gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Come aiutare i bambini colpiti dal mal d'autunno

/pictures/2017/11/02/come-aiutare-i-bambini-colpiti-dal-mal-d-autunno-4151063919[963]x[401]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-bambino

In autunno possono presentarsi piccoli disturbi, stanchezza e sonnolenza. Ecco i rimedi per il mal d'autunno nei bambini

Mal d'autunno nei bambini

Stress, stanchezza, ansia e inappetenza: sono i sintomi del mal d'autunno che colpisce anche i bambini in queste settimane in cui tutto è ormai rientrato nella routine e le giornate sono piene di impegni, scolastici ed extrascolastici. La libertà, la spensieratezza dell'estate sono ormai solo un ricordo e le attività frenetiche di tutti i giorni che vedono impegnati anche i più piccoli, unite ai primi giorni di maltempo, possono causare malinconia, stanchezza e apatia nei bambini.

Sintomi del mal d'autunno

I principali sintomi del tipico mal d'autunno sono:

  • stanchezza;
  • sonnolenza;
  • irritabilità;
  • inappetenza;

Ma il cambio di stagione può influire sullo stato d'animo del bambino anche con iperattività, insonnia, eccessivo appetito.

Disturbi del cambio stagione

Francesca Saccà, psicologa e psicoterapeuta, spiega che alcuni bambini possono manifestare il loro disagio con un'apatia che rasenta la depressione, mentre altri invece possono reagire con una inaspettata iperattività. In ogni caso è importante osservare con attenzione il comportamento dei bambini a scuola, a casa e mentre giocano con i coetanei perché è proprio in quei momenti che sono più spontanei.

Se si nota un cambiamento nel comportamento dei bambini è bene rallentare i ritmi, lasciandoli più liberi di giocare senza obblighi o impegni. Ma il carico di impegni e stress andrebbe ridotto anche per i genitori che altrimenti rischiano di far vivere o stress di riflesso ai loro figli.

Prendersi tempo, insomma, è un consiglio utile per grandi e piccini, per condividere una passeggiata all'aperto o la lettura di una favola la sera.

Cosa mangiare per combattere il mal d'autunno

Attenzione anche all'alimentazione: Gian Vincenzo Zuccotti, direttore della Clinica pediatrica Luigi Sacco di Milano ricorda che la prima colazione è molto importante perché garantisce il giusto apporto di energia utile per tutta la giornata.

L'ideale è una prima colazione che fornisca il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero, permettendo così al bambino di arrivare alla merenda di metà mattinata senza cali di zuccheri, che contribuiscono ad aumentare stanchezza e calo di energia.

E a pranzo e a cena via libera agli alimenti preferiti dai bambini, senza far mancare frutta, verdura e yogurt.

I virus parainfluenzali in autunno

Febbre, raffreddore, tosse e mal di gola sono i classici sintomi dell'influenza stagionale ma in realtà in questo periodo i virus responsabili dell'influenza non sono ancora arrivati in Italia. Questi malanni tipici del cambio di stagione sono provocati, quindi, da virus parainfluenzali che provocano sintomi del tutto simili alla classica influenza. Cosa fare per curare questo raffreddore d'autunno?

  • Tenere libero il naso praticando frequenti lavaggi nasali;
  • somministrare paracetamolo in caso di febbre;
  • curare l'alimentazione del bambino, senza forzarlo a mangiare ma assicurandoci che beva acqua a sufficienza;
  • somministrare una terapia immunostimolante che rafforzi il sistema immunitario.
Autunno: ancora tempo di giochi all'aperto

Rimedi per il mal d'autunno nei bambini

I consigli per aiutare i bimbi ad affrontare la delicata fase del cambio di stagione hanno il sapore del buon senso e possono essere messi in pratica facilmente, con un minimo di accortezza:

  • stare più tempo possibile all'aria aperta: è vero che con il cambio dell'ora solare le giornate sono diventate più corte e il buio arriva prima, ma si può e si deve trovare il modo per trascorrere un po' di tempo all'aperto, ad esempio al parco, dopo la scuola;
  • prendersi tempo: il rischio è quello di stressare troppo i bambini tra impegni scolastici e sportivi e questo si ripercuote negativamente sul loro benessere;
  • impegnarsi per una corretta routine del sonno: andare a dormire troppo tardi o comunque cambiare gli orari del sonno troppo spesso crea uno squilibrio nei bambini, che invece hanno bisogno di abitudini consolidate e di dormire il giusto numero di ore. Fate in modo di creare una routine serale: cena leggera, un po' di televisione, una breve fiaba e poi a nanna;
  • curare l'alimentazione: frutta, verdura, proteine e carboidrati sono i cardini della dieta mediterranea che mai come in questo periodo si rivela un autentico elisir per il benessere di grandi e piccoli.

Mal d'autunno negli adulti

Il cambio di stagione influenza anche lo stato di salute fisica e mentale degli adulti. Gli esperti dell’Osservatorio Sanpellegrino riferiscono che questo disturbo interessa l’80% degli italiani, e sicuramente la maggior parte di noi ha sperimentato almeno una volta i fastidiosi effetti dell'arrivo dell'autunno, del cambio di ora solare con sintomi piuttosto comuni:

  • irritabilità;
  • difficoltà di concentrazione
  • sonnolenza;
  • stanchezza;
  • apatia

Cosa fare per combattere il mal d'autunno?

Gli esperti consigliano di assumere un integratore di magnesio, un micronutriente che agisce positivamente sull'umore, riuscendo a stabilizzare la sfera psicologica e nervosa. Importante anche bere acqua a sufficienza, almeno due litri al giorno, perché la disidratazione comporta un peggioramento del benessere psicofisico e può acuire i sintomi legati al mal d'autunno.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0