Home Gravidanza Corpo che cambia

30 trentesima settimana di gravidanza

di Redazione PianetaMamma - 16.02.2022 Scrivici

30-trentesima-settimana-di-gravidanza
Fonte: shutterstock
30 Trentesima settimana di gravidanza:quanti mesi sono? I sintomi, il peso della mamma e del feto, le contrazioni. Foto e video dell'ecografia

30 trentesima settimana di gravidanza

In questa trentesima settimana di gravidanza il bambino potrebbe sistemarsi nella posizione a testa in giù, per prepararsi al parto. Vediamo cosa accade e come capire che tutto sta procedendo per il meglio.

In questo articolo

Come cresce il bambino?

Il cervello continua a svilupparsi intensamente; il bambino si muove tanto e questi movimenti si vedono chiaramente sulla pancia, se non gli piace la posizione nella quale ti trovi farà di tutto per fartelo capire. In questo periodo siamo nella fase di media prematurità e abbiamo superato l'estrema prematurità. Se dovesse nascere adesso le sue chance di sopravvivenza sono abbastanza alte.

Peso del feto alla 30 settimana 

Alla trentesima settimana di gestazione il bambino misura circa 38 centimetri e pesa 1150 grammi. La pelle diventa sempre più liscia, è in grado di inghiottire e fare movimenti tipici della suzione, gesti importanti che si riveleranno utili una volta venuto al mondo.

30 settimana di gravidanza sintomi

Cominci a sentirti meglio, forse hai meno bruciore di stomaco e respiri meglio. Continua a tenere sotto controllo il tuo peso e presta attenzione a ciò che mangi. Potresti sentirti subito sazia e molto gonfia: fai pasti leggeri, più piccoli e più frequenti, così sarà più facie digerire. Continua a prenderti cura della tua pelle con l'applicazione regolare di creme antismagliature e oli.

Ecografia 30 settimana di gravidanza (FOTO)

Come cambia il corpo della mamma

Potresti cominciare a sentire qualche contrazione chiamata di Braxton - Hicks.

Vediamo di cosa si tratta: è un fenomeno isolato ed è causato dal progesterone che controlla la contrazione uterina e ne impedisce la comparsa all'inizio della gravidanza. Non devono essere più di 5 nell'arco di un'ora. Possono anche essere provocate da spostamenti del bambino, che verso la fine della gravidanza si mette testa in giù, per prepararsi ad uscire nella giusta posizione.
Se non sono un fenomeno raro ma cominciano a presentarsi con regolarità è bene contattare il ginecologo che effettuerà un monitoraggio per assicurarsi che la cervice uterina sia ben chiusa.

E' importante seguire uno stile di vita sano e rilassato: lo stress e la stanchezza eccessiva possono favorire le contrazioni. Infine una particolare attenzione se la contrazione si accompagna a vampate di calore e tachicardia possono essere il segno di un rischio di aborto.

Insomma queste contrazioni preparatorie non sono contrazioni reali, di solito durano 30 secondi e non sono regolari. Sono transitorie e non preoccupanti, ma se diventano regolari non esitate a chiamare il medico.

Probabilmente il medico prescriverà l'ultima ecografia, quella del terzo trimestre: il bimbo è grande e non si riesce a vedere tutto intero nello schermo.

In questo periodo valuta insieme al tuo medico se non sia il caso di andare in congedo lavorativo, che può essere richiesto anche un mese prima del parto. Molto dipende da come ti senti, dal tuo grado di stanchezza e da come sta procedendo la gravidanza.

A partire dall'ottavo mese, hai diritto a 5 mesi di maternità (che raddoppiano in caso di parto gemellare). Nel caso in cui dovessi partorire prima della data prevista, i giorni di maternità non effettuati prima del parto vengono aggiunti ai 3 mesi concessi dopo la nascita del bambino.

Come capire che va tutto bene?

Ricorda di tenere conto dei movimenti del bambino, che dovrebbe dare colpetti e calcetti e rispondere agli stimoli, come una carezza sul pancione.

Gonfiore al viso, alle mani e ai piedi, aumento di peso eccessivo, edemi, possono essere segni della preeclampsia, una condizione che può presentarsi durante il terzo trimestre di gravidanza e può avere gravi conseguenze sulla salute del tuo bambino. In presenza di questi sintomi consulta il tuo medico.

Cosa fare alla trentesima settimana

Se sei favorevole all'anestesia epidurale, devi informarti per tempo nel punto nascita che hai scelto per partorire e, se disponibile, prendere accordi con il reparto di ostetricia, perché per ottenerla dovrai sottoporti a una visita anestesiologica.

Video trentesima settimana di gravidanza

30 settimane di gravidanza quanti mesi sono

Sei quasi alla fine del settimo mese di gravidanza e stai per entrare nell'ottavo mese. Il settimo mese, infatti, si conclude a 30 settimane + 4 giorni.

30 settimana di gravidanza peso mamma

Alla trentesima settimana il peso dovresti aver messo su dai 7 ai 10,5 chili, il range considerato nella norma.

30 settimane di gravidanza gemellare

I gemelli sono immersi ancora in una buona quantità di liquido amniotico, anche se ce ne sarà sempre meno man mano che crescono e cominciano a rivendicare più spazio all'interno dell'utero. Il pancione comincia ad essere pesante e diventa scomodo dormire e riposare correttamente. Impila dei cuscini per stare più comoda e digerire meglio, bevi la maggior parte dei liquidi durante la giornata ed evita di bere troppo la sera per non dover andare a fare pipì troppe volte durante la notte.

Sdraiati ogni volta che hai la possibilità in modo da alleviare la pressione sul bacino.

30 settimana di gravidanza gemellare peso

A partire dalla 30esima settimana la crescita di peso dei gemelli comincia a rallentare rispetto a ciò che accade ai feti singoli. In media un peso di circa 1,400 grammi è considerato al 50% percentile, quindi nella norma. Tuttavia è frequente che uno dei gemelli pesi più dell'altro.

Se vuoi saperne di più sulle altre 40 settimane di gravidanza,  Pianetamamma ha creato un calendario dei nove mesi con consigli sulla salute, l'alimentazione e gli esami da fare durante le 40 settimane. Inoltre potrai scoprire i cambiamenti del corpo della mamma, come cresce il pancione e come si sviluppa il feto.

FONTE VIDEO CREDITS| Youtube

gpt inread-gravidanza-0
Continua a leggere

articoli correlati