Nostrofiglio.it
1 5

Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile

/pictures/2019/02/01/giornata-mondiale-contro-il-cancro-infantile-3889120541[2047]x[854]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-bambino
Il 15 Febbraio si celebra la Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile per sostenere tutti i piccoli malati che devono combattere ogni giorno contro gravi malattie

Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile

Il 15 febbraio ricorre la Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile. Una giornata organizzata per sostenere tutti i bambini e le famiglie che devono combattere ogni giorno contro terribili malattie. E se già queste malattie rendono la vita di un adulto molto difficile, quando colpiscono i bambini sembrano ancora più terribili.

Trapianto di midollo, la nuova tecnica del Bambino Gesù di Roma

Secondo gli ultimi dati, un bambino muore di cancro ogni 3 minuti, e questo nonostante i progressi nelle terapie che ci sono stati negli ultimi anni. Il tumore continua ad essere la principale causa di morte nei pazienti pediatrici tra le malattie non trasmissibili. In Italia, ogni anno, si ammalano di tumore 2.200 bambini e adolescenti, con 1 bambino su 650 che ha meno di 15 anni. A livello mondiale, i nuovi casi l'anno sono più di 300.000 (ma è una stima in difetto, poiché in molti paesi non esiste un registro) e seimila sono le nuove diagnosi in Europa.

Nei Paesi in via di sviluppo i tassi di mortalità sono ancora più alti, oltre l'80%. E molti dei bambini che muoiono potrebbero essere salvati se anche per loro fosse garantita una diagnosi tempestiva e l'accesso alle cure necessari come ai loro "fratelli" europei.

Come spiega Angelo Ricci, Presidente FIAGOP:

Il cancro nei bambini e negli adolescenti è una malattia curabile, ma continua ad essere la principale causa di morte nei pazienti pediatrici nel mondo. Quest’anno CCI, a livello mondiale, ha posto l’attenzione sul fatto che in molti paesi a basso reddito alla difficoltà di accedere alle cure si aggiunge la quasi totale disattenzione sul dolore: secondo l’OMS, nel 65.6% delle nazioni – l’Italia non è fra queste! – non viene offerto alcun supporto palliativo e pertanto moltissimi bambini e adolescenti col cancro (e non solo loro, certamente) soffrono ingiustamente. #nomorepain e #ICCD2019 sono gli hashtag con cui condividere questa preoccupazione sui social.

Negli ultimi anni si sono raggiunti eccellenti livelli di cura e di guarigione per leucemie e linfomi, rimangono ancora basse le percentuali di guarigione per tumori cerebrali, neuroblastomi e osteosarcomi. Tuttavia una parte dei guariti potrebbe essere soggetta ad effetti collaterali a lungo termine causati dal trattamento subito.

Inoltre, almeno il 50% dei farmaci usati per combattere la malattia, che si manifesta in oltre 60 tipi e sottotipi diversi, non è autorizzato per l’uso pediatrico, ed è usato off label, adattando ai bambini medicine per adulti “eppure i bambini non sono adulti in miniatura!”. Negli ultimi 10 anni in Europa, a fronte della sperimentazione di 50 nuovi farmaci anticancro per adulti, soltanto 2 sono stati quelli studiati per l’età pediatrica.

Stesso messaggio viene lanciato dalla presidente dell'Associazione italiana di ematologia e oncologia pediatrica (Aieop), Franca Fagioli:

Oggi abbiamo fatto enormi passi avanti, tanto che le percentuali di guarigione per vari tumori raggiungono l'80-90%, mentre erano solo del 10% meno di 40 anni fa. Ma per migliorare ulteriormente, soprattutto per i tumori infantili più difficili, è necessario sviluppare nuovi farmaci che siano sperimentati e testati direttamente sulla popolazione pediatrica, ciò per garantire una maggiore efficacia ed un'azione più mirata. Il problema è che le aziende farmaceutiche, nonostante sia previsto anche da un Regolamento Ue, non sviluppano tali sperimentazioni, spesso per mancanza di interesse, ed anche in Italia solo l'8% delle sperimentazioni di farmaci è fatta 'a misura di bambino'.

In effetti come afferma la Fiagop più del 50% dei farmaci somministrati in oncologia pediatrica sono stati testati solo sugli adulti, ma non è la stessa cosa e c'è un urgente bisogno di effettuare dei test anche sui bambini.

L'impegno di AIRC contro i tumori infantili

Grazie ai progressi della ricerca, circa l'82% dei bambini e l'86% degli adolescenti è in vita cinque anni dopo una diagnosi di tumore, ma servono terapie sempre più specifiche ed efficaci per le forme più rare e aggressive. Negli anni Settanta soltanto 3 bambini su 10 sopravvivevano a una diagnosi di cancro, oggi invece 3 piccoli su 4 guariscono completamente, grazie agli straordinari progressi raggiunti da medici e ricercatori nella comprensione dei meccanismi molecolari di base e nello studio di nuovi trattamenti.

