Home Il bambino

Che fare se nel pannolino del neonato trovate feci dure

di Ines Delio - 12.01.2024 Scrivici

cacca-dura-nel-neonato
Fonte: shutterstock
La cacca dura nel neonato potrebbe indicare che il piccolo è stitico: cosa si può fare, quali sono i sintomi, quando preoccuparsi

In questo articolo

Cacca dura nel neonato

Le neo-mamme e i neo-papà hanno sempre molte cose di cui preoccuparsi quando imparano a prendersi cura dei propri bambini e non è raro che i movimenti intestinali siano in cima alla lista. Le feci del bambino sono, infatti, un importante indicatore del suo stato di salute. La cacca dura nel neonato, ad esempio, è sicuramente da tenere d'occhio. Ecco perché e cosa fare.

La cacca nel neonato

Durante i primi mesi di vita del neonato, il suo schema di movimento intestinale cambierà spesso a causa della maturazione del suo tratto digerente. All'inizio, possono avere il pannolino sporco dopo ogni poppata. A circa 2 mesi di età, possono passare a due volte al giorno e a 4 mesi la maggior parte dei bambini va di corpo ogni giorno o ogni due giorni.

"Inoltre, ogni volta che la dieta di un neonato viene modificata, è possibile che si verifichi un cambiamento temporaneo nel suo modo di fare la cacca", afferma la dottoressa Emma Raizman, pediatra presso l'Akron Children's Hospital Pediatrics di Medina. "L'introduzione di cibi solidi o il passaggio al latte artificiale può modificare la frequenza dei movimenti intestinali del bambino".

Cacca dura nel neonato: cosa significa e cosa fare

Se il bambino inizia ad avere feci dure, piccole, a forma di pallina o di sassolino, potrebbe essere stitico. Per i bambini di età inferiore ai 2 mesi, è consigliabile rivolgersi al pediatra per sapere come trattare la stitichezza. Tenete presente che la frequenza dei movimenti intestinali varia a seconda dell'età del bambino e della sua alimentazione. Non è insolito che un neonato allattato esclusivamente al seno non abbia movimenti intestinali per diversi giorni.

Se il neonato ha più di 2 mesi, Joseph Gwiszcz, MD, FAAP, pediatra presso il CHOP Primary Care di Haverford, suggerisce di mescolare giornalmente circa 14 grammi di succo di prugna con 14 grammi di acqua in un biberon separato dalla pappa, per aiutare ad ammorbidire le feci.

I bambini di età superiore ai 6 mesi possono passare a circa 28 grammi di succo di prugna mescolato con 28 grammi d'acqua al giorno se la quantità minore non funziona. Ricordate che generalmente i pediatri non raccomandano di bere altro che latte materno o latte artificiale se il bambino ha un'età inferiore ai 6 mesi.

Sintomi della stitichezza nel neonato

I segnali che indicano che un bambino potrebbe soffrire di stitichezza sono i seguenti:

  • feci dure o simili a palline
  • movimenti intestinali che appaiono dolorosi o difficili da passare, causando l'inarcamento della schiena o il pianto del bambino, accompagnati da feci dure e secche
  • movimenti intestinali poco frequenti o meno frequenti del solito

Cacca dura nel neonato: quando contattare il pediatra

È raccomandato contattare subito il pediatra se:

  • un neonato (ad eccezione di quelli allattati al seno) non fa la cacca per 3 giorni, vomita o è irritabile
  • un neonato di età inferiore ai 2 mesi è stitico
  • i neonati che non allattano al seno passano 3 giorni senza avere un movimento intestinale (in caso di vomito o irritabilità, contattate subito il medico)
  • c'è sangue nelle feci

Posizioni per stimolare la cacca nei neonati

Uno dei consigli degli esperti è di mettere il bambino in posizione supina, tenergli le gambe e ruotatele delicatamente con un movimento stile bicicletta. In questo modo i muscoli dello stomaco si muovono e, a loro volta, esercitano una leggera pressione sull'intestino per farlo muovere.

Provate anche a flettere le gambe del neonato verso la pancia. Andrete così ad aumentare leggermente la pressione addominale, favorendo l'espulsione delle feci. Può essere utile provare a massaggiare delicatamente il pancino qualche volta al giorno per stimolare il suo sistema digestivo.

gpt inread-altre-0

Articoli correlati

Ultimi articoli