Home Il bambino Giocare e crescere

Wonderlife: dilemmi del Carnevale

di Redazione PianetaMamma - 21.01.2013 Scrivici

Come vestire i bambini piccoli a Carnevale in modo creativo e usando cose semplici? Wonderland lo chiede a voi!

Io un anno, a Carnevale, mi sono vestita da bottiglia di vino. Su, andiamo, sono sicura di non essere caso isolato: se rovistate nel baule dei ricordi anche voi troverete quella foto ingiallita in cui sorridete vestite da semaforo. O da tavola apparecchiata. O da imbianchino, con la tuta da ginnastica imbrattata e un pennello in mano. Per farvela breve: i nostri genitori erano più creativi.


LEGGI ANCHE: POESIE E FILASTROCCHE DI CARNEVALE


Oggi basta un giro al parco per rendersi conto di un dato inquietante: le maschere si chiamano per nome (LEGGI).
Da che sei vestita?” E la risposta è sempre un nome proprio: Biancaneve. Rapunzel. Bloom delle Winx. Roba del genere.
Idem per i maschietti: Spiderman. Ben10. Super-qualcosa.

L’altro giorno ho fatto un giro per vedere cosa ci fosse di nuovo in giro, e ho trovato le solite cose: scaffale rosa-principessa per lei, scaffale eroe-mostro per lui. Dal momento che non appena avrà 4 o 5 anni mi sarà impossibile oppormi alle maschere più conosciute, quest’anno ho deciso di orientarmi sui fai da te… ma cosa fare-da-me?


GUARDA LE FOTO: MASCHERE TRADIZIONALI DI CARNEVALE


Avevo un paio di ali da angioletto a casa, ho vestito mia figlia di bianco e le ho infilato le alucce a mo’ di zainetto come tocco finale. Niente male, non fosse stato che al parco andava a vento. Ali da adulto e duenni non vanno d’accordo.

Il secondo tentativo è stata un’intuizione nata guardando una mascherina (LEGGI) da mucca trovata al supermercato. Ho una felpina bianca tutta pelosa – ho pensato - ci faccio delle macchie nere ed è fatta. Bene: ho avuto la geniale idea di provare a fare le prime macchie col nastro isolante tagliato a tondini. E’ andata così: ne ho appiccicata una ma era troppo vicino alla zip, quindi ho deciso di spostarla.
STRAP.
Mi è rimasta in mano la macchia e, attaccata sotto, tutta la parte pelosa della tuta. In pratica ho depilato un capo di abbigliamento.



Il terzo tentativo è stato un lampo di genio:
“Vestiamola da sushi!”
”Come da sushi?” ha chiesto Lui.
“Sì! Dai, l’ho visto su un sito di costumi artigianali per bambini… la vesti di bianco come il riso. Poi le metti qualcosa di arancione sulla schiena, la leghi con una fascia nera e fai il sushi!”.
La povera Porpi era perplessa, nonostante questo non ha fatto una piega quando le ho messo maglietta e calzamaglie bianche. A quel punto ho gonfiato un palloncino arancione, ci ho disegnato sopra delle strisce come fosse salmone e sono andata alla ricerca di una fascia nera.
“Non ho fasce nere. Che dici, con una cintura va bene lo stesso?”
”Boh, prova…”
E io ho provato.
“Che te ne pare?” ho chiesto.
”Sembra una povera bambina in calzamaglia con un brutto palloncino legato addosso”.


GUARDA LE FOTO: COSTUMI DI CARNEVALE PER BAMBINI


Non ho ancora trovato un costume di carnevale per mia figlia, quindi questo è anche un post per chiedere disperatamente ispirazione. Da cosa mascherate i vostri figli? Avete qualche suggerimento per costumi carini, non banali e possibilmente fai da te?


1. puntata: Pronti, partenza oddio!

2. puntata: Parole, parole, parole.. le prime!

3. puntata: I posti dove non portare mai un bambino

4. puntata: Cara amica single, ti presento la vita da mamma

5. puntata: Parliamo di papà

6. puntata: Mamme da spiaggia

7. puntata: la festa di compleanno dei nani  

8. puntata: l'inserimento al nido

9. puntata: nonne e dintorni
10. puntata: missione spannolinamento

11. puntata: consigli per gli acquisti formato baby

12. puntata: Vi riposate voi di domenica?

13. Mai più senza doudou

14. Sex and the baby

15. Regali: istruzioni per l'uso
16. Anno nuovo, stessi vecchi propositi

17.puntata: le domande dei bambini
18. puntata: Suggerimenti non richiesti

banner300x100_aLeggi qui l'intervista a Chiara di 'Ma che davvero?' 
Intervista a Chiara, meglio conosciuta come Wonderland, mamma blogger di "Ma che davvero?", mamma giovane, pungente e cool quanto basta, che ha individuato nell’ironia il modo per raccontare 'quello che le mamme non dicono'. E dopo il successo del blog è uscito il suo primo libro

La recensione su Pianetamamma del libro di Chiara, "Quello che le mamme non dicono"
La recensione un po' strampalata, un po' troppo di parte, un po' emozionata di un libro bellissimo per le mamme. Ma soprattutto per le donne

Il blog di Wondeland: Ma che davvero?

bannerlibroQuello che le mamme..

gpt inread-altre-0