Home Il bambino Allattamento

Riduzione orario per allattamento: come funziona

di Francesca Capriati - 30.09.2022 Scrivici

riduzione-orario-per-allattamento
Fonte: shutterstock
Riduzione orario per allattamento: come si fa la richiesta riduzione orario per allattamento. Chi lo decide e fino a quando si può chiedere il permesso

Riduzione orario per allattamento

I permessi per allattamento sono uno dei diritti garantiti alla neomamma, ma anche al neopapà, che vengono sanciti e dalle leggi che tutelano la maternità. Vediamo quando si può chiedere una riduzione dell'orario per allattamento e come procedere.

In questo articolo

Come funziona il periodo di allattamento

La legge garantisce che la madre, e in alcuni casi anche al padre, possa prendersi cura del neonato nel primo anno di vita e per questo ha diritto ad alcune ore di permesso giornaliere.

Quanto dura l'orario ridotto per l'allattamento?

I permessi sono due, di un'ora ciascuno, che possono anche essere cumulabili tra loro. Se il contratto di lavoro prevede un orario inferiore alle sei ore, allora il permesso di allattamento sarà di un'ora. In caso di parto gemellare i permessi sono raddoppiati. 

Fino a quando si ha diritto alla riduzione orario per allattamento? I riposi per allattamento possono essere fruiti nel primo anno di vita del bambino.

E' bene ricordare che i permessi sono fruibili anche dai genitori adottivi: possono essere goduti entro un anno dall'ingresso in famiglia del minore adottato o in affidamento.

Permessi allattamento e nido aziendale

Molte aziende si sono organizzate per mettere a disposizioen dei propri dipendenti il nido aziendale, ma in questo caso come funzionano i riposi per allattamento?

Come precisa l'INPS, nel caso di fruizione di asilo nido o di altra struttura idonea, istituiti dal datore di lavoro nell'unità produttiva o nelle immediate vicinanze di essa, i riposi si riducono della metà: quindi un'ora, in caso di orario giornaliero di lavoro pari o superiore a sei ore; mezz'ora, in caso di orario giornaliero di lavoro inferiore a sei ore.

Permessi allattamento e congedo di maternità

La riduzione di orario per allattamento non può essere richiesta dalla lavoratrice che sta già godendo del congedo di maternità obbligatoria o facoltativa.

Riduzione orario per allattamento, padre

In quali casi a richiedere una riduzione di orario nel primo anno di vita del bambino può essere il padre?

Il lavoratore padre può chiedere il riposo giornaliero in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga per espressa rinuncia o perché appartenente a una delle categorie che non ne ha diritto.

Quando non può richiederlo?

  • Se la madre lavoratrice dipendente si trova in astensione obbligatoria o facoltativa;
  • se è assente dal lavoro per sospensione da aspettativa, permessi non retribuiti o pause lavorative per part-time verticale.

Modulo richiesta allattamento 2022

La domanda va fatta direttamente al datore di lavoro con il quale ci si organizzerà per fruizone delle ore di permesso (cumulabili oppure no).

Basta scrivere una domanda su carta semplice. Ecco un fac simile utile.

Oggetto : richiesta di fruizione dei permessi giorn alieri per allattamento

La sottoscritta  _____________ , matr. n. __________ , alle dipendenze della Vs. Azienda con rapporto di lavoro a "tempo pieno"

CHIEDE

di poter fruire dei permessi in oggetto per __l__ figli_______________ nat__ il _______ , a partire dal _____________ e al massimo fino al compimento del suo primo anno di vita.

In fede (Città, data e firma leggibile)

Orario allattamento: chi lo decide

I riposi per allattamento giornalieri sono cumulabili, quindi - in accordo con il datore di lavoro - la mamma che lavora 6 ore può uscire due ore prima cumulando le due pause.

In ogni caso la legge prevede che i permessi per allattamento vadano fissati sulla base di un accordo tra la lavoratrice e il datore di lavoro o attraverso l'intervento della Direzione provinciale del lavoro (DPL).

Domande e risposte

I permessi per allattamento sono obbligatori?

I permessi per allattamento sono facoltativi e quindi la mamma non è obbligata a richiederli. In ogni caso non è possibile rinunciare alla riduzione di orario per allattamento in cambio di una retribuzione economica.

Quanto spetta con i permessi di allattamento?

L'indennità è pari alla retribuzione. Quindi i permessi per allattamento vengono considerati come ore lavorative e vengono retribuite direttamente dall'INPS.

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

articoli correlati