Home Il bambino Igiene

Come pulire passeggini, carrozzine, box, ovetti e non solo

di Francesca Capriati - 17.02.2020 Scrivici

come-pulire-passeggini-carrozzine-box-ovetti-e-non-solo
Fonte: Shutterstock
Sono praticamente tutti sfoderabili e lavabili, ma come pulire al meglio passeggini e carrozzine?

Come pulire passeggini e carrozzine

Tutti i trio, i passeggini e le carrozzine che si trovano attualmente in commercio hanno le parti in tessuto e accessori completamente sfoderabili, ma come si possono pulire con cura ed efficacia? Ecco i vari metodi e i nostri consigli su come pulire passeggini e carrozzine senza rovinarli.

Lavare passeggini e carrozzine in lavatrice

La maggior parte dei tessuti sfoderabili di questi oggetti possono tranquillamente finire in lavatrice. Aggiungendo un po' di disinfettante si possono lavare anche a 30 gradi. E se ci sono delle macchie insistenti non dimenticarsi di pretrattarle con un prodotto specifico e lasciar agire qualche minuto prima di mettere in lavatrice.

Se non vogliamo utilizzare detergenti chimici e preferiamo prodotti naturali possiamo tranquillamente sostituire il comune disinfettante da lavatrice con del bicarbonato.

Le parti del passeggino che non possono essere completamente sfoderate, come ad esempio la cappottina del passeggino o della navetta, si possono comunque mettere in lavatrice se le dimensioni di quest'ultima lo consentono.

Lavaggio a mano

Se temiamo di rovinare i tessuti o non possiamo optare per un lavaggio in lavatrice possiamo comunque sfoderare il passeggino e lavarlo a mano. Come? Per dare una rinfrescata al passeggino che è stato usato anni fa per il primo figlio e che oggi serve per il secondo basta usare un panno imbevuto di acqua e candeggina profumata.

L'ideale è pulire con il panno inumidito e se lo sporco lo richiede utilizzare un detersivo profumato, come un prodotto al limone oppure naturale al 100%. L'importante è lasciare il passeggino all'aperto per molte ore, in modo da eliminare ogni odore, e soprattutto per asciugarlo con cura per evitare la formazione di muffe e macchie d'umido.

Prestare molta attenzione agli interstizi e agli angoli, dove si annidano con facilità briciole e granelli di polvere e terra.

Come lavare i telai

Per lavare le parti non in tessuto, come maniglie, telaio e ruote, dobbiamo usare un panno umido con sola acqua se si tratta solo di spolverarli e con l'aggiunta di un detersivo delicato, perfetto il sapone di marsiglia, che poi va risciacquato. Sono molto utili anche le salviette disinfettanti usa e getta. Quando si torna a casa dopo una passeggiata in città le ruote del passeggino o della carrozzina sono estremamente sporche ed è importante non far entrare il passeggino in casa senza prima averle pulite accuratamente.

Avere sempre in borsa una confezione di salviette (ad esempio quelle con il Lisoform) può rivelarsi molto utile per pulire rapidamente le ruote e non sporcare il pavimento.

Se si ha a disposizione un cortile o un giardino con una pompa si può fare anche un lavaggio come se fossimo all'autolavaggio: sciacquare con getto forte, usare una spugna con detersivo e mettendoci olio di gomito per sfregare sulle macchie più insistenti. Infine risciaquare con la pompa. Prestare molta attenzione ad asciugare con un panno asciutto tutte le parti metalliche del telaio per evitare che arrugginiscano.

Come togliere la muffa dai tessuti dei passeggini

Infine una procedura per eliminare la muffa dai tessuti di passeggini, carrozzine, ovetti e box.

Servono:

  • sale,
  • succo di limone,
  • una spugna,
  • dei panni.

Spruzzare il succo di limone sulla macchia di muffa, ricoprire con il sale. Sistemare il passeggino sotto il sole per far essiccare la macchia. Rimuovere il composto di sale e succo di limone con un panno inumidito con acqua fredda.

Quale passeggino è più adatto al nostro bambino? La scelta può essere ardua vista l'immensità di modelli, marche e prezzi disponibili nei negozi. Innanzitutto possiamo valutare la convenienza dell'acquisto di un trio, un sistema modulare dotato di un solo telaio sul qual si montano la navicella per i primi mesi e successivamente la seduta del passeggino oppure l'ovetto, che è anche un seggiolino auto omologato per i primi tempi.

In alternativa possiamo prendere in prestito una carrozzina per poi acquistare un passeggino tutto nostro che durerà qualche anno. Prima di comprarlo facciamo attenzione alle misure dell'ascensore del nostro condominio, delle porte, del baule dell'automobile.

Per i primi tempi, quando il bambino è piccolo, è importante valutare la seduta ergonomica, comoda e imbottita, gli accessori in dotazione (come la cappottina), il tipo di ruote e la possibilità di reclinare lo schienale completamente per far dormire il bambino. Dopo i primi anni può essere più pratico passare ad un passeggino leggero, di dimensioni e peso minimi e con una pratica chiusura ad ombrello.

gpt inread-altre-0

articoli correlati