Home Il bambino Allattamento

Pigiama allattamento: come e quale scegliere

di Elena Berti - 14.10.2021 Scrivici

pigiama-allattamento
Fonte: shutterstock
Il pigiama allattamento serve? Ecco perché è utile, quale scegliere, in che tessuto e come usarlo per allattare anche di notte

Pigiama allattamento: come e quale scegliere

Quando si prepara la valigia per il parto si ha una lista lunghissima di prodotti per il bambino, ma la mamma pensa sempre poco a se stessa. Eppure ci sono degli articoli imprescindibili che dovrebbero accompagnare le neo-mamme dalla nascita in poi, come il pigiama allattamento. Vediamo a cosa serve e quale scegliere.

In questo articolo

Cosa serve alla neo-mamma

Quando si partorisce, e soprattutto per i primi mesi dopo la nascita, sono molti gli articoli che possono essere utili alla neo-mamma. Tra questi le coppette assorbillatte, i reggiseni da allattamento, i paracapezzoli di silicone o in argento, ovviamente gli assorbenti post parto e gli slip coordinati e molto altro ancora. Tutte cose che vengono in mente facilmente, più del pigiama allattamento, a cui spesso non si pensa, per poi ritrovarsi a doversi spogliare già in ospedale e a tirare su la camicia da notte o la maglia per poter allattare. 

Come scegliere il migliore pigiama per allattare

Se avete deciso di allattare, o lo state già facendo, il pigiama è un capo da scegliere bene proprio perché può facilitare di molto la poppata. Se siete abituate alla camicia da notte, infatti, potrebbe essere difficoltoso alzarla in piena notte per dare il seno, e se invece indossate completini carini, canotta e short, sarebbe un peccato rovinarli. Bisogna quindi scegliere capi adeguati e in linea con le vostre abitudini. 

Camicie da notte da allattamento

Se siete abituate a dormire in camicia da notte, non dovete perdere l'abitudine. L'importante è scegliere modelli che abbiano una generosa apertura sul davanti, in modo da poter aprire i bottoni all'evenienza. Un consiglio però: se vi svegliate in piena notte perché vostro figlio neonato piange disperato, meglio non avere da sganciare troppi bottoni, preferiteli quindi a clip, oppure lasciateli aperti.

Pigiama coordinato per allattare

Se invece non potete fare a meno di dormire in due pezzi, a maniche lunghe o corte, con short o pantaloni, anche in questo caso preferite modelli che abbiano un'ampia scollatura o almeno il modo per essere aperti facilmente per proporre il seno al bambino. Ne esistono di ogni tipo, anche con bottoni che arrivano fino in fondo. 

Consigli sul materiale del pigiama

La pelle di un neonato è particolarmente sensibile, quindi scegliete modelli in cotone o altre fibre naturali, possibilmente certificati e da agricoltura biologica. Evitate in ogni caso le fibre sintetiche, non soltanto per la pelle del bambino, ma anche per una questione di temperatura: una puerpera potrebbe soffrire più il caldo durante l'allattamento, in più se dovete tenere a lungo il bambino al seno potreste avere caldo entrambi. Meglio quindi preferire tessuti traspiranti che non facciano sudare né mamma né bambino.

Il pigiama per allattare è un capo imprescindibile per la neo-mamma, al pari dei paracapezzoli, del reggiseno da allattamento e degli assorbenti post parto. Se ancora non l'avete messo in lista, provvedete subito: sarà utilissimo già in ospedale, dove il neonato viene messo al seno subito dopo la nascita!

***Contenuto sponsorizzato: PianetaMamma.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, PianetaMamma.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati***

gpt inread-altre-0

articoli correlati