Home Il bambino Allattamento

La guida ai farmaci in allattamento

di Redazione PianetaMamma - 15.02.2018 Scrivici

la-guida-ai-farmaci-in-allattamento
Fonte: Shutterstock
Si possono prendere i farmaci in allattamento? Ecco le nuove indicazioni del Ministero della Salute sulle medicine compatibili e incompatibili

In questo articolo

Farmaci in allattamento

Il Ministero della Salute ha appena diffuso un documento che intende fare chiarezza sull'uso dei farmaci in allattamento. Quali medicine si possono prendere, quali sono sicure e come capire se il medicinale passa al bambino attraverso il latte e provoca effetti collaterali nel neonato? Partiamo dalla premessa che durante l'allattamento si deve prestare attenzione a ciò che si mangia, così come a tutto ciò che introduciamo nel nostro corpo e che, per quanto riguarda i farmaci:

  • bisogna sempre interpellare il proprio medico prima di prendere qualsiasi farmaco;
  • è importante leggere con attenzione il foglietto illustrativo dove c'è scritto chiaramente se un  farmaco può essere assunto o meno sia in gravidanza che in allattamento;
  • nessun farmaco può essere considerato assolutamente sicuro, quindi è comunque importante monitorare il bambino per controllare eventuali reazioni avverse (circa l’80% delle sospette reazioni avverse di questo tipo nei lattanti sono registrate nei primi 2 mesi di vita e spesso riguardano il sistema nervoso centrale o l’apparato gastroenterico).

Farmaci in allattamento, linee guida

Il Ministero della Salute ha recentemente reso noto che tra il 65% e il 95% delle donne in allattamento assume farmaci e nel 2016 il Servizio di Informazione sui Farmaci in Gravidanza e Allattamento del Centro Antiveleni di Bergamo ha ricevuto 28.922 richieste di consulenza sull'uso dei farmaci in allattamento, per un totale di 41.903 farmaci.

Tra i farmaci per cui è stata richiesta una consulenza, al primo posto ci sono gli antinfiammatori non steroidei (22%), seguiti da

  • antibiotici (14%),
  • gastrointestinali (14%),
  • ormonali (5%),
  • genitourinari (4%),
  • cardiovascolari (3%)

I farmaci attivi sul sistema nervoso centrale (SNC), come ansiolitici, antiepilettici o antidepressivi, costituivano l'8% del totale delle richieste.

Sulla base dei dati di letteratura disponibili nel 91% dei casi i farmaci sono risultati compatibili con l'allattamento.

Ma quali sono le nuove indicazioni fornite dal Ministero della Salute?

Innanzitutto gli esperti precisano tre cose importanti:

  1. anche una breve sospensione dell'allattamento al seno può causare disagio al bambino che, abituato all'allattamento, deve improvvisamente adattarsi ad assumere latte in formula e poi nuovamente tornare al seno;
  2. estrarre il latte dal seno potrebbe rappresentare per la madre un impegno aggiuntivo e inoltre anche una sospensione temporanea dell'allattamento al seno aumenta il rischio di ingorghi mammari e di interruzione definitiva;
  3. il mantenimento della produzione di latte tramite la spremitura non è altrettanto efficace come la suzione diretta al seno materno e può provocare un calo di produzione di latte materno.

Il documento istituzionale elenca poi una serie di informazioni e consigli utili per le mamme che allattano e i medici che le seguono:

  • non bisogna partire dal presupposto che l'assunzione di farmaci in allattamento sia incompatibile con la tutela della salute del lattante
  • il medico dovrebbe fare una valutazione metodologicamente corretta sull'eventuale rischio del singolo farmaco assunto in allattamento
  • particolare attenzione va posta quando il bambino è allattato in maniera esclusiva al seno e in particolare nei primi due mesi di vita oppure nei neonati pretermine, quando il metabolismo del bambino risulta ancora immaturo
  • la scelta della terapia dovrebbe preferire principi attivi per i quali vi è una comprovata esperienza clinica in allattamento, evitando i farmaci con lunga emivita o con lunga durata d'azione
  • laddove possibile sarebbe preferibile scegliere la via di somministrazione che riduca al minimo il passaggio nel latte (ad esempio corticosteroidi per via inalatoria anziché orale);
  • dovrebbero essere scelti i farmaci non assorbiti o poco assorbiti per via gastrointestinale, con il minimo dosaggio terapeutico efficace

Come prendere i farmaci in allattamento

E' consigliabile assumere i farmaci subito dopo la fine di una poppata al seno e se lo si assume una volta al giorno è bene farlo dopo il pasto che precede l’intervallo più lungo tra le poppate, o anche prima del riposo più lungo del neonato.

Farmaci incompatibili con l'allattamento

Come spiegano gli esperti dell'Ospedale Bambin Gesù sono pochi i farmaci che necessitano sempre della sospensione dell'allattamento al seno e sono:

  • i farmaci anti-tumorali (ciclofosfamide, ciclosporina, doxorubicina, metotrexate);
  • le sostanze radioattive utilizzate in radiodiagnostica (limitatamente alla loro durata di azione);
  •  i farmaci antitiroidei (diversi dal tiouracile);
  • il cloramfenicolo.

Resta, però, il fatto che molti farmaci, pur considerati compatibili con l'allattamento, possono causare un calo della produzione di latte o effetti collaterali nel neonato, dalla letargia al rash cutaneo, fino a problematiche anche più serie, come quelle provocate da principi attivi come ergotamina, litio, metimazolo, amodiarone, tetracicline, sulfamidici. Per questo spetta soprattutto al medico curante fare una valutazione dei rischi e benefici e decidere il da farsi.

Farmaci sicuri in allattamento

Sono da considerare sicuri, se assunti al dosaggio appropriato, farmaci come la Tachipirina che infatti si può prendere anche in gravidanza, e l'ibuprofene. Vediamo i principi attivi sicuri:

  • tra gli analgesici e gli antipiretici: il paracetamolo, l'ac. acetilsalicilico, l'ibuprofene;
  • la maggior parte dei rimedi per tosse e raffreddore;
  • tra gli antibiotici: la penicillina (e derivati), l'eritromicina, le cefalosporine;
  • la digossina, l'insulina, i broncodilatatori (es. il salbutamolo), la maggior parte degli antiipertensivi;
  • gli integratori alimentari contenenti ferro e vitamine;
  • tutti i farmaci autorizzati per la somministrazione ai bambini nei primi mesi di vita.

Farmaci in allattamento, numero verde

Presso l'Unità Operativa di Tossicologia Clinica-Centro Anti Veleni Ospedali Riuniti di Bergamo è attivo il numero verde 800 883300 che offre consulenza telefonica sull'esposizione a farmaci e sostanze chimiche in gravidanza e in allattamento. Il servizio è attivo 24 ore su 24: gli esperti chiedono il nome del principio attivo e non quello commercaile, quindi prima di chiamare è bene leggere sul foglietto illustrativo quale sia il principio attivo.

gpt inread-altre-0

Articoli correlati

Ultimi articoli