Nostrofiglio.it
chiudi

Gambe pesanti e gonfiori

Dolori, pesantezza, formicolii, crampi alle gambe: sono le famose "gambe pesanti", che possono  presentarsi all'inizio della gravidanza e crescere fino alla fine, talvolta accompagnate da vene varicose. Se già soffri di problemi circolatori il rischio di andare incontro a disturbi alle gambe aumenta. La complicazione più temuta è la flebite (coagulo in una vena varicosa).
Soprattutto durante il terzo trimestre possono presentarsi crampi o irrequietezza agli arti inferiori, spesso causati da una carenza di calcio e magnesio.

LEGGI ANCHE: Gravidanza, 20 cose che è meglio sapere prima


Infine, alcune mamme in attesa soffrono di edema: l'acqua si accumula sotto la pelle e i piedi e le gambe si gonfiano. In tal caso meglio rivolgersi al medico per essere sicure di non soffrire di pre-eclampsia.

Perchè accade: durante la gravidanza, nel corpo si verificano molti cambiamenti che favoriscono il fenomeno delle gambe pesanti. Il volume del sangue aumenta, il flusso sanguigno accelera, le pareti delle vene si dilatano. Risultato: il ritorno venoso è ridotto e il sangue è "stagnante", dando la sensazione di pesantezza e dolore agli arti inferiori. Inoltre gli ormoni favoririscono la ritenzione idrica.

LEGGI LA FOTOSTORIA: I 10 FALSI MITI DELLA GRAVIDANZA

Cosa fare: non esiste una cura miracolosa per le gambe stanche, quindi meglio prevenire che curare. E' bene adottare alcune regole di vita sana:

- indossate solo scarpe confortevoli, con un piccolo tacco (2-3 cm) ed evitate calze strette
- fate esercizi per favorire il ritorno venoso. Niente di meglio che camminare o nuotare
- dormite con le gambe alzate; sistemate un cuscino all'altezza delle caviglie
- dormite sul lato sinistro, per evitare la compressione da parte dell'utero dei grossi vasi
- sollevate le gambe all'altezza del cuore più volte al giorno
- fate brevi spugnature con acqua fredda sulle gambe, andando col getto della doccia dal basso verso l'alto
- usate creme naturali e fresche che diano sollievo
- evitate l'esposizione alla luce solare, e in generale, al calore (riscaldamento del suolo, la ceretta a caldo, bagni caldi)
- eventualmente indossate calze a compressione

Gambe pesanti e gonfiori
  • Fonte: iStock
Qui vanno inserite le thumb