Home Il bambino Malattie

Ambiguità sessuale: interessa un neonato su 4mila

di Francesca Capriati - 05.02.2014 Scrivici

bebe-appena-nato
E una circostanza rara, ma può capitare: un neonato viene alla luce con organi genitali assenti oppure incerti

Un neonato su quattromila nasce con i genitali esterni femminili ma ha i cromosomi maschili (o al contrario).

In aumento le operazioni sui bambini dal sesso incerto


L'ambiguità sessuale è un disturbo che, solo in Emilia Romagna, interessa 4/5 bambini ogni anno. Nasce da un'anomalia dello sviluppo dei genitali interni ed esterni nel corso nelle fase dello sviluppo fetale.
Un feto che geneticamente è maschio nasce con i genitali esterni e interni femminili, e viceversa.

Insomma disturbi della differenziazione sessuale interessano un neonato su 4-5mila: in questi neonati risulta difficile attribuire un sesso. In questi casi gli esperti eseguono una serie di esami ormonali per stabilire quale sia la componente sessuale prevalente e operare una scelta per l'intervento migliore


Identità di genere, da cosa viene influenzata?



Non si tratta solo di una patologia che ripercussioni sul piano fisico, ma anche psicologico: come crescere questi  bambini? Quale identità sessuale favorire? Gli esperti consigliano ai genitori di avere un approccio multidisciplinare. I bambini (e le le loro famiglie) vanno seguiti da diversi professionisti: un endocrinologo pediatrico, un chirurgo, uno psicologo.

E negli ultimi

 

cinque anni

 

sono aumentati del 25% in tutta Italia le richieste di

 

interventi chirurgici per il cambio di sesso

 

e del 50% gli interventi sui bambini.

 

Ogni mese dieci nuovi pazienti si rivolgono agli specialisti per cambiare

 

sesso

 

e le richieste da parte di genitori preoccupati hanno subito, nell'ultimo quinquennio,

 

un incremento del 50%

 

  e solo presso l'Ospedale San Camillo di Roma sono stati eseguiti negli ultimi cinque anni 350 interventi su bambini con

 

meno di sei anni

 

.

 

gpt inread-altre-0

articoli correlati