Home Gravidanza Cosa mangiare in gravidanza

Prosciutto cotto in gravidanza: si può mangiare?

di Elena Berti - 08.11.2021 Scrivici

prosciutto-cotto-in-gravidanza
Fonte: shutterstock
Il prosciutto cotto in gravidanza è un alimento concesso? Ecco come evitare i rischi alimentari consumando salumi durante la gestazione.

Prosciutto cotto in gravidanza: si può mangiare?

La gravidanza è uno stato fisiologico in cui la donna, se tutto va per il verso giusto, può comportarsi naturalmente. Ci sono però alcune indicazioni che servono a preservare la salute di mamma e bambino, e tra queste sicuramente le linee guida sull'alimentazione sono tra le più importanti. Cosa si può mangiare oppure no durante i nove mesi di gestazione? Il prosciutto cotto in gravidanza è ammesso?

In questo articolo

Perché in gravidanza certi cibi sono vietati

Chi ha avuto almeno un'amica vicina incinta lo sa: certi cibi sono off-limits per le donne gravide. E non si parla di alimenti che fanno ingrassare - per quanto sia buona norma tenere a bada il peso per la propria salute e per quella del feto - ma di veri e propri rischi pre la gestazione. I motivi sono diversi e tutti pericolosi: Toxoplasmosi, Salmonellosi, Escherichia Coli, Listeriosi… 

Tra i cibi incriminati ci sono i salumi, che sono portatori, potenzialmente, di malattie pericolose per il feto. 

Salumi in gravidanza

I salumi, purtroppo, sono tra i cibi a cui bisogna prestare più attenzione durante la gestazione. Possono essere portatori di Toxoplasma, Listeria, Salmonella, Campylobacter ed E. Coli. 

In particolare, bisogna evitare la carne cruda o poco cotta e gli insaccati poco stagionati (meno di 30 giorni).

Prosciutto cotto e gravidanza

Lo dice il nome stesso: cotto. Come abbiamo detto, le carni che sono sottoposte a processo di cottura sono sicure per le donne incinte, e così il prosciutto cotto. Questo salume rappresenta anzi un'ottima alternativa all'interno di una dieta equilibrata, perché povero di calorie e ricco di proteine. 

Come scegliere il prosciutto quando si è incinta

Se volete andare sul sicuro e non correre rischi mangiando prosciutto cotto durante la gravidanza, potete affidarvi ad alcune buone regole di base che basteranno a proteggervi dai rischi di contaminazione. Se volete quindi comprare prosciutto cotto assicuratevi di:

  • comprare solo prodotti industriali, che hanno standard qualitativi e di igiene più elevati e rigidi
  • comprare solo prodotti in vaschetta per evitare la contaminazione nei banchi gastronomia
  • consumare prodotti non scaduti e conservati correttamente
  • preferire salumi prodotti in Italia da carni italiane

Perché mangiare prosciutto cotto in gravidanza

Il prosciutto cotto è alimento pratico da consumare con tranquillità in gravidanza: è un'ottima fonte di proteine altamente digeribile con soltanto 215 calorie per 100gr di prodotto. Contiene però alte quantità di sodio, perciò se soffrite di pressione alta limitatene il consumo a una volta a settimana, oppure sceglietene uno con un basso contenuto di sale

Le ricette col prosciutto cotto

Col prosciutto cotto si possono fare tantissimi piatti, ecco alcune idee: 

  • panino o piadina
  • involtini di prosciutto e formaggio in pentola o al forno
  • omelette al prosciutto 
  • tortellini panna e prosciutto
  • tagliatelle prosciutto e funghi
  • polpettone con prosciutto e mozzarella
  • soufflé con prosciutto e patate
  • torte salate ripiene di prosciutto cotto e altri ingredienti

Il prosciutto cotto è uno di quei salumi ammessi in gravidanza anche da chi risulta negativa alla Toxoplasmosi: si tratta infatti di un prodotto cotto che quindi non comporta rischi, soprattutto se comprato al supermercato all'interno delle vaschette chiuse. È un ottimo ingrediente per i pasti della donna incinta, a patto che venga limitato a una volta a settimana in caso di pressione alta. 

gpt inread-gravidanza-0

articoli correlati