanelli d'allarme

di Francesca Capriati - 28.04.2022 Scrivici

miopia-nei-bambini
Fonte: shutterstock
Miopia nei bambini: come si cura la miopia nei bambini e come rallentarla. Come capire che il bambino è miope e quando preoccuparsi

Miopia nei bambini

La miopia è un autentico problema di salute pubblica globale del 21° secolo. Secondo gli esperti entro il 2050 la metà della popolazione mondiale sarà miope e questa condizione si sta diffondendo a macchia d'olio colpendo soprattutto i più piccoli. Ma quali sono i sintomi della miopia nei bambini e in che modo si può intervenire?

In questo articolo

Cos'è la miopia?

La miopia provoca la visione sfocata degli oggetti distanti. Rappresenta è uno dei problemi della vista più comuni durante l'infanzia: circa il 9% dei ragazzi di età compresa tra 5 e 17 anni è miope.

I bambini con questa condizione di solito possono vedere le cose da vicino, ma faticano a vedere le cose da lontano. Per questo la diagnosi avviene spesso in età scolare, quando il bambino fa fatica a vedere bene ciò che c'è scritto alla lavagna.

Miopia nei bambini: quando preoccuparsi

Vediamo quali sono i campanelli d'allarme. Il bambino:

  • ha bisogno di sedersi ai primi banchi in classe perché ha difficoltà a leggere la lavagna
  • si siede vicino alla TV
  • lamenta mal di testa o occhi stanchi
  • si strofina regolarmente gli occhi.

A quale età si ferma la miopia?

Solitamente la miopia comincia a insorgere in età scolare, a partire dai 6 anni, può aumentare durante l'adolescenza e poi si ferma intorno ai 23-24 anni.

Come si cura la miopia nei bambini?

E' importante diagnosticare e trattare la miopia prima possibile utilizzando gli occhiali (o le lenti a contatto se l'età lo consente). L'uso delle lenti correttive non solo corregge questo difetto visivo ma migliora la qualità della vita dei bambini miopi: vanno meglio a scuola, sono più sereni, vedono meglio e correggono un difetto che con gli anni può peggiorare e causare problemi seri come un distacco della retina o una degenerazione retinica.

Come bloccare la miopia nei bambini

Come rallentare la miopia nei bambini?

Ecco alcune cose che possiamo fare per provare a rallentare la progressione della miopia nel tempo:

  1. Trascorri del tempo all'aperto ogni giorno. La ricerca ha dimostrato che i bambini che trascorrono almeno 90 minuti alla luce solare naturale ogni giorno hanno tassi di progressione della miopia più lenti. Stare fuori è utile perché si usano gli occhi per guardare le cose più lontane e la luce naturale aiuta.
  2. Fai riposare gli occhi ogni 30 minuti. Ciò significa staccare lo sguardo da tablet, telefoni, libri e disegni. E' sufficiente fare una pausa di pochi minuti per permettere agli occhi di riposare, durante la sosta guardare fuori dalla finestra o camminare per casa.
  3. Attenzione alle distanze quando si studia. Tenere le cose troppo vicine fa affaticare gli occhi e lavorare di più per vedere. La distanza consigliata è approssimativamente la stessa lunghezza dell'avambraccio del bambino o la distanza dal gomito alle nocche.
  4. Usa una buona illuminazione durante lo studio.

Negli ultimi anni, c'è stato un notevole interesse per lo sviluppo e la sperimentazione di interventi per rallentare la progressione della miopia.

Questi interventi utilizzano generalmente uno dei tre approcci:

  • Trattamenti che utilizzano occhiali multifocali o lenti a contatto per ottenere un'immagine più focalizzata;
  • Lenti a contatto rigide appositamente progettate (ortocheratologia) che di solito vengono indossate di notte per rimodellare la cornea nella parte anteriore dell'occhio per ridurre la miopia;
  • Interventi farmacologici che prevedono l'uso di colliri antimuscarinici, che agiscono sul sistema di messa a fuoco degli occhi e portano a cambiamenti biochimici che rallentano il tasso di crescita dell'occhio.

A questo proposito una revisione Cochrane che ha analizzato i dati relativi a 6772 bambini ha confrontato diversi interventi sia ottici che farmacologici per capire se fossero efficaci per frenare la progressione della miopia. I risultati sono stati incoraggianti circa l'uso di colliri antimuscarinici, come l'atropina. Tuttavia non vanno sottovalutati gli effetti collaterali di questi rimedi farmacologi, come difficoltà di messa a fuoco, sensibilità alla luce e fastidio agli occhi.

Resta il fatto che, secondo gli studi più recenti, i colliri con atropina sembrano essere attualmente il trattamento più efficace per il controllo della miopia, sebbene vi sia ancora una buona dose di incertezza riguardo alla dose ottimale e alla durata della terapia. Per questo è fondamentale rivolgersi ad un oculista infantile specializzato che possa fare una lutazione della situazione.

gpt inread-altre-0

articoli correlati