Home Gravidanza Gravidanza a rischio

Diabete gestazionale: aumentano i casi e i rischi a lungo termine

di Francesca Capriati - 20.04.2022 Scrivici

diabete-gestazionale-aumentano-i-casi-e-i-rischi
Fonte: shutterstock
Diabete gestazionale: aumentano i casi e i rischi. Uno studio collega il diabete in gravidanza con un aumento del rischio cardiovascolare

Diabete gestazionale: aumentano i casi e i rischi

Il diabete gestazionale è sempre più diffuso. Lo dimostrano i dati clinici raccolti dagli specialisti che si occupano regolarmente di gravidanza a rischio. Mark Landon, professore presso l'Ohio State University College of Medicine, spiega che negli ultimi quindici anni si è assistito ad un raddoppio dei casi di diabete gestazionale. E si tratta di un dato di salute pubblica da non sottovalutare: da uno studio recente, infatti, è emerso che il diabete in gravidanza comporta un aumento del rischio cardiovascolare a lungo termine.

Cos'è il diabete gestazionale

Si parla di diabete gestazionale quando la rilevazione della glicemia a digiuno supera i 92 mg/dl per più di una rilevazione.

Tra i principali fattori di rischio di insorgenza del diabete gestazionale troviamo:

  • precedenti in famiglia;
  • iabete in una gravidanza precedente
  • età della mamma superiore ai 35 anni
  • sovrappeso
  • sindrome dell'ovaio policistico.

Sul Washington Post Sadiya Khan, ricercatrice presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University, spiega che da un'analisi da lei coordinata è emerso che, negli Stati Uniti, il tasso di diabete gestazionale è aumentato da 47,6 a 63,6 per 1.000 nati vivi tra il 2011 e 2019. Non solo: si assiste ad un aumento dei casi di diabete gestazionale in un breve lasso di tempo. 

Nel 95% dei casi il diabete si risolve spontaneamente qualche tempo dopo il parto, tuttavia ci sono ancora molte incertezze circa gli effetti su lungo periodo che il diabete può avere sulla salute della donna.

I rischi per la salute della donna

Se nella maggior parte dei casi la glicemia torna nei range di normalità dopo il parto, resta il fatto che circa la metà di queste donne sviluppa il diabete di tipo 2 più in avanti nella vita e, secondo l'American Heart Association, il diabete gestazionale aumenta anche il rischio che una donna sviluppi malattie cardiovascolari. La conferma arriva anche dallo studio recente "Long-term cardiovascular outcomes of gestational diabetes mellitus: a prospective population-based UK Biobank study".

Lo studio ha esaminato i dati relativi alla salute di 219.330 donne che avevano avuto un figlio tra il 2006 e il 2010 raccolti in un ampio database della biobanca britannica.

I ricercatori hanno confrontato la nuova incidenza di diverse malattie cardiovascolari e hanno concluso che 13.094 donne hanno sviluppato malattie cardiovascolari, ma soprattutto per le donne che avevano avuto il diabete gestazionale si registrava un aumento del rischio di diverse patologie cardiovascolari, come infarto, ictus, insufficienza cardiaca, malattia coronarica e il rischio saliva con l'avanzare dell'età.

Come prevenire il diabete gestazionale

Se ci sono alcuni fattori di rischio che predispongono al diabete in gravidanza, possiamo comunque adottare alcuni accorgimenti per provare a prevenirlo.

Ad esempio:

  • Mantenere un peso nella norma;
  • seguire una dieta equilibrata a basso contenuto di zuccheri;
  • fare esercizio fisico regolare perché questo aiuta il corpo a tenere sotto controllo la glicemia e ad essere più sensibile all'insulina.
gpt inread-gravidanza-0

articoli correlati