Home Gravidanza Guide per la gravidanza

Sauna e bagno turco in gravidanza, sono sicuri?

di Simona Bianchi - 04.11.2022 Scrivici

sauna-e-bagno-turco-in-gravidanza-sono-sicuri-
Fonte: shutterstock
Sauna e bagno turco in gravidanza sono poco indicati perché possono causare problematiche. Quali sono le conseguenze per la salute di futura mamma e feto

Sauna e bagno turco in gravidanza

Sauna e bagno turco sono dei trattamenti rilassanti e purificanti, ma non molto compatibili con la condizione di una donna in gravidanza. La sauna tradizionale raggiunge temperature molto alte, comprese tra 80 e 100 gradi e un'umidità pari al 10-20%. Il bagno turco, invece, raggiunge temperature attorno ai 50 gradi ma con un'umidità del 100%. Sebbene con entrambi si rafforza il sistema immunitario, si eliminano le tossine e si depura l'organismo, una futura mamma e il feto possono correre numerosi rischi per la salute. Come spiega il dottor Francesco Gambardella sul sito dell'Humanitas, la sauna "è certamente controindicata per la donna incinta proprio per le caratteristiche del suo microclima interno, troppo secco e troppo caldo". Allo stesso tempo anche il bagno turco non porta benefici a una donna incinta perché, come per la sauna, la "temperatura supera quella tollerabile per la donna gravida".

In questo articolo

Sauna e bagno turco in gravidanza: le conseguenze

In gravidanza, i rischi rappresentati dal bagno turco e soprattutto dalla sauna vanno dalla disidratazione con ipotensione allo svenimento. Anche il National Health Service, il servizio sanitario inglese, sconsiglia questi trattamenti "perché espongono al rischio di surriscaldamento, disidratazione e svenimento". Ecco quali sono le conseguenze per una donna incinta:

  • Abbassamento della pressione
  • Svenimento
  • Disidratazione
  • Disturbi circolatori
  • Infezioni alle vie urinarie
  • Perdita di latte in periodo di allattamento

Sauna e bagno turco: le indicazioni per farle

Precisando sempre che in gravidanza è meglio trovare alternative alla sauna e al bagno turco, ci sono delle indicazioni per evitare spiacevoli conseguenze nel caso in cui non si voglia proprio rinunciare a questi trattamenti. Contrariamente all'abitudine comune di alternare sauna e bagno turco fino al momento di uscire dalle terme, è invece consigliabile fare solo uno dei due, per circa 8-10 minuti, fare la doccia, asciugarsi con l'accappatoio e mettersi a riposo sdraiati per 15-20 minuti.

Sauna e bagno turco in gravidanza: i trattamenti termali alternativi

Se la sauna e il bagno turco sono da escludere per una donna incinta, ci sono invece percorsi termali indicati e consigliati in quanto l'acqua termale idrata il corpo, ha un'azione rilassante sulla muscolatura e può aiutare la gestante a prepararsi al parto.

Un elemento a cui fare particolarmente attenzione sono sempre le temperature che non devono mai essere troppo elevate, in particolare se si è nel primo trimestre di gravidanza. Ecco i trattamenti termali consigliati per una futura mamma:

  • Attività fisica in acqua, un po' di movimento dolce può avere numerosi benefici, ma è consigliabile non superare i 15/20 minuti
  • Percorsi Kneipp, sono sicuri ed efficaci per alleviare problemi di circolazione sanguigna e linfatica, come gambe gonfie
  • Trattamenti idropinici, ovvero bere l'acqua termale, purifica le vie urinarie e i reni
  • Camminata in una piscina termale, allevia il peso della pancia e i conseguenti eventuali dolori alla schiena

Terme in gravidanza: i benefici

Le acque termali possono avere un'azione benefica per le donne in gravidanza grazie alla loro ricchezza di sali minerali e proprietà terapeutiche. Il magnesio che è contenuti nell'acqua termale, per esempio, è efficace per stomaco e intestino e aiuta a contrastare la stipsi di cui spesso si soffre in gravidanza. Aiuta inoltre ad alleviare i disturbi della digestione e gastrici. Bere acqua termale, invece, è indicato in particolare in caso di disturbi gastrointestinali e di ritenzione idrica, quest'ultimo aspetto è tipico di molte donne incinte che potrebbero soffrire di gambe e piedi gonfi. La terapia idropinica contribuisce inoltre ad abbassare i livelli di glicemia nel sangue ed è utile per chi soffre di diabete gestazionale. Per trovare sollievi al gonfiore ed evitare la rottura dei capillari, il percorso Kneipp, con l'alternanza di temperatura dell'acqua calda e fredda, è un'ottimo trattamento benefico e rigenerante.

gpt inread-gravidanza-0
Continua a leggere

articoli correlati