Home Donna e Mamma

WonderLife: nonne e dintorni

di Redazione PianetaMamma - 06.10.2010 Scrivici

Wonderland ci racconta stavolta di sua madre e quindi nonna della Polpetta e fa un excursus su tutte le nonne e sulle loro frasi preferite. A casa vostra quali sono i tormentoni nonneschi?

Non-na (s.f.): essere di sesso femminile, madre dell’uno o dell’altro genitore del nano, dedita ad intrattenimento ludico del nano e utilissimi babysitteraggi, ma anche ad attività intrusive non richieste nella quiete domestica e polemiche gratuite

Se non ci fossero, bisognerebbe inventarle. Di chi possiamo fidarci più della nonna nei momenti in cui abbiamo bisogno di staccarci dal pupo? Il problema è uno solo: la cara donna in questione è armata di intenzioni talmente buone da risultare pericolose. Si ricorda poco della vostra infanzia, ma quel poco che ricorda a suo avviso è sicuramente indiscutibile. Disapprova almeno il 70% di quello che fate per il nano: ha i suoi personalissimi metodi educativi (opposti ai vostri, è chiaro), e usa con nonchalance il famigerato sistema delle ricompense, che voi evitate come la peste.
Su, ditemelo, anche le vostre esercitano la loro attività di mamma-bis senza minimamente curarsi di voi? Secondo me è un vizio, anche noi saremo condannate a farlo per i nostri nipoti, e diremo cose come…

E che sarà mai…
Caso 1: avete bandito qualsiasi caramella, junk food e dolciume dall’armadio. Andate a prendere il pupo e lo ritrovate, beato, con pane e Nutella e Coca Cola. A 18 mesi.
Tirate fuori un ruggito che manco su Discovery Channel.
Caso 2: cercate di non educarlo al consumismo sfrenato e disapprovate fortemente la dinamica pavloviana azione-ricompensa ed eccolo lì, che mette a posto le costruzioni perché la nonna tiene in mano un enorme lecca lecca alla fragola. Cos’hanno in comune i due casi? Ovviamente la risposta della nonna alle vostre lamentele: “E su, che sarà mai…”

“Hai chiamato la pediatra?”
E’ un ritornello. Il pupo fa un colpo di tosse: “hai chiamato la pediatra?”. Ha la febbre da mezza giornata: “ma uno squillo alla pediatra?”. Non fa la pipì nel vasino: “che dice la pediatra?”. Il giorno in cui, fieramente, risponderete: “sì, l’ho già chiamata e ha detto che non è niente” lei risponderà: “ma quale hai chiamato, quella della asl? Ah, quella non ci capisce niente.” E attaccherà col pediatra da lei consigliato – 80 anni e 180 euro a visita – che a voi v’ha sempre curato tanto bene

Io con te non facevo così
Questa è una frase must per qualsiasi cosa. Per come insegnate al pupo a fare le costruzioni, per come lo vestite, per come lo incoraggiate ad arrampicarsi sullo scivolo. Ricordo benissimo che una volta stavo dando una delle prime pappe ad una recalcitrante Polpetta e mia mamma dietro: “vedi, non vuole mangiare! Io la pappa non te la davo così”. Ho poggiato le posatine di Hello Kitty e ho chiesto: “Ah sì, e come?” Non sapendo bene a cosa appigliarsi ha risposto: “Avevo il cucchiaino a forma di aeroplano. E’ Hello Kitty che le fa paura.” Ha risposto sicurissima

Per una volta non succede niente
Con questo grido di battaglia adesso il pupo appena sale in macchina vuole sentire “Zecchino d’Oro – the best of” a rotella, ad ogni pranzo vuole vedere “la Pimpa” e non beve il succo se non lo mettete in un bicchierino di plastica con la cannuccia corta. “Mamma” la avvertite “cerca di non fargli vedere la tv!” E lei cosa risponderà? Ma è ovvio: “Per una volta non succede niente…” Peccato che lo ripeta ogni volta!

Sai che Armandino, il nipotino della Franca…?
Su, che ce l’abbiamo tutti. “Il nipotino della…”, un piccolo genio, un prodigio della natura che a 10 mesi cammina, a 14 parla, a 18 va in bici senza rotelle. E’ proprio la nonna a parlarci periodicamente di lui, con dettagliati resoconti. La domanda è: ma chi glie l’ha chiesto? E poi: siamo sicuri che la Franca non tenti di dopare i suoi entusiastici racconti del nipote (“oooh! La Franca dice che l’Armandino sa dire la poesia di Natale!”)? Perché voi l’avete visto, una volta, e si esprime in strani e incomprensibili monosillabi. Non tentate di chiederlo alla Franca, replicherebbe che il pupo è così bravo da aver già imparato qualche sillaba di cinese. E, quel che è peggio, vostra madre le crederebbe

E voi? Quali sono le frasi che le nonne del vostro pupo non possono fare a meno di ripetere? Anche i vostri nani tornano da casa dei vostri genitori o di quelli del vostro compagno coi vizi e capricci che avete tentato faticosamente di evitare? Raccontatecelo qui!



1. puntata: Pronti, partenza oddio!

2. puntata: Parole, parole, parole.. le prime!

3. puntata: I posti dove non portare mai un bambino

4. puntata: Cara amica single, ti presento la vita da mamma

5. puntata: Parliamo di papà

6. puntata: Mamme da spiaggia

7. puntata: la festa di compleanno dei nani  

8. puntata: l'inserimento al nido

Leggi qui l'intervista a Chiara di 'Ma che davvero?'
Intervista a Chiara, meglio conosciuta come Wonderland, mamma blogger di "Ma che davvero?", mamma giovane, pungente e cool quanto basta, che ha individuato nell’ironia il modo per raccontare 'quello che le mamme non dicono'. E dopo il successo del blog è uscito il suo primo libro

La recensione su Pianetamamma del libro di Chiara, "Quello che le mamme non dicono"
La recensione un po' strampalata, un po' troppo di parte, un po' emozionata di un libro bellissimo per le mamme. Ma soprattutto per le donne

Il blog di Wondeland: Ma che davvero?

Quello che le mamme..

gpt inread-altre-0

articoli correlati