Home Gravidanza

È normale avere il prurito al seno in gravidanza?

di Ines Delio - 04.07.2024 Scrivici

prurito-al-seno
Diverse sono le ragioni che possono nascondersi dietro il prurito al seno in gravidanza: ecco quali sono le più comuni e come alleviare il fastidio

In questo articolo

Il prurito al seno è normale in gravidanza?

Il prurito al seno durante la gravidanza è considerato una condizione abbastanza comune che le madri incinte possono incontrare. Ci sono molte ragioni per cui il seno e i capezzoli possono prudere quando siete incinte. Ecco una guida per capire quali possono essere le cause e cosa fare.

Quali sono le cause del prurito al seno in gravidanza?

Ecco quali sono le cause più comuni del prurito al seno in gravidanza.

  • Cambiamenti ormonali. Durante la gravidanza, gli ormoni sono in sovraccarico e, con l'avvicinarsi della data del parto, aumentano notevolmente. Tutti questi cambiamenti comportano una serie di sintomi e il prurito al seno è piuttosto comune in assenza di una condizione medica specifica.
  • Espansione della pelle. In gravidanza, la pelle si espande per adattarsi alle forme che cambiano e il peso aumenta man mano che voi e il vostro bambino crescete. Sulla pancia, sul seno, sui fianchi e sui glutei possono comparire piccole striature note come strie gravidiche (le temute smagliature). La loro formazione può provocare bruciore o prurito.
  • Eczema. L'eczema indotto dalla gravidanza è il problema cutaneo più tipico che si può avere quando si porta in grembo il proprio bambino per nove mesi. Possono formarsi chiazze sul seno e su altre zone del corpo. Potreste anche avere pelle secca, aree arrossate, pelle screpolata o squamosa, piccoli noduli in rilievo e prurito.
  • Papule e placche pruriginose orticarioidi della gravidanza (PUPPP). L'eruzione polimorfa della gravidanza è un'eruzione cutanea pruriginosa benigna di causa sconosciuta che si sviluppa durante la gestazione. È un'altra causa tipica di prurito in gravidanza. Insieme al prurito si possono notare anche piccoli noduli cutanei o orticaria. In genere si diffondono dalla pancia al seno, alle cosce e ai glutei e possono comparire singolarmente o a chiazze.
  • Intertrigine. L'intertrigine è una condizione caratterizzata dall'insorgenza di dermatite che si verifica a livello di due superfici cutanee contigue (pliche cutanee), ossia nelle aree cutanee maggiormente sottoposte a sfregamento e contatto con secrezioni come sudore, urine e feci. Non è un disturbo che colpisce solo le donne in gravidanza, ma potrebbe verificarsi soprattutto se si è incinta in estate.
  • Colestasi gravidica. La colestasi gravidica è una malattia del fegato che può insorgere nelle fasi finali della gestazione. Il suo sintomo tipico è un prurito intenso e persistente. Nella maggior parte dei casi, questo fastidio insorge nel secondo o terzo trimestre, partendo dal palmo delle mani o dalla pianta dei piedi, per poi estendersi al resto del corpo, senza però associarsi a rash cutanei. Il prurito può accentuarsi durante la notte.

Quando si verifica il prurito al seno in gravidanza?

Già nel primo trimestre di gravidanza sono possibili cambiamenti del seno come gonfiore, indolenzimento e ingrossamento.

Il prurito può accompagnare questi sintomi anche nelle prime settimane. Sebbene le smagliature possano comparire in qualsiasi momento, anche prima o dopo la gravidanza, uno studio del 2017 ha rilevato che il 43% delle donne le ha già alla 24a settimana. In caso contrario, in genere compaiono tra il secondo e l'inizio del terzo trimestre. Dopo il parto, questi segni probabilmente rimarranno, anche se si ammorbidiscono e diminuiscono.

Mentre l'eczema inizia a manifestarsi tipicamente nei primi due trimestri di gravidanza, l'orticaria gravidica potrebbe manifestarsi solo dopo il terzo trimestre. Sarà il medico a determinare la causa del prurito al seno osservando la zona. L'importante è prestare particolare attenzione alla tempistica e ad eventuali sintomi aggiuntivi per facilitare l'identificazione della causa.

Il prurito al seno è un segnale di gravidanza?

In alcuni casi, il prurito al seno può essere un segnale di gravidanza. Anche in questo caso, i cambiamenti del seno iniziano presto. I cambiamenti ormonali possono inoltre scatenare alcune condizioni. Per esempio, circa il 50% delle donne che già soffrono di eczema vede peggiorare i sintomi durante la gravidanza.

Come ottenere sollievo per il prurito al seno in gravidanza?

Va detto che il prurito al seno non si può prevenire se deriva da alcune condizioni di salute, come quelle che abbiamo elencato. In tutti gli altri casi, ci sono alcune cose che potete fare per alleviare il fastidio:

  • rimanete idratate
  • indossate abiti comodi, prediligendo indumenti in cotone e altre fibre naturali
  • aumentate il reggiseno di una taglia, quando il seno aumenta
  • fate una doccia fresca o applicate un asciugamano fresco per lenire il prurito; i bagni tiepidi possono essere particolarmente benefici per malattie come l'eczema
  • provate a spalmare una crema idratante sui capezzoli e sul seno, se avete la pelle screpolata
  • usate detergenti delicati
  • seguite un'alimentazione sana

Fonti

I migliori articoli sul seno in gravidanza

gpt inread-gravidanza-0

Articoli correlati

Ultimi articoli