strip1-gravidanza
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-gravidanza-0
1 5

Congedo maternità facoltativo: le proposte del Ministro Lorenzo Fontana per il 2019

/pictures/2018/11/21/congedo-maternita-facoltativo-le-proposte-del-ministro-lorenzo-fontana-per-il-2019-2758572916[5127]x[2141]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-gravidanza

Il Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana propone nuove misure per il congedo di maternità facoltativa

Congedo maternità facoltativo 2019

Il Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana ha annunciato alcuni emendamenti, nominati "pacchetto famiglia", che verranno presentati alla Legge di Bilancio 2019. Dopo le novità di cui si è discusso in questi giorni, riguardanti il congedo di paternità, il Ministro svela una nuova misura per il congedo facoltativo di maternità che potrebbe essere introdotta nel 2019 e che permetterà alle neomamme di scegliere quanti mesi astenersi dal lavoro anche dopo la scadenza del congedo obbligatorio. Quindi nuove formule di utilizzo per i congedi parentali.

Maternità anticipata

Come funziona oggi il congedo di maternità

Come è noto, oggi una donna che lavora può richiedere un congedo complessivo di 5 mesi che possono essere così ripartiti:

  • 2 mesi prima della data presunta del parto a cui si aggiungono i 3 mesi post parto.
  • In condizioni particolari è possibile chiedere un congedo nella formula 1+4: un mese prima del parto più 4 mesi dopo la nascita del neonato.

Durante i mesi del congedo obbligatorio di maternità la neomamma percepisce il 60% della retribuzione media. Una volta terminato questo periodo dovrà tornare a lavoro o richiedere il congedo parentale fino a un massimo di 6 mesi retribuiti al 30%.

La proposta del Ministro Fontana è quella di dare la possibilità alle neomamme di scegliere tra 3 mesi o 6 mesi di congedo parentale, con un importo dell'indennità differente.

Congedo maternità facoltativo: la proposta per il 2019

Qualora la proposta venisse approvata e inserita nella Legge di Bilancio 2019, ci sarebbe una diversa modalità per usufruire del congedo parentale facoltativo. Una volta terminati i mesi di congedo obbligatorio, la mamma potrà scegliere di restare a casa:

  • 3 mesi percependo uno stipendio pari al 60% della retribuzione
  • 6 mesi (come avviene oggi) godendo di un'indennità pari al 30% della retribuzione.

Altre novità per il congedo parentale

Ad oggi le mamme possono richiedere il congedo parentale fino al compimento del 12esimo anno di età del figlio. Questo è retribuito al 30% solo se:

  • viene fatta richiesta prima del compimento di 6 anni di età del bambino
  • viene fatta richiesta prima degli 8 anni del figlio, ma solo se il reddito del genitore richiedenti risulti inferiore a 2,5 volte l'importo annuo del trattamento minimo di pensione.
  • Per chi lo richiede tra l'ottavo e il dodicesimo anno, il congedo non prevede alcuna indennità.

La proposta annunciata dal Ministro Fontana non interviene sulla retribuzione del congedo parentale, salvo il caso della lavoratrice che ne usufruisce per soli 3 mesi, tuttavia estende a 16 anni l’età dei figli entro il quale se ne può godere, non percependo però nessuna retribuzione se si richiede dopo l'ottavo anno di età dei figli.

gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0