Home Il bambino Giocare e crescere

Giochi online, qual è quello adatto al proprio figlio? Ecco le istruzioni per scegliere

di Cetty Mannino - 23.06.2020 Scrivici

giochi-online-qual-e-quello-adatto-al-proprio-figlio-ecco-le-istruzioni-per-scegliere
Fonte: Shutterstock
Cosa guardare quando scarichiamo un gioco online? Come scegliere quello più adatto ai nostri fiigli. L'importanza dell'indicazione Pegi, la classificazione utilizzata in tutta Europa

Giochi online, qual è quello adatto al proprio figlio?

Come riconoscere se un gioco online è adatto ai propri figli? Sin da piccolissimi i bambini apprendendo per imitazione ad utilizzare i dispositivi e la Rete, fino a scoprire che oltre ad essere spettatori passivi possono anche interagire, con questi strumenti, attraverso le app. Così dalla visione del video si passa al gioco, una passione che spesso cresce a dismisura con l’età fino, in certi casi, a diventare dipendenza.

Come capire dunque se un gioco va bene oppure no?

Per prima cosa quando diamo in mano un dispositivo ad un bambino, ma anche ad un adolescente, è fondamentale fare attenzione a due fattori: la quantità e la qualità del tempo passato online, dove per quest’ultimo s’intende cosa fanno o guardano i ragazzi in Rete.

Nel web è importante, inoltre, distinguere i giochi:

  • d’abilità, che si dividono in abilità fisica, ad esempio di velocità o destrezza, e mentale, cioè di logica e/o strategia;
  • d’azione, ad esempio combattimenti e sfide;
  • di sport, gare ginniche, calcio e altri;
  • di simulazione, dove bisogna imitare pratiche che rispecchiano la realtà, ad esempio cucinare.

Cos’altro guardare quando dobbiamo scaricare un gioco online?

Tutti i giochi riportano dei numeri e dei simboli; si tratta dell’indicazione Pegi, la classificazione utilizzata in tutta Europa, dall’acronimo di Pan European Game Information, che prende in esame l'idoneità di un gioco sulla base dell'età e non del livello di difficoltà. Le icone Pegi specificano dunque le categorie di età che variano da 3, 7, 12, 16 e 18 anni e indicano se un prodotto software interattivo è adatto per i bambini di una certa età. Inoltre sotto l’icona dell’età sono stati disegnati dei piccoli quadrati con delle immagini. Questi sono i descrittori che indicano il tipi di contenuto che è possibile trovare all’interno del gioco.

Gli indicatori sono:

  • violenza;
  • linguaggio scurrile;
  • paura;
  • contenuto sessuale;
  • droghe;
  • discriminazione;
  • gioco d’azzardo;
  • online (si gioca in Rete ed è possibile interagire con altri giocatori);
  • acquisti nel videogioco (contiene offerte che consentono al giocatore di effettuare acquisti con la valuta reale)

Consigli

Non bisogna mai negare i videogiochi ma piuttosto bisogna trovare quello adatto al proprio bambino! I giochi, anche quelli online, infatti se adeguati all’età possono avere molti vantaggi, ad esempio sviluppare le capacità cognitive. E’ fondamentale dunque imparare a leggere le etichette prima di acquistare o scaricare qualsiasi gioco.

Per esempio su Google Play quando cerchiamo un’app, utile ad intrattenere il proprio figlio, compare subito:

  • Se è un gioco di abilità, educativo o altro,
  • l’icona Pegi,
  • se contiene annunci pubblicitari e/o offre acquisti in-app
  • in alcuni casi anche altre indicazioni.

E’ bene in ogni caso testare il gioco in prima persona prima di far giocare il bambino. Oltre all’aspetto tecnico bisogna infine osservare il giocatore e fare attenzione al tipo di utilizzo che il bambino fa del gioco. Potrebbe infatti trattarsi di un uso:

  • fisiologico, un modo salutare di passare il tempo;
  • eccessivo, dove il ragazzo fa fatica a staccarsi dal gioco;
  • patologico, con una vera e propria dipendenza. Ad ogni modo, se in medio virtus stat allora è bene non negare mai questi strumenti ma allo stesso tempo non affidare i bambini a dei baby sitter virtuali.

gpt inread-altre-0

articoli correlati