gpt
gpt strip1_gpt-ros-0-0
Nostrofiglio.it
gpt skin_web-ros-0-0
1 5

35 trentacinquesima settimana di gravidanza

/pictures/2016/06/16/35-trentacinquesima-settimana-di-gravidanza-4133372285[1649]x[688]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-ros-0

Sei alla fine dell'ottavo mese di gravidanza: ecco cosa accade in questa trentacinquesima settimana di gravidanza

Trentacinquesima Settimana di Gravidanza

Alla trentacinquesima settimana sei nell'ottavo mese di gravidanza. Se sei alla prima gravidanza, è probabile che il feto scenda nella cavità pelvica già a partire dalla 35esima settimana, capovolgendosi con la testa nella cavità.

Come cresce il bambino 

Il bebè inizia la discesa verso il bacino e si posiziona correttamente nel canale del parto. È lungo 46 centimetri e pesa circa 2,140 chili.

  • In queste ultime settimane di gravidanza il numero delle cellule cerebrali aumenta con uno sviluppo molto intenso; il peso della sua testolina cresce e a questo punto o molto presto dovrebbe trovarsi girata verso il basso.
  • Tutti i suoi organi sono ormai formati e può respirare e digerire da solo.

Trentacinquesima settimana di gravidanza, i movimenti fetali

Il feto prova a muoversi sempre tanto, ma lo spazio per lui è davvero poco e non è raro che tu senta i suoi calci in alto, anche fino al petto.

Comunica tanto con il tuo bambino, con le parole, le carezze, la musica. Scegli i cibi giusti perchè ciò che mangi caratterizza il sapore del liquido amniotico.
Il  liquido amniotico si rinnova ogni tre ore. Gli intestini del bambino sono pieni di meconio, un liquido verdastro prodotto dalla secrezione delle ghiandole alimentari unita a pigmenti biliari, lanugine e cellule provenienti dalla parete intestinale.

Cose da fare e non fare durante la gravidanza

35 Settimana di gravidanza, le contrazioni

Potresti iniziare a sentire delle piccole contrazioni, lo stomaco si stringe e le contrazioni durano circa 30 secondi. Se sono regolari potrebbero essere il sintomo che il travaglio è iniziato. In questa settimana c'è un aumento delle contrazioni di Braxton Hicks, contrazioni preparto che di solito iniziano dalla 20esima settimana di gravidanza.
Non c'è motivo per non avere rapporti sessuali con il tuo compagno anche se secondo alcuni studi nello sperma ci sono delle sostanze che possono favorire l'avvio delle contrazioni. Magari potreste mettere in pratica delle pratiche sessuali più adatte alla situazione.

Pancia dura alla 35esima settimana. Perché?

Avere la sensazione della pancia dura è frequente negli ultimi mesi di gravidanza e può sfociare nei prodromi del travaglio. Se avvertite questa sensazione a fine giornata non dovete preoccuparsi: per stare meglio potrebbe bastare sdraiarsi per un'ora. Se invece la situazione dura per più tempo ed è accompagnata da perdite di sangue di colore scuro è preferibile una visita dal ginecologo. La pancia dura in altri casi potrebbe anche essere causata da stitichezza che spesso colpisce le donne in gravidanza sopprattutto in queste ultime settimane

Ecografia trentacinquesima settimana di gravidanza 

gpt native-middle-foglia-ros-0

In questa settimana controlla che tu abbia tutto il necessario per il corredino del bebè: 8 body, 8 pigiamini, 2 o 3 golfini, 3 paia di calzini, cappellino, guanti, copertine e lenzuolini per la culla.

Sintomi 35 settimana di gravidanza

  • I legamenti e i muscoli che reggono le giunture si rilassano e questo può provocare il mal di schiena. A volte il dolore  può scendere nei glutei e nella coscia: è sciatica, un disturbo molto comune nelle donne in gravidanza.
  • Potresti soffrire di bruciore allo stomaco e di reflusso gastrico. Mangia più volte in piccole quantità, scegli cibi poco acidi (latte, mandorle, patate, uova, cereali integrali), non combinare insieme zuccheri, carboidrati, proteine e grassi ed evita il più possibile caffè, spezie, tè, cibi grassi, cavolo, cibi fritti etc.
  • Potresti avere dei mal di testa occasionali, svenimenti e capogiri
  • Tra i sintomi possibili anche lieve gonfiore a caviglie, piedi, mani e viso
  • Inoltre potresti avvertire problemi nella respirazione: fiato corto a causa dell'utero che preme sui polmoni
  • Potresti avere più difficoltà a dormire

Curiosità

  • Contrariamente a quanto si dice anche se hai un tatuaggio nella parte bassa della schiena (zona lombare) puoi sottoporti all'epidurale.
  • Un'altra curiosità che leggiamo sul famoso libro "Che cosa aspettarsi quando si aspetta" è che la distanza misurata in centimetri fra la parte dell'osso pubico e quella dell'utero, corrisponde più o meno al numero di settimane della gravidanza. Quindi a 35 settimane il vostro utero dovrebbe essere a circa 35 cm dall'osso pubico.

Video 35 settimana di gravidanza

Partorire alla trentacinquesima settimana di gravidanza

Quali rischi ci sono se una donna partorisce a 35 settimane di gravidanza? In realtà non dovrebbero esserci. Il limite di prematurità è stabilito a 37 settimane di gestazione. Tuttavia, una piccola percentuale di bambini nasce di solito dopo le 32 settimane. Un neonato a 35 settimane potrebbe nascere senza alcun problema, inoltre la datazione della gravidanza potrebbe essere falsa rispetto alla data del concepimento effettivo.

Un bambino che nasce tra le 35 e 37 settimane di gravidanza è definito un prematuro tardivo e non grave. Il peso è un dato importante da considerare per un prematuro, quindi un neonato di 35 settimane con un peso superiore a 1,5 Kg non dovrebbe presentare grossi problemi. Tuttavia sarà tenuto sotto controllo in terapia intensiva neonatale.

Settimane di gravidanza

Se vuoi saperne di più sulle altre 40 settimane di gravidanza,  PianetaMamma ha creato un calendario dei nove mesi con consigli sulla salute, l'alimentazione e gli esami da fare durante le 40 settimane. Inoltre potrai scoprire i cambiamenti del corpo della mamma, come cresce il pancione e come si sviluppa il feto.

FONTE VIDEO CREDITS| Youtube

 

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt