Home Il bambino Malattie

Cos'è la leishmania e come si manifesta la malattia nei bambini?

di Ines Delio - 06.06.2024 Scrivici

leishmania-in-eta-pediatrica
Fonte: shutterstock
Cosa sapere sulla Leishmania in età pediatrica: cos'è, cosa comporta, quali sono i sintomi, come si cura. Ma soprattutto: si può prevenire?

In questo articolo

Leishmania in età pediatrica: cos'è?

La leishmaniosi è una malattia causata dal parassita Leishmania, trasmessa dalla puntura di alcuni insetti. Può colpire diverse fasce d'età a seconda della specie infettante, della posizione geografica, del serbatoio della malattia e dell'immunocompetenza dell'ospite. La leishmaniosi viscerale è la forma più grave della malattia che colpisce i bambini. Ecco cosa sapere sulla Leishmania in età pediatrica.

Cos'è la leishmaniosi?

La leishmaniosi è una malattia infettiva di origine parassitaria causata da protozoi del genere Leishmania, un parassita che colpisce sia gli animali domestici, in particolare i cani, che l'essere umano. A trasmetterla sono le punture di insetti noti come pappataci o flebotomi (conosciuti anche come 'mosche della sabbia'), di piccole dimensioni (2-3 mm), simili a minuscole zanzare. La leishmaniosi è presente nelle aree tropicali e subtropicali temperate del mondo e in tutto il bacino del Mediterraneo. Nel nostro territorio, i cani rappresentano il "serbatoio" principale del parassita, ma la malattia, come detto, può colpire anche le persone, in particolar modo bambini, anziani e immunodepressi.

Dove è più diffusa la leishmaniosi?

Le popolazioni più a rischio di infezione sono quelle povere dell'Africa, dell'Asia e dell'America Latina, dove a contribuire allo sviluppo della malattia è la presenza di malnutrizione, povertà e mancanza di risorse. Secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sono più di 90 i Paesi in cui la Leishmania endemica. L'estensione e la presentazione della malattia dipendono da diversi fattori, tra cui la risposta immunitaria umorale e cellulo-mediata dell'ospite, la virulenza della specie infettante e la carica parassitaria. I bambini sono più a rischio degli adulti nelle aree endemiche. Una terapia incompleta della malattia iniziale è un fattore di rischio per la recidiva della leishmaniosi.

Quali sono i sintomi della leishmaniosi nei bambini?

La sintomatologia della leishmaniosi può essere lieve o assente. Può manifestarsi come:

  • leishmaniosi cutanea, con la comparsa di ulcere sulla cute
  • leishmaniosi mucocutanea, con ulcere sulle mucose del naso, della bocca o della gola che possono determinare gravi deturpazioni
  • leishmaniosi viscerale, che colpisce gli organi interni, in particolare il midollo osseo, i linfonodi, il fegato e la milza, con i seguenti sintomi: febbre, perdita di peso, affaticamento, ingrossamento della milza e del fegato

Tra i sintomi della leishmaniosi pediatrica più comuni ci sono anche ingrossamento dei linfonodi, anemia, leucopenia (situazione in cui il numero di globuli bianchi nel sangue è inferiore alla norma) e ipergammaglobulinemia (aumento del contenuto percentuale di gammaglobuline nel sangue).

I bambini possono contrarre la leishmaniosi dai cani?

Non è possibile contrarre la leishmaniosi direttamente da un cane o da un altro animale. Ma è provato che i cani possono infettare altri cani. Poiché la leishmaniosi può diffondersi dai cani alle persone attraverso le punture della mosca della sabbia, è comunque importante prevenire l'infezione nei nostri animali domestici.

Come si diagnostica la Leishmania nei bambini?

La presenza dei microrganismi responsabili della leishmaniosi può essere confermata in laboratorio attraverso l'analisi al microscopio o con tecniche di biologia molecolare (Polymerase Chain Reaction, PCR) che dimostrano la presenza della Leishmania. La biopsia della pelle va invece praticata per diagnosticare la Leishmaniosi cutanea. In generale, i metodi molecolari e immunologici stanno diventando sempre più accettati.

Come si cura la leishmaniosi nei bambini?

Il trattamento farmacologico della leishmaniosi dipende dalla specie di Leishmania responsabile dell'infezione. Per le forme cutanee con piccole lesioni, è indicato l'uso di creme o iniezioni cutanee. Per il trattamento della leishmaniosi viscerale è, invece, indicata l'amfotericina B liposomiale (Ambisome) per infusione endovenosa. Ad ogni modo, sarà il medico a suggerire la cura più adatta in base ai diversi fattori.

La leishmaniosi è generalmente curabile se il medico la diagnostica e la tratta subito con i farmaci. Il tasso di guarigione con un trattamento tempestivo è superiore al 90% per la leishmaniosi viscerale e superiore al 75% per la leishmaniosi mucosa. Alcune persone che migliorano e non presentano segni di parassiti dopo il trattamento si ammalano di nuovo entro pochi mesi (ricaduta).

Come prevenire la Leishmania in età pediatrica

Per prevenire la leishmaniosi bisogna evitare le punture degli insetti che trasmettono l'infezione. In generale, per le persone che viaggiano o vivono in aree in cui l'infezione è diffusa, possono essere utili alcuni accorgimenti, come:

  • applicare repellenti per insetti sulla pelle esposta ( i più efficaci contengono solitamente DEET)
  • preferire indumenti con maniche lunghe e pantaloni
  • utilizzare zanzariere, anche per i letti
  • ostacolare la diffusione di pappataci mantenendo puliti giardino e cortile
  • se ci sono animali in casa, prestare molta cura alla pulizia della cuccia o degli spazi frequentati dall'animale
  • evitare attività all'aperto dal tramonto all'alba, quando le mosche della sabbia sono più attive

Fonti

gpt inread-altre-0

Articoli correlati

Ultimi articoli