Nostrofiglio.it
1 5

Cosa fare se i bambini si annoiano troppo in estate

/pictures/2019/07/09/cosa-fare-se-i-bambini-si-annoiano-troppo-in-estate-3967514912[966]x[403]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-bambino
Le vacanze estive sono davvero lunghe: cosa fare se i bambini si annoiano? Ecco un elenco di attività da proporre

Cosa fare se i bambini si annoiano

Ciao ciao scuola, benvenute vacanze! In questi giorni i bambini sono alle prese con i vari centri estivi sparsi qua e là in città, superorganizzati, pieni di attività con poco spazio per godersi quei cinque minuti a pensare ai fatti propri. Cose da fare ce ne sono tante e una volta arrivati a casa ci sono numerose novità da raccontare, aneddoti divertenti, laboratori strepitosi che non lasciano certo il tempo per distendersi sul divano e guardare il soffitto.

Ok, tutto bello verrebbe da dire, ma quando il centro estivo finisce?

Qualcuno parte per le vacanze con i genitori, altri rimangono a casa e a parte qualche partita ai videogiochi, un ripasso ai compiti e la visita di un amico le giornate iniziano a diventare lunghe e pesanti.

I vari esperti dell’educazione ultimamente lo ripetono spesso: è giusto che i bambini si possano annoiare dopo un anno super impegnato tra studio e attività varie, ma se la noia inizia a diventare eccessiva allora è bene che un aiutino bisogna pur darlo.

D’inverno difficilmente si stancano proprio perché hanno tanto da fare e il cervello riceve così tanti stimoli che fa fatica a riposare, d’estate invece il tempo si prolunga notevolmente e quelle poche attività che si riescono a fare non sono sufficienti per tirare su il morale ai figli. Alcuni infatti esprimono apertamente questo stato di spossatezza, altri invece si trascinano in casa passando da una camera all’altra in cerca di qualcosa da fare.

Come aiutarli?

Sicuramente non sottovalutare la questione, molti preadolescenti e adolescenti per vincere la noia cercano intrattenimenti a volte pericolosi per loro stessi e gli altri e passare da un semplice divertimento ad una tragedia il passo è breve.

Se è possibile e gli amici sono in città si potrebbero organizzare dei pomeriggi di giochi all’aria aperta. Facendosi poi aiutare dai nonni o dai vicini di casa più anziani, propensi a questo genere di cose, si potrebbe preparare una sorta di Triathlon con i giochi di una volta;

Restando sempre nell’ottica “nonni-nipoti” un’altra attività da fare potrebbe essere il classico “C’era una volta…”, ovvero raccogliere quante più storie possibili dei nonni e creare una sorta di libro da regalare alla biblioteca di quartiere, dando poi sfoggio alla creatività ogni bambino potrà realizzare la sua copertina personalizzata utilizzando il materiale trovato in giro per casa (nastrini colorati, bottoni, glitter, pezzetti di stoffa, ecc) e regalarlo ai propri nonni o ad una persona anziana molto cara.

Bambini che si annoiano

Via con la creatività! Proponete qualcosa di davvero alternativo ai vostri figli come:

  • Comprate una tela, delle tempere e realizzate il vostro quadro da sfoggiare in salotto e in camera da letto, se poi si fa in compagnia ancora più bello.
  • Invitate amici e parenti per creare dei capolavori da regalare ad un centro per persone disabili o anziani che abbiano un tema in particolare o libero.
  • Sfruttare l’estate per trovare un lavoretto. I ragazzi sono sempre alla richiesta di soldi, perché non guadagnarseli facendo fare loro dei piccoli lavoretti per il vicinato come delle semplici commissioni, la spesa, la pulizia del giardino? Pochi spiccioli, ma grandi soddisfazioni insomma.

E ancora:

  • Il volontariato è una delle attività che più di tutte viene messa in atto dai giovani e giovanissimi, che si tratti del canile o di qualche residenza di anziani o disabili, il buon cuore non manca, coinvolgere chi non è molto propenso a questo genere di iniziative farebbe sicuramente una doppia opera di aiuto.
  • Leggere un libro. Chiusi quelli scolastici i libri di narrativa spaziano per vari argomenti. Non tutti i bambini e i ragazzi sono amanti però della lettura, per avvicinarli a questo fantastico mondo il suggerimento ideale sarebbe quello di partire dai loro interessi regalandogli un libro del loro sportivo  o del cantante preferito, da lì poi potreste raccontargli i vostri idoli di quando avevate la loro età, ricercare varie notizie e trovare similitudini e differenze, un’attività che unisce due passioni e nel frattempo state dedicando del tempo a vostro figlio.
  • Via lo sporco! Quante volte vi sarà capitato di notare quelle scritte sui muri e le panchine del parco, perché invece di lamentarsi non occupiamo il tempo per ripulire quelle zone vicino casa dall’aspetto ormai consumato e danneggiato? In piccoli gruppi, chiedendo il permesso al comune o presentando un progetto, grandi e piccoli potreste organizzare un pomeriggio all’insegna della pulizia del quartiere. Successivamente si potrebbero coinvolgere più persone per dare una bella tinteggiata a muri scrostati, panchine sbiadite dal tempo, insomma perché invece di lamentarci con l’amministrazione comunale non dimostriamo che possiamo farcela anche da soli e rendere il quartiere lindo e brillante?
  • Appuntamento sotto le stelle. La bella stagione, il caldo, il fresco della sera sono connubi perfetti per una bella osservazione stellare! Non aspettate quindi la notte di San Lorenzo per ammirare e cercare le stelle cadenti. Il cielo estivo con le poche nuvole presenti, permette ogni sera di godere appieno delle bellezze del cosmo. Che sia in collina, in spiaggia o in campagna poco importa purché attorno a voi ci siano i vostri cari che in silenzio desiderano stare per un po' di tempo con il naso all’insù.

Ovvio, il consiglio che mi sento di dare è quello di non calendarizzare ogni giorno con un’attività, abbiamo detto che annoiarsi fa bene sia ai grandi che ai piccoli, ma offrire di tanto in tanto delle esperienze nuove e diverse fa sentire meno soli e annoiati i vostri figli. Ogni iniziativa dovrà essere proposta con il sorriso e l’entusiasmo e avere un obiettivo ben preciso.

Per ultimo potreste, come famiglia, avere un diario sul quale annotare le attività svolte, i componenti che hanno partecipato e perché no aggiungere qualche foto divertente.

A questo punto non mi resta che augurare ad ognuno di voi delle rilassanti vacanze!
 

gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0