Home Il bambino Malattie

Meningiti batteriche neonatali: cause e conseguenze

di Francesca Capriati - 17.10.2022 Scrivici

meningiti-batteriche-neonatali
Fonte: shutterstock
Meningiti batteriche neonatali: le cause delle meningiti e meningoencefalite nel neonato. Quali sono i sintomi e le conseguenze, come si guarisce

Meningiti batteriche neonatali

La meningite è un'infezione delle membrane protettive che circondano il cervello e il midollo spinale (meningi) e può essere di natura virale o batterica. Cosa sappiamo delle meningiti batteriche neonatali? Quali sono i sintomi e come si può guarire?

In questo articolo

Cause delle meningiti batteriche nel neonato

Cosa provoca la meningite batterica? Sono 3 i batteri più frequentemente responsabili della meningite batterica.

  • Meningococco (Neisseria meningitidis)
  • Pneumococco (Streptococcus pneumoniae)
  • Haemophilus influenzae b (emofilo o HIB).

Meningite da meningococco

Si trasmette attraverso le secrezioni respiratorie con un periodo di incubazione media di 3-4 giorni. I sintomi sono quelli tipici della meningite, ma nel 10-20% dei casi la malattia ha un decorso fulminante e può portare al decesso in poche ore anche in presenza di una terapia adeguata a causa di una sepsi meningococcica.

Meningite streptococcica neonatale 

La meningite da streptococco di gruppo B si trasmette per via respiratoria e può causare sepsi, polmonite o infezioni delle prime vie respiratorie. Può verificarsi nella prima settimana di vita e può accompagnarsi ad una sepsi neonatale a esordio precoce, ma spesso si verifica anche dopo, entro i 3 mesi di vita.

Haemophilus influenzae b

(emofilo o HIB) era, fino alla fine degli anni Novanta, la causa più comune di meningite nei bambini fino a 5 anni.

Sintomi della meningite nel neonato

Come riconoscere la meningite nei neonati? Nella maggior parte dei casi i segni tipi della meningite nei neonati sono quelli della sepsi, cioè:

  • instabilità della temperatura,
  • distress respiratorio,
  • ittero,
  • apnea.

Alcuni sintomi sono strettamente connessi alla meningite batterica e si tratta di quelli a carico del sistema nervoso centrale, quindi:

  • letargia,
  • convulsioni,
  • vomito,
  • irritabilità, soprattutto la cosiddetta irritabilità paradossale, per cui il bambino piange ancora di più se riceve coccole da parte dei genitori. Il movimento delle mani sulla testa da fastidio a causa dell'infiammazione delle meningi.

In alcuni casi si presenta tumefazione o una tensione della fontanella e la rigidità nucale (che comunque si rileva solo nel 15% dei neonati).

Conseguenze della meningite nei neonati

E' fondamentale sottoporre i bambini alla vaccinazione contro la meningite:

  • Il vaccino esavalente (DTPa/IPV/Ep B/Hib) protegge contro la difterite, il tetano, la pertosse, la polio, l'epatite B e le infezioni da Haemophilus influenzae tipo b e viene somministrato in tre dosi (al terzo, al quinto e al dodicesimo mese).
  • Il vaccino contro il meningococco B (MenB) protegge contro le infezioni causate dal batterio Neisseria meningitidis.
  • Il vaccino pneumococcico coniugato che protegge dalle infezioni causate dallo Streptococcus pneumoniae.

In caso di diagnosi di meningite la terapia antibiotica - che deve essere scelta in base al tipo di batterio responsabile della meningite - va iniziata prima possibile. Se si interviene tempestivamente la maggior parte delle persone guarisce dalla meningite, ma in alcuni casi possono esserci delle complicazioni come:

Alcune delle complicanze più comuni associate alla meningite sono:

  • perdita dell'udito, che può essere parziale o totale
  • convulsioni ricorrenti (epilessia)
  • problemi di memoria e concentrazione
  • problemi di coordinazione, movimento ed equilibrio
  • difficoltà di apprendimento e problemi comportamentali
  • perdita della vista, che può essere parziale o totale
  • amputazione di arti che a volte diventa necessaria per bloccare la diffusione dell'infezione attraverso il corpo (è il caso della straordinaria atleta italiana Bebe Vio)
  • problemi alle ossa e alle articolazioni, come l'artrite
  • problemi ai reni.

Meningite virale nei neonati

La meningite virale è causata da virus e può anche emergere come complicanza dell'infezione da herpes simplex, dell'influenza, della varicella, della poliomelite e del morbillo. Solitamente questo tipo di meningite si risolve senza particolari conseguenze.

L'infiammazione delle meningi è chiamata meningite, quella dei tessuti cerebrali è chiamata encefalite: la meningoencefalite è un'infiammazione che colpisce sia le meningi che il cervello.

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

articoli correlati