Home Gravidanza Prepararsi al parto

Movimenti fetali prima del parto: come sono e come riconoscerli

di Francesca Capriati - 30.09.2021 Scrivici

movimenti-fetali-prima-del-parto
Fonte: shutterstock
Movimenti fetali prima del parto: può capitare che il feto sia agitato prima del parto? Quando si incanala la testa del feto e come capire quanto manca al parto controllando i movimenti

Movimenti fetali prima del parto

Se per tutta la gravidanza il bambino ha avuto molto spazio per muoversi, cambiare posizione, dare calcetti e gomitate, arrivate al nono mese di gravidanza potremmo avvertire meno agitazione. La maggior parte dei feti si calma in vita del parto e in effetti non c'è più grande margine di movimento all'interno del pancione. Ma come monitorare i movimenti fetali prima del parto?

In questo articolo

Come sono i movimenti fetali nel nono mese

Se a partire dal quarto mese, più o meno, i movimenti del bambino sono stati percepiti frequentemente durante la giornata e in modo nitido, verso la fine della gravidanza lo spazio all'interno del pancione è davvero ridotto e il piccolo non riesce a fare le evoluzioni alle quali ci aveva abituate. Nonostante ciò proprio nel nono mese, in prossimità del parto, la mamma dovrà prestare attenzione e riuscire ad avvertire i movimenti del feto che non devono essere inferiori ai dieci al giorno.

Solo in questo modo saremo certe che al bambino arriva una corretta ossigenazione ed è in buona salute. Se non dovessimo avvertire movimenti per troppo tempo è bene chiamare il ginecologo o andare in ospedale.

Feto agitato prima del travaglio

Come abbiamo detto nella maggior parte dei casi il bambino si calma nell'ultimo trimestre: lo spazio è ridotto, lui è più grande, ma è comunque necessario assicurarsi che compia dei movimenti durante la giornata. Spesso se si osserva il pancione si può vedere nitidamente come si muove, inoltre dando dei colpetti o delle carezze sulla pancia risponderà agli stimoli con un calcetto o una gomitata!

Di notte, quando la mamma è in posizione distesa e lo spazio nell'utero diventa ancora più stretto, probabilmente il bambino si muove di più (rendendo le notti della futura mamma agitate e insonni). Al contrario, durante il giorno, i movimenti della mamma lo cullano facendolo riposare.

Quando il travaglio è imminente il bambino potrebbe sembrare più agitato, ma non è sempre così e in ogni caso non bisogna  preoccuparsi perché non ci sono prove che se il bambino si agita possa aumentare il rischio di complicazioni durante il parto.

Quando si incanala la testa del feto

In vista della nascita, la testa del bambino inizierà ad incanalarsi nel canale del parto. Questo movimento potrebbe accade, in genere, un paio di settimane prima del parto (ma è molto soggettivo e in alcune donne potrebbe incanalarsi poche ore prima dell'inizio del travaglio attivo).

Cosa cambia? La pancia "scende", la pressione sotto il diaframma e a livello addominale si allenta e ciò permette di respirare meglio.

Come capire quanto manca al parto

Come capire che il travaglio è imminente e quali sono i segnali cui prestare attenzione?

  • L'aumento di peso si ferma: alcune donne perdono addirittura peso prima del travaglio grazie alla rottura dell'acqua e all'aumento della minzione.
  • Stanchezza: alla fine del terzo trimestre ti sentirai esausta, prova a riposare perché il travaglio richiederà molta energia.
  • Perdite vaginali: uno dei segni che il travaglio è vicino è un aumento delle perdite vaginali. Aumenta, quindi la produzione di muco vaginale e di perdite che servono soprattutto a lubrificare il canale del parto.
  • Diarrea: è probabilmente uno dei segnali meno piacevoli. In media uno o due giorni prima del travaglio, le prostaglandine aumentano al fine di ammorbidire la cervice per aiutarla ad aprirsi. Questi stessi ormoni potrebbero anche essere responsabili della diarrea.
  • Mal di schiena: probabilmente ne avrai sofferto a fasi alterne per tutta la gravidanza, ma un mal di schiena insistente, soprattutto se localizzato nella zona lombare, è un classico segno di travaglio imminente.

Sintomi precoci del travaglio

I primi sintomi del travaglio sono:

  • Dilatazione della cervice: che comincia ad ammorbidirsi ed aprirsi fino ad arrivare ai 10 cm finali.
  • Perdita del tappo mucoso: che si manifesta con una scarica di colore giallastro tinto di rosso sangue. Attenzione, però, non deve essere rosso vivo né deve presentarsi come un'abbondante emorragia (in tal caso andare al Pronto Soccorso).
  • Rottura delle acque: solo in una piccola percentuale di donne la rottura dell'acqua dà inizio al travaglio, nella maggior parte dei casi la rottura del sacco amniotico avviene dopo l'inizio del travaglio. Si manifesta come una leggera perdita di colore trasparente e inodore oppure come un rivolo lungo le gambe.

Fonti

gpt inread-gravidanza-0

articoli correlati