Home Gravidanza Esami e analisi in gravidanza

Quando si sente il battito del feto

di Elena Berti - 16.11.2021 Scrivici

quando-si-sente-battito-feto
Fonte: shutterstock
Dopo il test di gravidanza positivo, molti genitori sono curiosi di sapere quando si sente il battito del feto e quando è meglio fare un'ecografia.

Quando si sente il battito del feto

Quando si scopre di essere incinte, una delle prime paure è che la gravidanza non si sviluppi nel modo giusto. La prima conferma, dopo il ritardo, arriva dal test casalingo. Poi c'è il prelievo del sangue che analizza la quantità di Beta hCG nel corpo. Infine, la visita dal ginecologo. E una domanda che si fanno molti futuri genitori è: quando si sente il battito del feto?

In questo articolo

Come si sviluppa il feto nelle prime settimane

Nel momento in cui uno spermatozoo incontra un ovocita e lo feconda, quest'ultimo inizia la sua risalita attraverso le Tube di Falloppio verso l'utero, per andare a impiantarsi sistemandosi sulle pareti dell'endometrio. È qui che l'embrione inizia a crescere e, grazie alla produzione di ormoni, viene scoperta la gravidanza attraverso i test, casalinghi o di laboratorio. Alla fine del primo mese di amenorrea, quando perciò ha soltanto un paio di settimane, l'embrione misura circa 5mm e il suo cuore batte già, soltanto è troppo piccolo per essere visto tramite ecografia.

La prima ecografia in gravidanza

È soltanto tramite la prima ecografia che si può individuare il battito fetale, ma non sempre è così. Questo perché dipende, come dicevamo, dal momento in cui questa ecografia viene fatta. Il Sistema Sanitario Nazionale prevede tre ecografie durante la gestazione, in assenza di problemi, e la prima andrebbe fatta verso la fine del primo trimestre. Di solito però molte coppie scelgono di fare la prima ecografia molto prima, privatamente, per poter appurare che tutto vada bene.

A cosa serve questa ecografia "precoce"? Più che a sentire il battito, fare un'ecografia alla quinta o sesta settimana - ovviamente transvaginale - permette di verificare se l'embrione si è impiantato correttamente e scongiurare, per esempio, la presenza di una gravidanza extrauterina, cioè l'annidamento dell'ovocita fecondato in un altro posto che non sia l'utero (tube, ovaie…). Questo tipo di gravidanza è molto pericoloso, se scoperto tardi, perché può compromettere l'apparato genitale con asportazione della parte interessata. 

Alla prima ecografia non c’è battito

La gravidanza, tecnicamente, inizia quando si concepisce. Ma solo pochissime donne - quelle che monitorano con precisione il ciclo - possono sapere quale sia esattamente il giorno in cui è avvenuta la fecondazione. Si inizia quindi a contare dall'ultima mestruazione e, soltanto alla prima ecografia, si può stabilire attraverso le dimensioni dell'embrione se i calcoli sono giusti. 

Per questo, non bisogna preoccuparsi se si fa un'ecografia e non c'è battito: potrebbe essere troppo presto. Anche se c'è amenorrea da sei settimane, per esempio, il concepimento potrebbe essersi verificato più tardi. 

Quando fare la prima ecografia per sentire il battito

Se quindi volete avere la certezza di poter sentire il battito e di non prendervi spaventi inutili, resistete alla tentazione di fissare un'ecografia il giorno dopo il test positivo. Il cuore del feto, infatti, è udibile attraverso ultrasuoni solo a partire dalla sesta/settima settimana di amenorrea, a volte anche più tardi in caso di ridatazione ecografica.

Se volete essere sicuri di poter sentire il battito fetale ma volete comunque verificare che sia tutto a posto fin dall'inizio, potete prenotare un'ecografia privata già alla quinta settimana e aspettare con pazienza quella prevista dal SSN nel terzo mese, dove sicuramente potrete sentir battere il cuoricino

Cosa fare se il battito non c’è

Se per caso all'ecografia nelle prime settimane non si sentisse il battito, solo il ginecologo può dirvi se è troppo presto o se invece si tratta di un aborto spontaneo. In quest'ultimo caso, infatti, non è detto che ci siano sintomi e solo l'ecografia potrebbe dare conferme. Molte volte, soprattutto se la gravidanza è davvero all'inizio, il medico propone un altro controllo qualche giorno dopo: se il battito continua a non esserci e le dimensioni dell'embrione non sono aumentate, allora arriva la conferma definitiva.

Il battito del feto si può sentire a partire dalla sesta o settima settimana, sempre che il concepimento sia avvenuto circa due settimane dopo le mestruazioni. A volte può non essere udibile tramite ecografia precoce, ma non è detto che non vada tutto bene: sarà eventualmente il ginecologo a ridatare la gravidanza e a proporvi un'altra visita. 

gpt inread-gravidanza-0

articoli correlati