Home Il bambino Malattie

Leucemia fulminante per un giovane atleta di 13 anni

di Barbara Leone - 02.01.2013 Scrivici

visite-pediatriche_1
Matteo Musco aveva appena 13 anni ed è morto la sera del 31 dicembre per una leucemia fulminante, che se l'è portato via in appena 2 settimane

Matteo Musco era un giovane atleta di appena 13 anni.

Era considerato un campione nella lotta greco romana e per lui si prospettava un futuro in questa specialità, che svolgeva presso la Polisportiva Santa Bona di Castagnole di Paese, in provincia di Treviso. Matteo frequentava la

terza media

con ottimi risultati. Ma la sua vita è stata stroncata in appena 15 giorni da una

leucemia fulminante

.

LEGGI ANCHE: Guarita dalla leucemia grazie a una nuova terapia

Il giovane viveva con la madre Claudia, il padre Sante e la sorella maggiore Sarah. Era un ragazzo come tanti altri, appassionato di sport.

Il 15 dicembre aveva festeggiato il Natale

con i suoi compagni alla polisportiva. Poi è arrivata la

febbre, con giramenti di testa e vomito

.

All'inizio si pensava ad una

banale influenza

, che però non accennava a passare. La febbre non andava via e così i genitori hanno deciso di portarlo, il 28 dicembre, al

Pronto Soccorso dell'Ospedale di Ca' Foncello

per fare qualche accertamento. E qui è arrivata la

terribile diagnosi

, che nessuno si aspettava: leucemia fulminante. 

LEGGI ANCHE: I diritti del bambino ammalato e in ospedale

Matteo è stato immediatamente trasferito al

reparto di Oncologia Pediatrica all'ospedale di Padova

, ma i medici non hanno potuto fare nulla per salvarlo. La malattia non gli ha lasciato vie di scampo. E

Matteo si è dovuto arrendere

davanti a questa malattia terribile. I genitori ed il primario di oncologia dell'ospedale hanno deciso di staccare le macchine che lo tenevano in vita.

Matteo è morto il 31 dicembre

presso l'ospedale di Padova, lasciando nello sconforto tutti quelli che lo conoscevano e gli volevano bene.

gpt inread-altre-0

articoli correlati