Home Gravidanza Curiosità sulla gravidanza

I falsi miti sul sesso in gravidanza

di Redazione PianetaMamma - 08.06.2020 Scrivici

5-falsi-miti-sul-sesso-durante-la-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Avere rapporti sessuali quando si è in dolce attesa per qualcuno può non essere facile: ecco alcun miti da sfatare sul sesso in gravidanza

Sesso in gravidanza

Fare sesso durante la gravidanza è sicuro? Induce le contrazioni e fa partire il travaglio? Il bambino sente che i genitori stanno avendo un rapporto sessuale? Il sesso in gravidanza fa male al bambino? Tutte domande legittime e molto frequenti che i futuri genitori si pongono quando sono in attesa di un bambino.
Vediamo di sfatare miti e false credenze che riguardano i rapporti sessuali in gravidanza.

  • La penetrazione profonda danneggia il feto

E' uno dei falsi miti più duri a morire. La lunghezza del pene non può arrivare alla cervice, cioè all'apertura dell'utero. E questo anche se il partner è particolarmente dotato. Insomma la vagina è molto lunga e inoltre il collo dell'utero è chiuso e sigillato da un tappo di muco molto denso che protegge il bambino. Il bambino è ben chiuso nel suo sacco amniotico la cui funzione è proprio quella di tenere il feto al sicuro in ambiente accogliente ed ovattato.

  • Le contrazioni dell'orgasmo possono provocare un aborto spontaneo

I piccoli crampi che senti dopo il sesso sono del tutto normali: sono solo i muscoli della vagina che si stringono intorno all'utero e se non stai vivendo una gravidanza ad alto rischio non provocano alcun danno. Ci sono, poi, due tipi diversi di contrazioni: quelle che si sentono durante e dopo l'orgasmo non sono del tipo che causano l'aborto, sono leggere e vanno via dopo poco tempo; le contrazioni vere e proprie sono dolorose, e vengono ad intervalli regolari (ogni 3-5 minuti).

  • Il sesso provoca il travaglio

Questa idea nasce dal fatto che nel liquido seminale è presente un ormone che può potenzialmente causare le contrazioni, e che quindi se si è giunte al termine lo sperma può dare il via al travaglio. In realtà non è così. E' vero che questo stesso ormone, la prostaglandina, viene usata per indurre il travaglio in ospedale ma si tratta di una versione sintetica con una concentrazione molto superiore rispetto a quella del liquido seminale. Se lo sperma contenesse sufficiente ormone per innescare le contrazioni probabilmente i medici chiederebbero alle donne incinte di astenersi dai rapporti sessuali per l'intera gravidanza.

  • La perdita di sangue dopo i rapporti è sintomo di un danno al feto

Un po' di sangue può spaventare certamente ma durante e dopo il sesso è un evento piuttosto comune. Durante la gravidanza la cervice diventa molto flessibile, è molto morbida e sensibile e qualsiasi sollecitazione può provocare un po' di sanguinamento. Quindi a meno che non ci sia una perdita di sangue copiosa non bisogna preoccuparsi.

  • Il bambino sente

Niente affatto. Probabilmente i vostri genitori hanno fatto sesso mentre voi eravate nel pancione e di certo non avete sentito e non avete memoria. Insomma gli esperti concordano che il sesso non causi danno fisico o psicologico al bambino e anche se lui è in grado di sentire i rumori provenienti dall'esterno non possono interpretare ciò che accade.

Rapporti sessuali ultime settimane di gravidanza

Come abbiamo detto, diversi studi hanno dimostrato che avere rapporti sessuali nelle ultime settimane di gestazione non favorisce il parto e nemmeno serve a far partire le contrazioni. Se non si è in presenza di una gravidanza a rischio e se il medico non dà alcuna indicazione circa il divieto di avere rapporti non c'è motivo per astenersi. Il pancione, comunque, sarà particolarmente ingombrante e quindi potrebbe non essere molto comodo riuscire a trovare una posizione adatta.

Nel primo e secondo trimestre potrebbe essere facile continuare ad usare le posizioni solite, ma nelle ultime settimane il pancione diventa un vero ostacolo e allora ecco che la gravidanza impone di rivedere le tradizionali posizioni e quelle a cui eravamo abituati e ci spinge a sperimentare. Ad esempio può essere più comoda la posizione che vede la donna sopra l'uomo o quella laterale, soprattutto nelle ultime settimane di gravidanza, quando il pancione è ingombrante e pesante.

Frequenza rapporti sessuali in gravidanza

Come abbiamo visto se non avete voglia di fare sesso ci sono molte scuse per tirarvi indietro, ma essere incinte non è una scusa valida: il sesso è assolutamente sicuro in una gravidanza che si sta svolgendo senza complicazioni. Non esiste una regola sul numero di rapporti considerati “normali”: alcune donne vedono amplificare la loro libido e il desiderio sessuale proprio durante la gravidanza, altre invece si sentono impacciate e vivono un calo del desiderio. Ciò che più conta, ad ogni modo, è ascoltare il partner, comunicare ed esprimere i propri sentimenti, paure e sensazioni e ricordare che ci sono tanti modi per stare vicini, “sentirsi” e vivere l'intimità di coppia.

gpt inread-gravidanza-0

articoli correlati