Per questo AIRC ha destinato alla ricerca sui tumori pediatrici più di 21 milioni di euro solo negli ultimi 5 anni. A questi si aggiungono i fondi erogati nel 2019: oltre 6 milioni e 235 mila euro per 68 progetti e borse di studio, con l’obiettivo di sviluppare terapie specifiche sempre più efficaci, personalizzate e meno tossiche per i circa 1.400 bambini (0-14 anni) e 800 adolescenti (15-18 anni) che ogni anno in Italia si ammalano di cancro. In occasione della Giornata Internazionale contro il Cancro Infantile, AIRC inaugura inoltre una nuova sezione del sito airc.it dedicata interamente ai tumori pediatrici, che sarà online proprio dal 15 febbraio. Si tratta di una vera e propria Guida, che mette a disposizione dei genitori le informazioni necessarie per difendere i loro piccoli dal tumore, e risponde alle domande più comuni dopo una diagnosi o nel corso della cura.

Per sostenere AIRC e la ricerca sul cancro infantile, possiamo donare chiamando subito il 45521 da telefono fisso per donare 5 o 10 euro o mandando uno o più SMS sempre al 45521 per donare 2 euro. Si può donare anche tramite Satispay, l’app gratuita per pagare nei negozi, scambiare denaro tra amici, acquistare servizi e fare donazioni. Per tutto il mese di febbraio gli utenti potranno contribuire alla raccolta fondi per AIRC accedendo alla funzione Donazioni sulla App oppure da web utilizzando il link: https://tag.satispay.com/airc. Chi non è ancora utente Satispay, può iscriversi utilizzando il codice promozionale AIRC o visitando questa pagina https://www.satispay.com/it/promo/?promo=AIRC. Per tutto il 2019, per ogni app scaricata con questo codice, AIRC riceverà una donazione di 5 euro e l’utente un bonus di 5 euro.

Eventi in Italia

In occasione della XVIII Giornata Mondiale sul cancro infantile, promossa in Italia dalla Federazione Italiana Associazioni genitori onco-ematologia pediatrica (Fiagop), sono tante le iniziative in programma per sensibilizzare la popolazione. In molte città si svolgerà l’iniziativa di sensibilizzazione pubblica “Diamo radici alla speranza, piantiamo un melograno”. Sul sito Giornata Mondiale Cancro Infantile, potrete trovare l'elenco delle città e delle associazioni che aderiscono all'iniziativa. A Varese, ad esempio, l'appuntamento è per il 15 Febbraio, alle ore 11.00, in via F. del Ponte 19, per piantare alberelli di melograno, i cui semi simboleggiano l'unione di tutti contro il cancro infantile. Tutti i partecipanti riceveranno in dono un nastrino dorato, simbolo universale della lotta contro il cancro dei bambini.

Il 16 febbraio a Genova, presso la Sala convegni dell’Acquario, si svolgerà il convegno nazionale “Uniti per guarire. Ricerca, cura, futuro, parole chiave in oncoematologia pediatrica", organizzato da Fiagop in collaborazione con AIEOP (Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica) e ABEO Liguria Onlus. Nel pomeriggio poi si svolgerà il Primo Convegno Nazionale dei guariti da tumore pediatrico. Secondo le stime attualmente in Italia sono circa 44.000 le persone che hanno avuto un tumore da bambini ed ora hanno in media 30 anni. Infine sarà illustrato il “Passaporto del Guarito”, uno strumento che vuole offrire ad ogni ex paziente pediatrico un programma di screening e follow-up personalizzato, che prosegua anche durante la crescita.

Gold For Kids

Anche per quest'anno continua il sostegno di F.I.L.A. (Fabbrica Italiana Lapis ed Affini) a Gold For Kids, il progetto di Fondazione Umberto Veronesi a favore dell’oncologia pediatrica e degli adolescenti, che finanzia protocolli di cura in grado di garantire ai piccoli pazienti un accesso immediato alle migliori terapie a livello internazionale.

Per questo F.I.L.A. finanzia una borsa di ricerca ed anche quest'anno organizza una iniziativa per dare un messaggio di incoraggiamento ai giovani pazienti. Il 15 febbraio oltre 500 bambini e ragazzi ricoverati in circa 40 ospedali specializzati in tutta Italia riceveranno un kit creativo, composto da una confezione di matite colorate GIOTTO GOLD Limited Edition (matite personalizzate con fusto in legno e un tocco d’oro che riprende il colore simbolo internazionale dell’oncologia pediatrica) e un album da disegno GIOTTO. Tutto l’occorrente per poter esprimere, attraverso il colore, creatività ed emozioni.

gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0