Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Pesticidi e gravidanza, quali rischi per mamma e bambino?

/pictures/2018/04/06/pesticidi-e-gravidanza-quali-rischi-per-mamma-e-bambino-3721348365[1413]x[589]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-gravidanza

Molti studi hanno indagato sul binomio pesticidi e gravidanza e l'ultimo studio condotto in proposito punta il dito contro il glisofato

Pesticidi e gravidanza

Molti studi hanno indagato sui rischi connessi all'esposizione dei pesticidi in gravidanza. I principali pericoli riguardano soprattutto lo sviluppo del feto, l'andamento della gravidanza e la salute del nascituro: effetti negativi che si ripercuoterebbero non solo a livello fetale ma anche sullo sviluppo del bambino nei suoi primi anni di vita.

Pesticidi e autismo

Una ricerca condotta dal Mind Institute dell’Università della California e pubblicata su Environmental Health Perspectives ha scoperto che le donne che abitano nel raggio di un chilometro e mezzo da terreni agricoli e campi coltivati (interessati, quindi, da un un uso massiccio di pesticidi) avrebbero maggiori probabilità di avere figli con sindromi autistiche e ritardi nello sviluppo. La ricerca ha coinvolto 970 famiglie con bambini di età compresa tra i 2 e i 5 anni con autismo o forme di ritardo nello sviluppo e ha confrontato i dati relativi all'uso di pesticidi con quelli legati alle abitudini di vita delle mamme durante la gravidanza. I risultati convalidano quanto ipotizzato in studi precedenti e cioè che l'esposizione a particolari sostanze può aumentare il rischio di ritardo e autismo nei bambini.

I pesticidi più pericolosi, che avrebbero effetti neurotossici sul feto, sarebbero:

  • organofosfati,
  • piretroidi,
  • carbammati.

E soprattutto il clorpirifos sarebbe particolarmente pericoloso a partire dal quarto mese di gravidanza e sarebbe collegato con un quoziente intellettivo più basso e ridotte prestazioni cognitive.

Complicazioni a fine gravidanza

Pesticidi e rischio di deficit di attenzione e iperattività nei bambini

Uno studio della Rudgers University pubblicato sulla rivista FASEB avrebbe scoperto anche che l'esposizione ai pesticidi può alterare lo sviluppo del sistema della dopamina del cervello e aumentare il rischio di deficit di attenzione e iperattività nei bambini. Ad essere messo sotto accusa, in particolare è l'esposizione al piretroide deltametrina in utero e durante l'allattamento.

Glifosato in gravidanza

Il glifosato è l'ingrediente attivo dell'erbicida più utilizzato negli Stati Uniti e non solo (si trova nel Roundup, l’erbicida più usato in tutto il mondo), ma il suo utilizzo comporterebbe alcuni rischi per la donna in gravidanza, soprattutto legati alla possibilità di un parto precoce. Uno studio americano - pubblicato su Environmental Health e condotto nel 2015 e 2016 su 71 donne incinte dello stato dell'Indiana – ha rilevato la presenza di glifosato nel 93% dei campioni di urina analizzati. E secondo i ricercatori questa sostanza aumenterebbe il rischio di tempi di gestazione ridotti e parto prima delle 37 settimane. Secondo quanto emerso dallo studio, il glifosato non sarebbe presente nei campioni di acqua potabile ma probabilmente raggiungerebbe l'organismo della donna incinta attraverso il cibo o l'aria. E infatti le maggiori concentrazioni sarebbero state rilevate nelle donne che bevevano maggiori quantità di caffè, a dimostrazione che il pesticida può raggiungere l'organismo in  molti modi.

Un'ipotesi tutta da approfondire che comunque non suscita eccessive preoccupazioni nei responsabili della Monsanto, l'azienda che produce l'erbicida. Intervistato dall'agenzia Reuters, Scott Partridge, dirigente della Monsanto, ha dichiarato che in materia di valutazioni sulla sicurezza nessun pesticida è stato testato più del glifosato e la grande maggioranza degli esperti, compresi quelli dell'EPA, hanno confermato che il glifosato può essere usato in sicurezza secondo le istruzioni riportate in etichetta.

E a gettare acqua sul fuoco è anche un comunicato ufficiale della Monsanto nel quale si legge che

nonostante siano state rilevate elevate concentrazioni di glifosato nelle urine delle donne incinte, ciò non sembra comportare grandi rischi e la stessa durata delle gravidanza è in linea con la media d una normale gestazione

In realtà, a dispetto di quanto dichiarato dai produttori, il glisofato è stato spesso accusato di essere pericoloso per la salute e addirittura nel 2005 l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc)ha definito il glifosato «probabilmente cancerogeno».  Non sorprende, quindi, che il Parlamento Europeo abbia votato a larga maggioranza per il divieto di vendita del glisofato in Europa. Un divieto che partirà dal 2022.

Lavori domestici da evitare in gravidanza

E In Italia? Anche nel nostro Paese il glifosato viene utilizzato sia nella fase di semina che per nelle aiuole, giardini e bordi stradali, ma recenti decisioni prese dal Ministero della Salute ne hanno proibito l'uso in parchi giardini, campi sportivi, aree di gioco per bambini, cortili ed aree verdi interne, complessi scolastici e strutture sanitarie e, in agricoltura, durante il raccolto e la trebbiatura.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0